Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Ghostwire Tokyo è bellissimo negli splendidamente inquietanti scatti di Paolo 'Yuric' Mantoan

Quando la Photo Mode è arte.

Sin da Gran Turismo 4, considerato come primo videogioco ad avere una modalità fotografica interna, in molti si sono dilettati con questa arte, scattando immagini a volte evocative, a volte sciocche, tanto per immortalare la stranezza di turno.

Negli anni però si è cominciata a sviluppare anche il professionismo in quest'ambito, dove tra filtri e fov si cerca di immortalare momenti in grado di esaltare un videogioco, mostrando la sua bellezza anche a chi, non è avvezzo a giocarli.

In Italia abbiamo Paolo "Yuric" Mantoan che è riuscito a ritagliarsi uno spazio anche come fotografo digitale oltre la maniera "classica", riuscendo a coniugare passione e sensibilità artistica. Per l'occasione, ha eseguito diversi scatti nell'ultima fatica targata Bethesda e Tango, Ghostwire: Tokyo, intriso di quella sinistra magia che Mantoan ha saputo cogliere alla perfezione.

Attraverso il link potete vedere alcuni scatti, ma vi consigliamo caldamente di guardare la galleria completa. Oltre Ghostwire, potrete anche ammirare scatti di altre opere come Control, Bloodborne o Assassin's Creed: Valhalla. Vi ricordiamo inoltre la nostra dettagliattissima recensione su questo speciale titolo.

Fonte: PaoloMantoan

A proposito dell'autore

Marcello Ribuffo

Contributor

Commenti