Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Gran Turismo 7 si aggiorna ufficialmente con l'update 1.23 che introduce tre nuove auto

Che non sono una sorpresa.

Come annunciato precedentemente, domattima arriverà il nuovo aggiornamento di Gran Turismo 7, che porta il "Real Driving Simulator" alla versione 1.23. Per l'occasione vengono inserite tre nuove vetture e Yosemite National Park e Sakurada-dori negli scapes.

Le nuove vetture a disposizione sono la velocissima Volkswagen ID.R in versione da pista, una delle vetture più performanti al mondo in senso assoluto, la versione europea della Nissan Silvia S14 (K's Type S) e la nuova versione della Porsche Spyder Vision GT, in questo caso in edizione speedster.

Volkswagen ID.R 19: il prototipo elettrico che ha infranto record di velocità in tutto il mondo. La carrozzeria della ID.R è stata realizzata in fibra di carbonio, con alettoni maggiorati per massimizzare la deportanza. Lunga 5,2 metri, l'auto è relativamente grande, ma pesa meno di 1.100 kg.

Il sistema 4WD a doppio motore sviluppa 500 kW (670 BHP)/650 Nm (66,3 kgfm) per un tempo di accelerazione da 0 a 100 km di appena 2,25 secondi, valori che la pongono sullo stesso piano di auto da corsa con motore a combustione.

La ID.R ha partecipato a diversi eventi motoristici reali in tutto il mondo, con risultati da record. Nella Pikes Peak Hill Climb del 2018, il pilota Romain Dumas ha stabilito un record di 7 minuti e 57 secondi, primo risultato della competizione inferiore agli 8 minuti.

Al Nürburgring Nordschleife, la ID.R ha stabilito il giro più veloce per un veicolo elettrico con il tempo di 6 minuti e 5 secondi. Al Goodwood Festival of Speed, l'auto è stata la prima a completare la leggendaria cronoscalata appena sotto i 40 secondi, con un record di 39,9 secondi.

Nissan Silvia K's Type S (S14) '94: la Silvia di sesta generazione offre un lusso superiore in un'ampia carrozzeria. La S14 è larga 1.730 mm in più rispetto ai 1.690 della S13. Di conseguenza, l'ampiezza degli assi è stata aumentata. Il nuovo modello è anche più lungo di 30 mm, per un totale di 4.500 mm, e più alto di 5 mm, 1.295 mm in totale.

Nel complesso, la carrozzeria è più grande sotto ogni punto di vista. Le linee più morbide ne fanno risaltare l'ampiezza. Il modello K è dotato di cerchi da 16 pollici di serie. Il motore è una versione rielaborata della serie SR20 usata dalla S13. La variante superiore K monta un turbo con intercooler e sviluppa 14 BHP in più della generazione precedente, per un totale di 216 BHP/28 kgfm.

I modelli Q e J ad aspirazione naturale sviluppano 157 BHP/19,2 kgfm. La semplice struttura delle sospensioni, ripresa dalla S13, sfrutta aste anteriori e un sistema a bracci multipli posteriore. L'auto è stata resa disponibile anche con sistema elettronico di sterzo delle ruote posteriori "Super HICAS".

Porsche Vision Gran Turismo Spyder: un'interpretazione moderna e audace del futuro delle auto sportive, firmata Porsche. La Porsche Vision Gran Turismo perpetua la tradizione del costruttore tedesco ma è allo stesso tempo un'interpretazione moderna e audace del futuro delle auto sportive.

Combina elementi classici delle storiche sportive Porsche, elementi del modello da primato 919 Hybrid e lo spirito pionieristico della Taycan, prima Porsche sportiva elettrica, in un modello sportivo leggero dalle prestazioni elevate.

Linee esterne e interne si fondono armoniosamente e danno al pilota la sensazione di integrarsi con l'auto, specialmente una volta seduto nell'abitacolo del telaio con monoscocca in carbonio d'avanguardia.

I due motori elettrici della Porsche Vision Gran Turismo sviluppano una potenza di 820 kW (1.098 BHP) e una coppia massima di 1.090 Nm (111 kgfm). Un innovativo sistema aerodinamico migliora le prestazioni dell'auto reagendo dinamicamente a qualsiasi condizione di guida.

L'auto è perfetta per le curve impegnative e le sezioni ad alta velocità di tracciati come il Nürburgring Nordschleife e delle strade alpine.

Fonte: PlayStationBlog

A proposito dell'autore

Marcello Ribuffo

Contributor

Commenti