Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Dirigenti Microsoft accusati di 'abuso verbale e molestie sessuali' in un nuovo report

Sta per scoppiare un'altra bomba?

Dopo le questioni Activision-Blizzard e Ubisoft, anche Microsoft sta forse per affrontare un dura crisi, dovuta a dirigenti accusati di "abuso verbale e molestie sessuali" stando a un nuovo rapporto che sostiene come all'interno del colosso, vi sia un ramo in cui venga tollerato tutto ciò. Si parla del 2016, ma la situazione è un po' complessa.

Alex Kipman, inventore del visore per realtà mista HoloLens e capo del dipartimento metaverse di Microsoft, è quello che ha ricevuto più accuse e stando alle segnalazioni pare, in un caso, mentre utilizzava il visore con un monitor vicino, stesse visionando un "porno VR", con alcuni dipendenti all'interno della stessa stanza. Kipman è anche accusato di creare "una cultura che sminuisce i contributi delle donne".

Nonostante il reparto HR abbia preso alcune "precauzioni", come ad esempio assegnare degli accompagnatori a Kipman in modo da monitorarne i comportamenti, pare che le diverse segnalazioni non abbiano poi portato a reali provvedimenti. Anche Terry Myerson e Tom Keane sono usciti fuori dal rapporto, con il primo l'ex capo di Widows che se n'è andato nel 2018 senza spiegazioni anche se, secondo questo nuovo rapporto, pare abbia subito un guasto nel backstage di un evento Microsoft in cui ha rimproverato pubblicamente tutti urlando a squarciagola. Il CEO di Microsoft Satya Nadella dovrebbe aver giocato un ruolo determinante per il suo allontanamento.

Keane, invece, chiamato "King Tom" alle sue spalle per il suo stile manageriale dittatoriale, a un certo punto, avrebbe persino fatto piangere un dipendente durante una riunione pubblica. Keane lavora ancora in Microsoft, anche se è stato riassegnato dal suo ruolo in Azure dopo un'inspiegabile pausa di 30 giorni.

Queste informazioni, ricavate da "insider" di Windows Central intervistando diversi dipendenti e questo è importante perché mentre l'acquisizione di Activision-Blizzard è ancora in corso, Microsoft sta cercando di stare molto attenta alle varie segnalazioni proprio per evitare che anche lei venga travolta dal vortice di polemiche della compagnia acquisita. Stranamente però, nonostante l'attenzione in più, questi casi non furono mai menzionati da Microsoft nei suoi vari rapporti. Probabilmente arriveranno alcune dichiarazioni ufficiali nei prossimi giorni.

Fonte: TheGamer

Taggato come

Commenti