Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Rainbow Six Siege dichiara guerra agli 'amanti' del fuoco amico con Operation Vector Glare

In arrivo sanzioni per chi spara ai propri compagni di squadra in Rainbow Six Siege.

Il prossimo aggiornamento di Rainbow Six Siege, Operation Vector Glare, porterà nuove sanzioni contro gli amanti del fuoco amico. I giocatori che feriscono ripetutamente i compagni di squadra abbastanza da attivare il "fuoco amico inverso" (uno stato in cui il danno ai compagni di squadra si riflette su di voi) vedranno presto l'effetto trasferirsi automaticamente nelle partite successive. In una presentazione alla stampa, il director di Siege Alex Karpazis ha definito questa nuova regola "fuoco amico inverso preventivo" o "preemptive reverse friendly fire."

In sostanza, questo significa che Siege ora ricorderà quando siete stati pessimi compagni di squadra, almeno per quanto riguarda il fuoco amico. Nell'esempio mostrato alla stampa, una notifica sul menu principale di un trasgressore mostrava che RFF sarebbe stato attivo per le prossime 20 partite e sarebbe scaduto dopo "più partite senza ferire i compagni di squadra". Ci sono molte partite da finire in modo pulito, ma Karpazis ha detto che non era sicuro se la cifra di 20 partite rifletterà una vera sanzione una volta che l'aggiornamento sarà live.

I giocatori che usano fuoco amico è un problema presente da sempre in Siege. Il gioco è uno dei meno clementi, inoltre: un singolo colpo alla testa con qualsiasi pistola è un'uccisione istantanea sia per i nemici che per gli alleati.

Nel corso degli anni, alcuni giocatori hanno chiesto a Ubisoft di ridurre i danni della squadra o di disattivarlo del tutto, ma lo studio ha preso una posizione intransigente sul fatto che imparare a sparare ai nemici senza sparare agli amici è un'abilità fondamentale di Siege.

Sembra una modifica molto gradita, ma potrebbero anche esserci punizioni troppo severe per chi commette semplicemente degli errori. A volte un'uccisione di squadra è davvero un incidente. Quando lo è, il compagno di squadra ucciso decide il destino dell'autore del reato: dichiarare che non è stato intenzionale e andare avanti, oppure decidere di attivare RFF.

Fonte: PCGamer.

A proposito dell'autore

Avatar di Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Contributor

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Commenti