Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Twitch svela il suo nuovo programma per pagare gli streamer in modo più affidabile

Twitch presenta l'Ad Incentive Program.

Twitch sta implementando una nuova iniziativa che potrebbe alleviare uno dei maggiori fattori di stress per i creatori di contenuti, ovvero i guadagni poco affidabili.

L'Ad Incentive Program, o AIP, è un nuovo programma che pagherà agli streamer selezionati un importo minimo mensile garantito di entrate pubblicitarie. Gli streamer affiliati o partner qualificati riceveranno una notifica da Twitch che offre loro pagamenti diversi in base alla quantità di annunci pubblicati all'ora e alle ore totali di streaming.

Nell'esempio fornito da Twitch, se un creatore ha eseguito streaming per almeno 40 ore in un mese, potrebbe ricevere $100 per la pubblicazione di due minuti di annunci all'ora, $300 per tre minuti o $500 per quattro minuti. Oltre a questi incentivi a più livelli, l'AIP include anche una funzione di gestione degli annunci che controlla quando vengono riprodotti durante uno streaming, alleviando l'onere della tempistica delle interruzioni pubblicitarie.

Nell'annuncio, Twitch ha affermato che gli importi offerti varieranno in base al creatore e che non esiste un limite al potenziale reddito guadagnato. I creatori possono ricevere entrate aggiuntive alla tariffa normale per lo streaming oltre il numero minimo di ore richiesto. Se un creatore rinuncia al programma, potrà ricevere un pagamento proporzionale in base al numero di ore di streaming.

L'AIP sembra una sorta di programma di reddito di base universale per gli streamer. L'"inaffidabilità del reddito" è uno dei maggiori grattacapi per i creatori di contenuti. Le entrate provenienti da donazioni e abbonamenti possono fluttuare enormemente di mese in mese, creando un ambiente precario per le persone che dipendono da queste entrate. Secondo Twitch, "avere un livello affidabile di entrate pubblicitarie dovrebbe consentirvi di pianificare meglio il futuro, qualunque esso sia. Ci auguriamo che sia un passo importante verso l'empowerment dei creatori".

Fonte: The Verge.

A proposito dell'autore
Avatar di Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Contributor

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Commenti