Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Ubisoft e NFT: per la società 'i giocatori non li hanno ancora capiti, saranno un vantaggio per loro'

Ubisoft difende ancora gli NFT.

Ci sono già diverse aziende che aderito agli NFT. Konami ha rilasciato all'asta edizioni limitate e Atari è stato l'ultimo a intraprendere questa strada, questa volta sotto forma di lootbox. Tuttavia, quella che ha avviato le polemiche è stata Ubisoft con il sistema Quartz.

Ora, in una recente intervista, il vicepresidente dell'azienda ha parlato di questo argomento. Nicolas Pouard assicura che l'opposizione del pubblico "era una reazione che ci aspettavamo", poiché " sappiamo che non è un concetto facile da capire".

"Penso che i giocatori non capiscano cosa può offrire loro un mercato di questo tipo. Per ora, a causa della situazione e del contesto attuali degli NFT, i giocatori credono davvero che in primo luogo stia distruggendo il pianeta e, in secondo luogo, sia solo uno strumento di speculazione. Ma ciò che noi di Ubisoft consideriamo per prima cosa è la linea di fondo. La linea di fondo riguarda il dare ai giocatori l'opportunità di rivendere i propri oggetti una volta che hanno finito con loro o finito il gioco stesso" afferma.

Pouard sottolinea che la trasparenza è un altro dei pilastri chiave nella direzione di progetti NFT presso Ubisoft e sottolinea che "in nessun momento costringeremo i nostri giocatori a utilizzare Quartz e Digits. Li informiamo solo che esiste un nuovo sistema che potrebbe fornire loro un valore più alto".

Fonte: Kotaku

A proposito dell'autore

Claudia Marchetto

Contributor

Commenti