Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Abandoned: l'app PS5 è disponibile ma... non c'è niente da vedere

Il gioco è bello quando dura poco?

L'app di Abandoned è finalmente funzionante e disponibile su PS5. Dopo mesi di attesa, ore di problemi e tante, forse troppe ipotesi, il progetto di BLUE BOX Game Studios avrebbe dovuto fugare ogni dubbio riguardo la sua natura.

C'è chi pensa che si tratti di Silent Hill, c'è chi ha ipotizzato che il direttore dello studio Hasan Kharaman non esista e sia invece nientemeno che Hideo Kojima, c'è addirittura chi crede che si tratti di una serie di titoli "dimenticati" pronti a tornare in pista, fra Metal Gear Solid e altre IP abbandonate.

In serata è stato reso disponibile un update da 5GB per l'applicazione "Real Time" di Abandoned, su cui ora è disponibile il primo attesissimo teaser.

Il problema è che il trailer diffuso non è altro che la GIF animata pubblicata su Twitter dallo stesso account di BLUE BOX nei giorni scorsi. Un filmato della durata di una manciata di secondi che mostra la parte inferiore del corpo di un uomo (vestito in modo simile al James Sunderland di Silent Hill 2) intento a percorrere un corridoio.

L'app si apre con un menù che mostra diverse caselle dedicate a teaser, trailer e gameplay che molto probabilmente saranno aggiornate nei mesi a venire, lasciando dozzine di appassionati con un pugno di mosche. Arrivati a questo punto, gli appassionati si aspettavano almeno una piccola conferma, e invece dovranno attenere ancora prima di dipanare i dubbi riguardo il misterioso Abandoned di BLUE BOX.

In parole povere, il gioco è bello quando dura poco, e la storia del marketing di Abandoned sembra essere già durata fin troppo.

Taggato come

A proposito dell'autore

Avatar di Lorenzo Mancosu

Lorenzo Mancosu

Contributor

Cresciuto a pane, cultura nerd e videogiochi, i suoi primi ricordi d'infanzia sono tutti legati al Super Nintendo. Dopo aver lavorato dentro e fuori dall'industry, è finalmente riuscito ad allontanarsi dalle scartoffie legali e mettere la sua penna al servizio di Eurogamer.it.

Commenti