Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Akira Yamaoka, musicista dei primi Silent Hill, vorrebbe che il franchise riprendesse vita

E tifa per una reunion del Team Silent.

Al contrario di Resident Evil, che dopo una serie di capitoli non troppo riusciti si è riscattato alla grande con il recente Resident Evil 7, il franchise di Silent Hill è da parecchio tempo che non da in pasto ai suoi fan un capitolo degno di essere ricordato nella storia dei videogiochi. L'ultimo capitolo della saga, Downpour, non è infatti esattamente quello che i fan si aspettavano.

Ed è in questo contesto di aridità e miseria che le parole di Akira Yamaoka arrivano come una piccola, quasi insignificante oasi nel deserto: Yamaoka, musicista che ha lavorato ai primi Silent Hill ed ex membro del Team Silent, ha dichiarato alla Gamescom di quest'anno di essere estremamente favorevole ad un reboot della serie, e nonostante attualmente sia impegnato con Suda 51 negli studi di Grasshopper Manufacture non sarebbe contrario ad una reunion del Team Silent.

Yamaoka ha inoltre dichiarato ai microfoni di PC Gamer che non può dire se ci sarà o meno un altro Silent Hill, ma è molto contento del fatto che i fan del franchise stiano ancora chiedendo a gran voce nuove notizie sulla serie; da parte sua ovviamente c'è il massimo entusiasmo per un ipotetico nuovo capitolo della saga.

E voi cosa ne pensate? Vorreste anche voi un nuovo Silent Hill?

A proposito dell'autore
Avatar di Marco Brigato

Marco Brigato

Contributor

Appassionato di lettura e videogiochi, i suoi generi preferiti sono il distopico e lo sci-fi. Adora gli open world ma è convinto che niente possa raccontare una storia meglio di una precisa ed ispirata "narrativa su binari". Se potesse, investirebbe miliardi nella VR; nemico naturale del salmone e delle password.

Commenti