Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Assassin's Creed con solo protagoniste femminili? Ubisoft ha bloccato progetti perché 'le donne non fanno vendere'

Secondo un report è successo in Syndicate, Origins e Odyssey.

Un nuovo report focalizzato sugli abusi e il sessismo interni ad Ubisoft ha svelato che la compagnia avrebbe ridotto al minimo, o eliminato del tutto, alcuni ruoli femminili nella serie Assassin's Creed, perché con delle protagoniste donne i giochi avrebbero venduto di meno.

In un ampio report di Bloomberg - in gran parte focalizzato sui dirigenti dell'azienda - i dipendenti anonimi di Ubisoft spiegano che Assassin's Creed Syndicate, Origins e Odyssey sono stati tutti pesantemente colpiti da queste decisioni prima del lancio.

Secondo quanto riferito, la sceneggiatura di Syndicate originariamente dava lo stesso tempo sulla scena a Jacob ed Evie Frye, ma in seguito sono state apportate modifiche per includere più scene di Jacob.

Il piano originale per Origins era di mostrare il personaggio principale Bayek ferito, o ucciso, all'inizio del gioco, con sua moglie Aya che diventava così l'eroe dopo quell'evento. Questo è stato impedito e Aya è diventata un personaggio secondario.

Il team di Odyssey aveva originariamente puntato su Kassandra come unico personaggio principale, ma agli sviluppatori è stato detto che questa non poteva essere un'opzione e quindi sono stati costretti a scegliere Alexios.

Gli sviluppatori anonimi che hanno segnalato queste modifiche hanno spiegato che gli ordini arrivavano dal dipartimento marketing o dal Chief Creative Officer Serge Hascoët - che da allora si è dimesso dal suo ruolo a seguito delle molteplici segnalazioni di cattiva condotta e abuso sessuale.

Il prossimo Assassin's Creed Valhalla include un personaggio principale chiamato Eivor, che potrà essere sia maschio che femmina (e il cui genere potrà essere scambiato in qualsiasi momento).

Ubisoft è stato scosso dalle continue accuse di una cultura del lavoro tossica in molti dei suoi studi. Dopo che il CEO Yves Guillemot ha promesso di seguire personalmente la situazione, diversi dirigenti si sono dimessi o sono stati licenziati.

Che ne pensate?

Fonte: IGN.

A proposito dell'autore

Avatar di Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Contributor

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Commenti