Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Il creatore di Ancestors: The Humankind Odyssey furioso: "alcuni recensori non hanno giocato affatto il titolo"

Patrice Desilets spiega così il basso punteggio ricevuto dal suo gioco.

Patrice Desilets, creatore di Ancestors: The Humankind Odyssey, afferma che alcuni recensori non hanno giocato affatto al gioco e hanno persino inventato funzionalità inesistenti.

Parlando al Reboot Develop Red, Desilets ha affermato che il suo team di sviluppo è furioso per il fatto che alcuni recensori hanno inventato funzionalità nelle loro review, chiarendo che, in realtà, alcuni giornalisti specializzati non avevano giocato al gioco.

Il titolo ha attualmente un metascore di 64 su Metacritic.

"Sappiamo per certo, sto cercando di sorridere quando lo dico, che alcuni recensori in realtà non hanno giocato al gioco", ha detto lo sviluppatore.

"Fa parte del nostro settore, devono recensire un gioco e ne hanno 15 da recensire in una settimana e, a volte, non hanno tempo".

"So per certo che alcuni hanno inventato alcuni elementi del gioco. Ad esempio non puoi cavalcare nessuna creatura nel nostro gioco, ma alcuni recensori hanno detto "non è stato grandioso quando si cavalca". Il mio team è abbastanza arrabbiato."

Desilets non ha rivelato chi ha inventato le caratteristiche o chi ritiene non abbia giocato.

"Abbiamo ricevuto più di 175 recensioni ma abbiamo ricevuto 64 su Metacritic. E sono abituato ad avere un numero maggiore di quello".

"Ma la gente si aspettava che il mio studio facesse un gioco molto vicino a Assassin's Creed. Non è proprio possibile", ha detto. "Abbiamo preso alcune decisioni difficili al fine di distribuire il gioco e volevamo che fosse diverso."

Che ne pensate?

Fonte: VG247.

A proposito dell'autore

Avatar di Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Contributor

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Commenti