Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Crystal Dynamics spiega il "tentato stupro" di Lara Croft

Si spera per l'ultima volta, prima del lancio di Tomb Raider.

Crystal Dynamics è tornata sul tema dell'ormai famosa scena del "tentato stupro" della giovane Lara Croft nel reboot di Tomb Raider, e lo ha fatto con le parole di Karl Stewart, global brand director.

Rosenberg "ha detto qualcosa che è certamente una parola che non è nel nostro vocabolario e non nella nostra comunicazione", ha spiegato Stewart ai microfoni di Kotaku, "è la sua personale opinione... e, come ho detto, non è qualcosa che vogliamo comunicare".

Si trattava invece di una "situazione patologica" e di "intimidazione fisica molto ravvicinata".

"Abbiamo usato questo mezzo e quella intimidazione per rendere più forte" il personaggio di Lara, "per farla sentire rafforzata e portarla oltre quel breaking point in cui realizza la difficoltà della situazione e la sua volontà di sopravvivere".

Taggato come

A proposito dell'autore

Avatar di Paolo Sirio

Paolo Sirio

Contributor

Boxaro ma non troppo, sonaro a tratti con un occhio di riguardo per Nintendo, comprende ben presto che il mestiere del giornalista, filtrato per la passione dei videogiochi, ha tutto un altro sapore.

Commenti