Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Déraciné: Hidetaka Miyazaki spiega l'espansione di From Software verso la VR e i punti in comune con Bloodborne e Dark Souls

Il presidente della compagnia ci svela qualche interessante dettaglio sul gioco per PlayStation VR.

Uno dei più sorprendenti annunci nel corso dell'E3 di PlayStation della scorsa settimana è stato Déraciné, un nuovo gioco di avventura per PlayStation VR di FromSoftware, studio conosciuto per il suo lavoro alla serie Dark Souls. In un'intervista con il presidente Hidetaka Miyazaki, pubblicata su PlayStation Blog, si svela qualche dettaglio in più sul gioco.

Durante l'intervista, Miyazaki-san ha spiegato come lo studio voleva espandersi nella VR, ma, allo stesso tempo, voleva anche affrontare un gioco di avventura che richiamava le radici di FromSoftware:

"In primo luogo, come sviluppatori, sapevamo che dovevamo essere al passo con ciò che stava accadendo nello spazio VR".

"Mentre stavamo iniziando a concludere Bloodborne e Dark Souls III, ovviamente stavamo guardando a quello che sarebbe potuto accadere in seguito, ma allo stesso tempo stavamo osservando ciò che avevamo fatto in passato. In realtà abbiamo rilasciato molti giochi di avventura prima dei nostri più recenti titoli d'azione. Ad esempio, ne abbiamo pubblicato uno chiamato Echo Night".

"Non volevamo semplicemente riportarlo indietro e sapevamo di poter realizzare un gioco di avventura. Questo ci ha dato l'opportunità di iniziare una conversazione interna su cosa avremmo potuto fare all'interno di quel genere, mentre allo stesso tempo guardavamo alla realtà virtuale - e le due idee combaciavano bene".

Alla domanda su cosa Déraciné, un titolo con un tono più pacifico e rilassato, ha in comune con titoli come Bloodborne e Dark Souls, Hidetaka Miyazaki ha citato la trama, l'atmosfera e il senso di mistero del gioco:

"Il modo in cui raccontiamo la storia: l'approccio frammentario alla narrazione. L'altra cosa è la calma tranquillità che potrebbe evocare un certo stato d'animo che è unico per i giochi FromSoftware. C'è anche un senso di bellezza che penso sia comune in tutti i nostri giochi, anche se il modo in cui viene espressa la bellezza può essere molto diverso. Qui c'è forse un senso di mistero piuttosto unico ma forse eseguito in modo simile ad altri nostri giochi".

Inoltre, questa intervista ha anche rivelato perché FromSoftware, e Miyazaki-san stesso, amano creare narrazioni più frammentate o sottili nei loro giochi, come accade anche in Déraciné:

"È assolutamente vero che questa è la metodologia che uso per raccontare storie nei nostri giochi. È un approccio che mi piace davvero. Credo che sia radicato nella mia esperienza di vita. Quando ero bambino leggevo libri che probabilmente erano destinati a una fascia di età più avanzata. Erano libri che erano molto difficili da capire per me".

"Se leggo il libro di questo tipo, probabilmente non capirò alcune parole o concetti e i significati. Il lavoro che devo fare, quindi, è o lasciare spazio alla mia immaginazione o tornare a leggere le cose più avanti, quando potrò comprenderle - questo è un processo che ha avuto una grande influenza su quello che faccio oggi".

"Ho la sensazione che si possano avere libri "facili" da comprendere e che puoi leggere tutto il tempo, ma una volta ogni tanto sento che bisognerebbe nutrirsi con qualcosa di un po 'più impegnativo, che dia un senso di divertimento quando finalmente si è in grado di comprendere. Questo è l'approccio che mi piace adottare - per garantire che ci sia quel senso di felicità nel comprendere ciò che viene detto".

In un'altra intervista, Hidetaka Miyazaki ha fatto intendere che From Software potrebbe tornare a sviluppare un titolo della serie Dark Souls.

Che ne pensate di Déraciné?

Taggato come
A proposito dell'autore
Avatar di Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Contributor

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Commenti