Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

I primi dettagli su Castlevania: Lords of Shadow 2

Sarà valsa la pena di aspettare così tanto?

L'ultimo numero della Rivista Ufficiale PlayStation UK ha svelato i primi dettagli sul gameplay di Castlevania: Lords of Shadow 2, l'atteso secondo episodio della serie di MercurySteam.

Cominciamo dalla narrazione: il gioco seguirà due filoni temporali diversi, uno in epoca moderna ma con il tocco gotico del franchise, l'altro ambientato nel castello in un periodo non ancora definito.

Quanto al gameplay, il nuovo sistema di abilità permetterà di sbloccare mosse speciali e combo con l'accumulo di punti esperienza nei combattimenti. La Combat Cross è stata sostituita con la Blood Whip ed è affiancata dalle speciali Void Sword e Chaos Claws.

Usandole il giocatore ottiene dei miglioramenti degli effetti magici: nel primo caso la spada consente a Dracula di rigenerare la salute, mentre la seconda serve per abbattere le difese avversarie. Tra le abilità svelate finora figurano la possessione degli esseri umani e la capacità di trasformarsi in nebbia per passare inosservato e accedere ad aree segrete altrimenti irraggiungibili.

Il classico mana lascerà il posto al sangue di Dracula, che non potrà rigenerarsi col tempo ma si ricaricherà durante i combattimenti, con le uccisioni. La barra del Focus si carica schivando e contrattaccando i colpi nemici.

Un'ultima nota sull'inquadratura: gli sviluppatori spagnoli hanno implementato una visuale libera opzionale, con cui sarà possibile sostituire la consueta camera fissa.

I punti di di ancoraggio negli scenari possono essere evidenziati o meno, a seconda dei livelli di difficoltà di vostra preferenza, mentre le mappe sono più grandi e contengono corpose aree opzionali.

Le boss fight sono infine più ostiche e vari, con un utilizzo dei QTE sensibilmente ridotto.

A proposito dell'autore

Avatar di Paolo Sirio

Paolo Sirio

Contributor

Boxaro ma non troppo, sonaro a tratti con un occhio di riguardo per Nintendo, comprende ben presto che il mestiere del giornalista, filtrato per la passione dei videogiochi, ha tutto un altro sapore.

Commenti