Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Nintendo lancia il torneo Wii Want U

Una competizione tra redazioni e utenti tutta italiana.

Nintendo ha organizzato Wii Want U, il primo torneo videoludico in esclusiva per i rappresentanti delle più importanti testate giornalistiche specializzate italiane e i membri delle loro community.

Con Wii Want U, Nintendo Italia lancia la sfida agli esperti della stampa specializzata e ai rispettivi utenti affezionati, invitandoli a misurare le proprie competenze in materia di videogiochi anche con GamePad alla mano.

I giornalisti più e in vista del settore faranno squadra per competere l'uno contro l'altro sulla nuova console Wii U, nella prima competizione del genere targata Nintendo. Il torneo prevede una serie di sfide su console Nintendo Wii U con tre diversi titoli: New Super Mario Bros.U, NintendoLand e Call of Duty Black Ops II.

Le testate invitate a partecipare all'iniziativa avranno il compito di selezionare un utente del loro sito o della loro community di riferimento, secondo modalità scelte dalla stesse redazioni. Ogni testata sarà quindi rappresentata da un redattore e un utente che sfideranno le altre coppie di giocatori in gara.

Il programma di Wii Want U è suddiviso in quattro appuntamenti, a cadenza settimanale, per la durata di cinque settimane.

I primi 3 appuntamenti sono dedicati rispettivamente ad uno dei tre titoli con i quali si sfideranno le varie testate. Durante il quarto ed ultimo appuntamento si svolgerà la finalissima di Wii Want U, che decreterà la redazione campione assoluta del torneo.

Il regolamento della competizione, le modalità di gioco e il programma della manifestazione, saranno definiti e pubblicati a breve sul sito ufficiale che sarà lanciato nei prossimi giorni.

Taggato come

A proposito dell'autore

Avatar di Paolo Sirio

Paolo Sirio

Contributor

Boxaro ma non troppo, sonaro a tratti con un occhio di riguardo per Nintendo, comprende ben presto che il mestiere del giornalista, filtrato per la passione dei videogiochi, ha tutto un altro sapore.

Commenti