Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Walker: "Portal? Publisher e distributori dicevano che avrebbe attirato solo il pubblico femminile e pochi altri"

Come The Orange Box di Valve stupì proprio tutti. Anche Valve stessa.

Vi ricordate di The Orange Box? Si tratta di una collection che venne pubblicata da Valve su PC, PS3 e Xbox 360 e che comprendeva al proprio interno dei mostri sacri o dei giochi che comunque lo sarebbero diventi: Team Fortress 2, Half-Life 2, Half-Life 2: Episode One, Half-Life 2: Episode Two e Portal.

The Orange Box fu un esperimento per Gabe Newell e soci, un esperimento tutt'altro che semplice che, come traspare da un articolo dedicato pubblicato su Rock Paper Shotgun si fondava anche su un assunto almeno in parte fallace: unire tanti giocatori con progetti dedicati a target ben precisi e limitati. In parole povere Portal doveva attirare un certo tipo di pubblico e difficilmente sarebbe interessato a chi si tuffava in Team Fortress 2 o in Half-Life 2.

Robin Walker ha spiegato in dettaglio questo concetto utilizzando soprattutto Portal come esempio cardine.

"Avevamo la sensazione che ogni gioco avrebbe soddisfatto un desiderio talmente diverso che tutti avrebbero trovato una parte più o meno piccola di pubblico. Mostravamo Portal a publisher e distributori nei mesi precedenti al lancio e spesso ci dicevano che avevamo realizzato un gioco che avrebbe attirato solo le donne, o le persone che non amavano gli shooter e altre piccole categorie. Pensavano che avremmo dovuto accoppiare prodotti specifici a categorie specifiche e che combinando tutti i prodotti insieme ci sarebbe stato un buon successo.

"Dopo il lancio vedemmo molte tipologie di persone giocare a tutto ciò che c'era nel The Orange Box e non rientravano nelle linee guida semplicistiche che ci eravamo immaginati. I giocatori di Portal passavano parecchio tempo a giocare a Counter-Strike mentre Team Fortress 2 attirò qualsiasi tipo di giocatore. Entrambi attirarono parecchi nuovi giocatori".

Una reazione così diversa dalle previsioni spinse Valve a rivalutare le diverse sfaccettature del mercato portando la compagnia a raccogliere statistiche sempre più dettagliate grazie a Steam e a modificare la piattaforma in base ai risultati ottenuti. L'articolo completo è sicuramente interessante e ci porta alla scoperta di uno dei progetti più curiosi della compagnia e di come la influenzò.

Cosa pensate delle parole di Walker?

A proposito dell'autore

Avatar di Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Contributor

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Commenti