Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Phil Spencer non digerisce le motivazioni di Sony nel bloccare il cross-play

"La sicurezza è veramente molto importante per Microsoft".

Durante l'E3 di quest'anno Microsoft ha mostrato l'intenzione di fare un determinante passo avanti verso il cross-play, grazie all'annuncio della possibilità per gli utenti Android, iOS, Nintendo Switch, VR e Windows 10 di poter giocare assieme anche da piattaforme diverse. Questa direzione è stata intrapresa anche da Psyonix con Rocket League, ma anche in questo caso tra le piattaforme compatibili manca uno dei grandi nomi dell'industria: PlayStation.

Sony infatti ha rifiutato questa possibilità, e Microsoft e Psyonix hanno subito messo in chiaro che la mancanza del cross-play su PlayStation era una decisione presa proprio dal colosso giapponese. Tra le motivazioni di questo rifiuto Jim Ryan, capo della divisione vendite e marketing di Sony, annovera la sicurezza, o meglio la presunta incapacità di garantire la sicurezza dei giocatori online, soprattutto per un pubblico come quello di Minecraft.

Come riporta Polygon, Phil Spencer ha prontamente risposto a questa velata accusa, mettendo in chiaro che la sicurezza è una delle feature più importanti per Microsoft, e nel caso specifico di Minecraft il team non permetterebbe mai al titolo di finire preda di un ecosistema incontrollabile ed insicuro; Spencer si è dichiarato inoltre dichiarato esterrefatto per l'attacco mosso da Sony nei confronti di Microsoft, e crede che un dialogo tra le due compagnie incentrato su questo tema non porti benefici a nessuno.

E voi cosa ne pensate di questa faccenda? Vi sentite al sicuro quando giocate sulla piattaforma Xbox Live di Microsoft? Ma soprattutto, lo vorreste il cross-play tra PlayStation ed Xbox?

A proposito dell'autore
Avatar di Marco Brigato

Marco Brigato

Contributor

Appassionato di lettura e videogiochi, i suoi generi preferiti sono il distopico e lo sci-fi. Adora gli open world ma è convinto che niente possa raccontare una storia meglio di una precisa ed ispirata "narrativa su binari". Se potesse, investirebbe miliardi nella VR; nemico naturale del salmone e delle password.

Commenti