Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Square Enix: l'innovazione è il punto fondamentale per i franchise di Final Fantasy, Tomb Raider e Dragon Quest

Il CEO Yosuke Matsuda parla anche dell'"impatto" che ha avuto Final Fantasy 15.

Final Fantasy XV è stato abbastanza apprezzato dai vecchi fan, ma ha raggiunto anche un nuovo pubblico. Il gioco, come saprete, ha modificato la formula classica proponendo un mondo più aperto e un combattimento proiettato in una direzione più action. All'ultimo E3, il CEO e presidente di Square Enix, Yosuke Matsuda, ha parlato con Game Informer in un'intervista e, in questa occasione, ha confermato che FF15 ha alzato il profilo della serie.

"Sì, penso che l'abbia fatto perché abbiamo provato molte cose diverse con [Final Fantasy XV]", ha detto. "Tra i titoli di questa serie, penso che fosse piuttosto unico, e capisco che non sono solo i fan ad averlo giocato, ma anche molti nuovi giovani giocatori. In questo senso, penso che il gioco abbia avuto un impatto significativo".

In seguito Matsuda ha parlato dell'importanza dell'innovazione in tutti i principali franchise di Square Enix. "Sia che tu stia parlando di Final Fantasy o Dragon Quest o Tomb Raider, questi per noi sono davvero i pilastri in termini di franchise", ha detto. "E per questo motivo, dobbiamo sempre innovare con questi. Crediamo che franchise e IP siano davvero creature viventi. Devi sempre arricchirli con le innovazioni più recenti altrimenti rischiano di morire. E questo è qualcosa che penso sia da applicare sia a nuove IP che ai nostri franchise esistenti."

Matsuda ha riconosciuto che i singoli sviluppatori si avvicinano a questo in modo diverso con le proprie idee, ma ha detto che è sempre l'obiettivo principale ed essenziale per il successo e la sopravvivenza di franchise vecchi e nuovi.

In altre notizie correlate, abbiamo scoperto che Square Enix ha intenzione di rendere disponibile online il suo catalogo di giochi. Tuttavia c'è un piccolo problema: la compagnia ha ammesso di non sapere che fine abbiano fatto alcuni dei suoi giochi.

Che ne pensate?

A proposito dell'autore

Avatar di Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Contributor

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Commenti