Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Take-Two non vuole "investire in chiacchiere"

Il publisher di Grand Theft Auto è in vena di acquisizioni?
Karl Slatoff.

Karl Slatoff, presidente di Take-Two, è intervenuto alla Capital Markets Technology and Digital Media Conference del gruppo BMO, parlando delle intenzioni per il futuro del publisher statunitense.

Gamesindustry ha riportato che in particolare l'attenzione di Slatoff sarebbe rivolta ad acquisizioni interessanti.

"Non vogliamo investire in chiacchiere", ha spiegato Slatoff. "Non è nostra intenzione investire milioni di dollari in giochi social solo perché questo è ciò di cui la gente vuole parlare o in una compagnia mobile che ha un singolo prodotto. Per noi questo tipo di investimenti non ha molto senso".

"Il miglior uso che possiamo fare del nostro capitale è investirlo in ciò che sappiamo fare meglio. E ciò che facciamo al meglio è impegnarci nello sviluppo di giochi chiave che abbiano il potenziale per divenire prodotti di successo e avere un valore a lungo termine sviluppando un franchise".

Slatoff si è poi detto felice delle vendite di PlayStation 4 e di Xbox One, sebbene consigli un atteggiamento cauto nel giudicare questa generazione.

Rispetto a quella precedente infatti, per Slatoff quella che è appena cominciata è una generazione "un po'differente, perché si fa un gran chiasso attorno all'industria videoludica in generale e in molti si domandano se questo ciclo di hardware avrà lo stesso brio di quello precedente".

Commentando l'opinione che vedrebbe le console ormai sul punto di morte, Slatoff ha poi concluso facendo notare che i dati di lancio di PS4 e Xbox One "provano ovviamente che il mercato delle console è vivo e vegeto".

Taggato come

A proposito dell'autore

Avatar di Matteo Tabai

Matteo Tabai

Contributor

È un ragazzo abbastanza alto, appassionato di videogiochi, musica, montagna e buon cibo. Onnivoro sia a tavola che con un controller in mano, ha l'assurda pretesa di fare dei videogames la sua professione. Chi vivrà, vedrà.

Commenti