Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Yaiba: Ninja Gaiden Z - prova

Zombie, ninja e cyborg: si può chiedere di meglio?

Milano - Siamo ormai giunti alla fine di questa generazione di console ma molti sviluppatori, principalmente giapponesi, non sembrano voler abbandonare le attuali piattaforme e il loro vastissimo bacino d'utenza. Il vantaggio principale di questa situazione è che la padronanza acquisita coi vari strumenti di sviluppo sta concedendo loro più tempo per concentrarsi sul concept di gioco piuttosto che sulla risoluzione delle magagne tecniche. I risultati sono visibili in prodotti come Dark Souls 2 ma anche in esperimenti come Yaiba: Ninja Gaiden Z, un divertente spin-off della celebre serie Tecmo Koei che vi consentirà di controllare un folle ninja cyborg, Yaiba appunto, in cerca di vendetta.

In apertura di Yaiba: Ninja Gaiden Z assisterete, infatti, al cruento scontro tra il protagonista e Ryu Hayabusa, terminato con la vittoria dell'eroe di Ninja Gaiden e l'amputazione del braccio del suo avversario. Una misteriosa organizzazione decide però di salvare la vita di Yaiba e di trasformalo in un potentissimo cyborg da scatenare contro le orde di zombie che stanno invadendo la città.

Non c'è niente di meglio di una massa di non morti senza cervello per mettere alla prova le rinnovate capacità offensive del protagonista e soprattutto per creare un prodotto divertente e ignorante (nella migliore accezione del termine), nel quale abbandonare le seriose atmosfere degli ultimi Ninja Gaiden e lasciarsi andare ai combattimenti più sfrenati, disegnati per mettere alla prova anche i fan storici della serie.

I colori accesi e il tratto marcato ricordano molto lo stile di alcuni comics.

Lo stile più leggero e disimpegnato è immediatamente visibile anche grazie a un comparto tecnico davvero efficace, in grado di dare vita ad un vero e proprio fumetto animato caratterizzato da colori accesi e bordi netti, molto fluido e veloce, nonostante pecchi un po' in pulizia e in dettaglio per via di un tearing piuttosto evidente e di un po' di confusione sullo schermo, soprattutto quando ci saranno decine di nemici contemporaneamente.

"Lo stile più leggero e disimpegnato è immediatamente visibile anche grazie a un comparto tecnico davvero efficace"

Rimane comunque un prodotto davvero spettacolare e bello da vedere, grazie alle tante animazioni del protagonista e agli svariati effetti grafici, come le lame che lasciano una scia arcobaleno e il sangue che scorre a fiumi.

A parte l'accattivante stile grafico, per il resto Yaiba: Ninja Gaiden Z è un action game in terza persona piuttosto classico. Non che sia un male, ci mancherebbe, ma i fan di Ninja Gaiden non faticheranno a ritrovare molti legami con la loro serie preferita. Tutto quello che vi verrà richiesto di fare è, infatti, di concatenare una serie di attacchi a corto e a lungo raggio con salti, parate, counter ed esecuzioni, fondamentali per riguadagnare un po' dell'energia vitale persa in combattimento.

Uccidendo con stile gli zombie si acquisiranno oltretutto dei punti esperienza da spendere per potenziare Yaiba e adattarlo un po' meglio al vostro stile di gioco, scegliendo se prediligere la forza di attacco o la resistenza.

Non tutti gli zombie saranno uguali, ad un certo punto compariranno anche queste procaci signorine.

Tra uno scontro e l'altro dovrete spostarvi lungo livelli lineari nei quali sono celati alcuni oggetti collezionabili, utili per svelare i retroscena della trama, collegati da fasi platform abbastanza guidate dove seguire le indicazioni che appariranno su schermo per saltare o appendersi da una piattaforma all'altra. L'unico elemento di varietà è dato dall'utilizzo della Cyber Visione, una sorta di filtro da attivare che vi consentirà di evidenziare pareti fragili o nemici da utilizzare per proseguire nell'avventura.

"Pad alla mano il gioco si è confermato frenetico, non particolarmente tecnico ma sufficientemente divertente da tenere incollati allo schermo"

Pad alla mano il gioco si è confermato frenetico, non particolarmente tecnico ma sufficientemente divertente da tenere incollati allo schermo, grazie al susseguirsi di combattimenti contro orde di avversari durante i quali, di volta in volta, viene aggiunto un elemento di varietà, come un elicottero che spara dei missili da rispedire al mittente col giusto tempismo o zombie armati di bomba a mano da evitare, e altri da prendere per un piede per usarli come arma contro gli altri non morti. Dai primi livelli provati la difficoltà è sembrata impegnativa ma non proibitiva; occorrerà comunque aspettare di vedere stage più avanzati per capire se gli habitué della serie dei Team Ninja troveranno pane per i loro denti.

Come se tutto questo non bastasse Keiji Inafune, il padre di Megaman e Dead Rising, ha mostrato al termine della presentazione il frutto della collaborazione tra Spark, Team Ninja e Comcept. Innanzitutto in Yaiba: Ninja Gaiden Z sarà possibile utilizzare un costume che trasformerà il protagonista in Mighty 09, l'eroe del prossimo gioco di Inafune finanziato tramite Kickstarter.

Diciamo che Yaiba non avrà grosse remore a trattare i vari zombie esattamente come si meritano.

Inoltre è stato realizzato anche un fumetto che racconta il rapporto che intercorre tra Yaiba e Ryu Hayabusa e di come i due siano finiti a scontrarsi all'ultimo sangue all'inizio del gioco. Questo speciale volumetto impreziosirà la special edition pensata per Yaiba: Ninja Gaiden Z, che conterrà anche la colonna sonora digitale ed il costume di Mighty 09.

"È stato realizzato anche un fumetto che racconta il rapporto che intercorre tra Yaiba e Ryu Hayabusa"

Il principale frutto della collaborazione tra i tre studio è comunque Ninja Gaiden Z (dove Z sta, ovviamente, per zombie), una versione dal sapore retrò del gioco. Presentato attraverso schermate e sonoro realizzati con tutta la potenza degli 8-bit, Ninja Gaiden Z ha una struttura piuttosto classica con una telecamera a scorrimento orizzontale e uno stile che strizza l'occhio agli albori della serie, dal level design alla difficoltà proibitiva.

Di sicuro sarà un divertente extra nel quale tutti coloro in astinenza da massacri zombie troveranno qualche ora di gioco supplementare. Il codice da noi provato era poi completamente doppiato in Inglese ma sottotitolato in un buon Italiano, in modo da consentire davvero a tutti di seguire lo sconclusionato evolversi degli eventi.

Yaiba: Ninja Gaiden Z ci ha sorpreso positivamente. Si tratta di un titolo studiato e disegnato per divertire senza troppi fronzoli, mettendovi di fronte a un protagonista piuttosto carismatico che troverà sulla sua strada centinaia di zombie da passare a fil di spada. Se è un po' di azione e tanto sangue sono quello che state cercando, il gioco di Spark e del Team Ninja, con ogni probabilità, farà per voi. L'aggiunta di Ninja Gaiden Z potrebbe rappresentare, oltretutto, la proverbiale ciliegina sulla torta.

Vediamo i potenziamenti di Yaiba: Ninja Gaiden Z.

In sede di recensione andrà valutata la varietà del gameplay, la profondità del sistema di crescita del personaggio e la consistenza della trama, tutti elementi impossibili da verificare durante la nostra prova. Non manca però molto alla recensione finale, dato che Yaiba: Ninja Gaiden Z è previsto su Xbox 360 e PlayStation 3 il prossimo 28 febbraio, mentre su PC sbarcherà il 4 marzo su Steam.

Taggato come
A proposito dell'autore
Avatar di Luca Forte

Luca Forte

Contributor

Luca si divide tra la gestione del ruspante VG247.it e l'infestare Eurogamer con i suoi giudizi sui giochi sportivi, Civilization, Fire Emblem, Persona e Football Manager. Inviato d'assalto, si diverte a rovinare le anteprime video dei concorrenti di tutto il mondo in modo da fare sembrare le sue più belle.

Commenti