Eurogamer.it

AMD Ryzen 7 1800X: la verità sulle prestazioni dei giochi - recensione

Ci sono controversie sulle capacità gaming di Ryzen. Il Digital Foundry indaga.

Siamo in ritardo con la nostra recensione di Ryzen 7 per diverse ragioni, ed alcuni potrebbero sostenere che ormai si sa come stanno le cose. Possiamo confermare che il top di gamma Ryzen 7 1800X riesca ad eguagliare ed in alcune occasioni anche superare anche il potente rivale di Intel, il Core i7 6900K da 8-core/16-thread in molti benchmark e carichi multi-threading. Analizzando solamente questi test, il ritorno di AMD ad un regime competitivo nel mercato dei processori x86 è un traguardo notevole. Ma allo stesso tempo i nostri stessi test confermano anche risultati meno entusiasmanti pubblicati da molti altri: le prestazioni gaming di Ryzen 7 non eguagliano quelle di Intel in molti titoli. La domanda è: perché?

Un aspetto di cui dobbiamo tenere conto è che la piattaforma AM4 Summit Ridge è nei suoi primi giorni di vita. Abbiamo utilizzato due schede madri per i nostri test, una MSI X370 XPower Gaming Titanium ed una Asus ROG Crosshair 6 Hero (entrambe fornite da AMD), ma per quanto ci siamo sforzati, i moduli di RAM Corsair DDR4 3000MHz forniti nel nostro press kit non ne hanno voluto sapere di funzionare alle frequenze certificate. AMD ha suggerito di alzare i timing ed abbassare la larghezza di banda, ma non siamo ugualmente riusciti a farli funzionare come avrebbero dovuto (nonostante alcuni recensori con lo stesso kit abbiano ottenuto risultati migliori).

La nostra recensione si concentra sulle performance gaming e, come tutte le nostre recenti recensioni di CPU hanno rivelato, i frame-rate dei giochi sono in stretta correlazione con la velocità di clock della CPU e con la frequenza della memoria. Ma le cose stanno migliorando, dato che GSkill ci ha fornito i suoi nuovi moduli Flare X con latenza C14 e velocità 3200MHz. Sulla nostra scheda madre MSI, governata da un bios appena rilasciato, tutto ha funzionato: l'A-XMP sistema quasi tutto alle relative specifiche, anche se il voltaggio DRAM ha avuto bisogno di essere impostato manualmente.

Si balla, quindi! O piuttosto...no. C'è la sensazione che nonostante il suo lungo periodo di gestazione, Ryzen non sia ancora pienamente integrato con Windows, quindi AMD vuole che facciamo delle modifiche necessarie per aumentare le performance. Entrando nel profilo di gestione dell'energia di Windows 10, AMD consiglia di cambiare l'impostazione standard da modalità bilanciata a modalità performance. Bisogna disattivare il Windows High Precision Event Timer per aggiungere un paio di punti alle prestazioni. Ci sono altri consigli che AMD indica, mirati a spingere più in alto le prestazioni di Ryzen nell'ambito gaming, e ne discuteremo in dettaglio più avanti.

L'esauriente video recensione del Ryzen 7 1800X di Richard. Cosa c'è che non va con le prestazioni gaming di Ryzen?

Una volta messo in funzione il sistema, ciò che è evidente è che Ryzen soddisfa l'hype creatosi in molti aspetti, particolarmente nelle capacità multi-threading. I risultati in giro per il web che lo dimostrano sono numerosi ma giusto per coprire le basi più in basso troverete i nostri risultati in Cinebench R15 e nei test di encoding h.264 ed HEVC con Handbrake, basati su una transcodifica di uno dei nostri impegnativi video 4K. Ryzen è più veloce del 6900K in h.264, ma il chip Intel è avanti nel pesante encoding HEVC. L'HEVC è più dipendente dalle istruzioni AVX2, un'area in cui AMD presenta uno svantaggio architetturale. Ma nonostante tutto, il chip a otto core di Intel ha solo l'11 percento di vantaggio. La scalabilità con l'HEVC ha bisogno di maggiore lavoro, l'i7 7700K non è molto indietro. Questo particolare modello di i7 potrà non avere molti core ma ha frequenze più alte, che sembrano contare molto.

Ma è l'ambito gaming quello per cui Ryzen ha generato diverse controversie. Nelle performance single-thread e multi-thread, nei test Cinebench e in molti altri, Ryzen 7 1800X ha dimostrato di essere un processore che può competere con un processore che Intel vende al doppio del prezzo, mentre Ryzen 1700X ha buone possibilità di raggiungere prestazioni simili al 1800X tramite l'overclock. Con queste premesse, è lecito aspettarsi che Ryzen si comporti in maniera simile anche nei giochi, ma non è così.

Prima di tutto, uno sguardo al nostro sistema di test e una spiegazione sulla nostra metodologia di benchmark delle CPU. Stiamo utilizzando principalmente parti forniteci da AMD: la MSI X370 Xpower Gaming Titanium è una bellissima scheda madre top di gamma, ma abbiamo sostituito i moduli di RAM Corsair 3000MHz Vengeance LPX che non siamo riusciti a impostare oltre 2400MHz con i nuovissimi moduli GSkill da 3200MHz e bassa latenza certificati per Ryzen. L'XMP non è supportato nativamente da AMD (è una caratteristica Intel), ed avrebbe aiutato a risolvere alcuni dei nostri problemi di compatibilità; fortunatamente, i principali produttori di schede madri hanno il proprio strumento di emulazione del sistema. Nel caso della scheda MSI, ha istantaneamente impostato i moduli GSkill alle corrette frequenze e latenze ma è stato necessario aggiornare all'ultimo BIOS per avere questo livello di compatibilità 'plug and play'. AMD ha anche fornito un dissipatore a liquido EK Predator 240 closed-loop, un kit di raffreddamento davvero mostruoso.

Core i3 7350K Core i5 7600K Core i7 7700K Core i7 5960X Core i7 6900K Ryzen 7 1800X
Cinebench R15 Single-Core 184 173 187 133 167 162
Cinebench R15 Multi-Core 450 654 963 1310 1460 1605
Handbrake 0.10.5 x264 6.4fps 9.6fps 13.1fps 17.5fps 18.5fps 19.6fps
Handbrake 0.10.5 x265/HEVC 2.8fps 4.8fps 6.2fps 6.9fps 7.2fps 6.5fps

Riteniamo che l'acquisto di una CPU debba garantire una longevità di diversi anni, quindi piuttosto che testare il processore con una particolare GPU in condizioni gaming standard, preferiamo concentrarci quanto più sul suo potenziale gaming. L'obiettivo è accertarsi delle performance relative delle CPU nell'esecuzione di diversi motori di gioco e questo ci dà l'idea di quanto sia potenzialmente longevo un processore. Guardate questacomparativa di performance delle CPU Kaby Lake CPU, per esempio. Illustra quanto frame-rate extra ricevete da una CPU in relazione al prezzo a cui la pagate.

Per ottenere questi risultati, lanciamo un gioco a impostazioni grafiche ultra o equivalenti a risoluzione 1080p su una Titan X Pascal overcloccata. Ciò assicura che la CPU testata raggiunga il suo picco di carico per cui è progettata: calcolare la logica di gioco, calcolare le animazioni e la fisica, e svolgere il compito più importante, ovvero preparare le istruzioni per la GPU. Possiamo affermare che Ryzen risulta competitivo in alcuni titoli, ma fatica parecchio in altri. I crudi numeri possono però far riflettere: il processore Ryzen top di gamma è battuto dall'i5 7600K in quattro dei sette titoli provati, ed è notevolmente in difficoltà rispetto agli i7 in giochi come Rise of the Tomb Raider in DX12, The Witcher 3 ed il brutale benchmark CPU integrato in Ashes of the Singularity.

Far Cry Primal è un gioco che sfrutta il multi-core ma è spinto da un thread singolo dominante. Qui vediamo i vecchi chip a otto core di Intel basati su un'architettura poco recente battuti a mani basse da entrambi i processori Kaby Lake, ma anche Ryzen è significativamente indietro. Crysis 3 rimane uno dei migliori giochi multi-threading per i test e si comporta bene con il 1800X (più di quanto suggeriscono i numeri, come scopriremo), ma il deludente risultato in Tomb Raider appare strano: questo gioco scala verso l'alto abbastanza bene sui processori octa-core (una rarità) ma non con Ryzen. Il frame-rate risultante è inferiore a quello ottenuto con il 7600K, ma dovremmo anche sottolineare che guardando il frame-time ci sono meno micro scatti, una cosa che succede anche con un i7. Tomb Raider adora veramente i thread, più ce ne sono e meglio è.

Guardando più attentamente il test di Crysis 3, l'i7 7700K vince su Ryzen ma la natura stessa del test è un po' discutibile. Nelle scene pesanti, ricche di dettagli, Ryzen balza in testa. Quando invece le scene sono molto meno complesse, l'i7 7700K ha la meglio. Dovendo scegliere, preferiremmo un processore capace di gestire meglio le situazioni complesse ed in questo caso quindi Ryzen. Comunque, nel caso del nostro test, si tratta di un'eccezione. Per come stanno le cose, il 7700K sembra infatti il migliore. La risposta di AMD riguardo alle prestazioni sotto tono a 1080p è stata di incoraggiare i recensori e gli utenti a effettuare testare a più alte risoluzioni, scenari in cui il processore si comporta meglio. Non siamo così certi che questo sia un buon segno: la nostra opinione in merito è che questo suggerimento di AMD non faccia altro che portare i core della CPU più in linea, aggiungendo la GPU come fattore artificiale limitante. Bene, è proprio così, ma questa è una nuova piattaforma con i suoi punti di forza e debolezza, e non danneggia i test.

Una carrellata completa sulle performance del Ryzen 7 1800X a frequenze stock e in overclock a 4.0GHz, con un confronto con i Core i7 7700K e Core i7 6900K.

1080p/Titan X OC Ryzen 7 1800X Core i5 7600K Core i7 7700K Core i7 5960X Core i7 6900K
Frequenza della Memoria 3200MHz DDR4 3000MHz DDR4 3000MHz DDR4 3200MHz DDR4 3200MHz DDR4
Assassin's Creed Unity, Ultra High, FXAA 119.4 121.4 132.2 124.4 122.1
Ashes of the Singularity, DX12, CPU Test 35.3 29.6 41.9 45.5 46.6
Crysis 3, Very High, SMAA T2x 137.5 99.4 138.2 140.2 150.8
The Division, Ultra, SMAA 125.3 132.0 133.8 130.1 131.4
Far Cry Primal, Ultra, SMAA 91.1 117.2 137.9 101.3 105.6
Rise of the Tomb Raider DX12, Very High, SMAA 85.8 89.7 126.5 128.0 129.0
The Witcher 3, Ultra, No Hairworks 118.8 97.7 139.4 132.8 134.3

Ripetendo i benchmark a 1440p, abbiamo scartato il test CPU di Ashes of the Singularity (non stressa granché la grafica, e non ha mostrato cambiamenti significativi) ma nel complesso potete vedere come mai AMD preferisca che usiamo una risoluzione più alta nei benchmark dei giochi. Anche con una Titan X Pascal overcloccata in gioco, i frame-rate sono più bassi dando più 'respiro al processore'. In pratica, l'i7 rimane con potenza di calcolo inutilizzata e Ryzen 7 è quindi in grado di competere più efficacemente. In uno scenario gaming del "mondo reale", è inverosimile che utilizziate una GTX 1080 Ti o una Titan X Pascal, quindi dovreste vedere prestazioni anche più in linea con le GPU odierne. Ma se state cercando la CPU più "durevole", i benchmark faranno da cortina fumogena nel mascherare le prestazioni di ogni chip top-end.

Detto ciò, AMD ci ha detto che a 1440p i giochi girano più velocemente rispetto al Core i7 anche se negli stessi giochi Ryzen è più lento a 1080p, e siamo stati in grado di provarlo. Guardate il test di Crysis 3 qui sotto: Ryzen 7 1800Z è veramente indietro a 1080p ma balza in testa del 5% a 1440p. Com'è possibile? Come abbiamo detto prima, le scene poco complesse vedono il 7700K in vantaggio rispetto a Ryzen a 1080p, mentre il chip AMD ribalta la situazione, seppur con un vantaggio minore, nelle scene di gioco più pesanti. A risoluzione 1440p, l'overhead della GPU annulla i solidi vantaggi del chip Intel nelle aree semplici, e nelle scene complesse Ryzen ottiene un più alto margine di vantaggio generale.

I risultati in Crysis 3 sono affascinanti perché la GPU che taglia fuori il vantaggio dell'i7 7700K non emerge a 1440p (potrebbe venire fuori con una GPU meno potente anche a 1080p). Questa è una strada interessante per ulteriori test per Ryzen, e ci siamo approcciati ad AMD per le sue vedute su altri giochi che potrebbero mostrare questo comportamento. Ma dovremmo chiarire che questo caso non fa una regola: solo Crysis 3 ha convalidato la teoria di AMD per i titoli presi in esame nei nostri test, e ci aspettiamo che il Core i7 7700K mantenga la sua leadership nella maggior parte dei giochi.

Inoltre dovremmo anche considerare la natura stock dei test. Abbiamo accoppiato tutti i sistemi testati qui con RAM veloci per massimizzare le prestazioni delle CPU a frequenze stock, ma questo penalizza i chip K di Intel. Da anni ormai, le schede madri di fascia enthusiast che abbiamo avuto per le mani abilitavano automaticamente il turbo su tutti i core quando si utilizzavano RAM overcloccabili e si attivava l'XMP. Nel caso del Core i7 7700K, questo portava il processore a 4,5GHz senza bisogno di giocare coi parametri del BIOS. Inoltre, per portare i Kaby Lake a 4,8GHz basta spesso semplicemente digitare '48' nel moltiplicatore del BIOS su qualsiasi scheda madre Z170 o Z270 (alcuni esemplari di queste CPU raggiungono anche i 5,0GHz). Per farla semplice, c'è margine di overclock qui. Invece, come si comporta Ryzen in confronto?

1080p vs 1440p/Titan X OC Ryzen 7 1800X 1080p Core i7 7700K 1080p Ryzen 7 1800X 1440p Core i7 7700K 1440p
Frequenza della Memoria 3200MHz DDR4 3000MHz DDR4 3200MHz DDR4 3000MHz DDR4
Assassin's Creed Unity, Ultra High, FXAA 119.4 132.2 87.5 91.2
Crysis 3, Very High, SMAA T2x 137.5 138.2 115.9 110.4
The Division, Ultra, SMAA 125.3 133.8 96.2 101.0
Far Cry Primal, Ultra, SMAA 91.1 137.9 91.6 107.1
Rise of the Tomb Raider DX12, Very High, SMAA 85.8 126.5 86.1 100.5
The Witcher 3, Ultra, No Hairworks 118.8 139.4 108.1 112.1

È lecito dire che anche una Titan X Pascal overclockata operante a 1080p troverà i suoi limiti, ma quello che sorprende è che succeda con così tanti giochi. Assassin's Creed Unity e The Division danno il massimo con il 7700K a 4,8GHz, ma altri titoli restituiscono risultati con guadagni minori. È molto facile overclockare l'i7 7700K: basta inserire moduli DDR4 da 3000MHz ed attivare l'XMP per fare il grosso del lavoro e raggiungere senza sforzi i 4,5GHz su tutti i core, accoppiato con la banda di memoria richiesta per trarre il massimo dal chip. I titoli che sfruttano più core come Ashes of the Singularity, Crysis 3 e Rise of the Tomb Raider fanno riscontrare degli incrementi prestazionali.

Il Core i7 6900K fa riscontrare dei buoni miglioramenti con la sua frequenza di 4.4GHz in overclock: titoli single-core dipendenti come Far Cry Primal accelerano significativamente, mentre titoli multi-core come Far Cry Primal hanno dei balzi in alcuni frangenti, ed ancora i titoli multi-core come Ashes of the Singularity e Crysis 3 aumentano notevolmente le prestazioni. Non è un risultato da farci salti di gioia, visto lo spaventoso prezzo a cui viene commercializzato questo processore, ma dovremmo aspettarci risultati simili dall'esa-core i7 6800K, che è un po' più economico (sfortunatamente un processore a sei core non era disponibile per i test di questa recensione).

Le frequenze stock di Ryzen sono spinte quasi ai limiti e non c'è molto spazio per l'overclock. Abbiamo iniziato a preoccuparci del voltaggio e del calore già a 4,1GHz (Ryzen si è dimostrato più caldo del 6900K qui, anche se montava un dissipatore più generoso) quindi abbiamo impostato 4,0GHz su tutti i core. I frame-rate migliorano ma non in modo determinante. Anche Far Cry Primal, che beneficia molto dalle performance single-core, vede solo un modesto 7 percento di incremento. Nel complesso, Ryzen risulta competitivo nei confronti degli i7 quando si confrontano i risultati in overclock, ma non potrete overclockare più di tanto per ridurre i deficit prestazionali nei titoli in cui la nuova CPU non rende bene.

Nonostante Ryzen 7 1800X sia il processore top di gamma della serie, i test iniziali suggeriscono che il margine di overclock sia simile a quello dei fratelli minori più economici 1700X e 1700. Faremo un report su questo a breve ma assumendo che otterremo risultati simili, sarebbe il caso che risparmiate un sacco di denaro investendo in un chip più economico, anche se dovrete mettere in conto un maggior consumo di corrente e un calore generato più alto. A prescindere da quale Ryzen 7 scegliate, avrete bisogno di un dissipatore decente se vorrete ottenere un buon risultato in overclock su tutti i core.

1080p/Titan X OC Ryzen 7 1800X Ryzen 7 1800X 4.0GHz Core i7 7700K Core i7 7700K 4.8GHz Core i7 6900K Core i7 6900K 4.4GHz
Frequenza della Memoria 3200MHz DDR4 3200MHz DDR4 3000MHz DDR4 3000MHz DDR4 3200MHz DDR4 3200MHz DDR4
Assassin's Creed Unity, Ultra High, FXAA 119.4 120.8 132.2 132.9 122.1 122.6
Ashes of the Singularity, DX12, CPU Test 35.3 36.8 41.9 44.1 46.6 52.3
Crysis 3, Very High, SMAA T2x 137.5 143.8 138.2 145.5 150.8 163.5
The Division, Ultra, SMAA 125.3 128.4 133.8 133.9 131.4 133.1
Far Cry Primal, Ultra, SMAA 91.1 97.2 137.9 140.1 105.6 118.2
Rise of the Tomb Raider DX12, Very High, SMAA 85.8 89.9 126.5 131.0 129.0 129.6
The Witcher 3, Ultra, No Hairworks 118.8 121.3 139.4 145.2 134.3 146.2

Ryzen si comporta meravigliosamente con diversi applicativi ma non altrettanto in ambito gaming. Ma calcolare la logica dei giochi e preparare i dati per la GPU è un compito che richiede forza bruta, quindi perché vediamo questa discrepanza? Il processore a otto core Ryzen è essenzialmente composto da due moduli quad-core (CCXs) integrati e connessi da una struttura che funziona a una velocità determinata dalla memoria DDR4. La teoria dice che memorie più veloci possono garantire enormi vantaggi prestazionali nei giochi, visto che i due moduli CCXs possono comunicare tra loro più velocemente.

Ma nei nostri test di giochi il boost nelle performance garantito dalla banda di memoria extra è risultato a spanne con il Core i7 7700K, che non ha una struttura d'interconnessione. The Witcher 3 ama la banda di memoria e riceve un 20 percento di boost su entrambi i sistemi con la RAM più veloce. Crysis 3 è invece meno dipendente, c'è un 4% d'incremento sul 7700K ed il 7% con il 1800X. Il fatto che due architetture così diverse ottengano risultati molto simili fa pensare più alla dipendenza da parte del software della banda di memoria.

Più complessa è invece la questione della gestione dei thread della CPU da parte di Windows, e ci sono dei sospetti sullo scheduler dei core di Windows (dal canto suo AMD lo ha escluso). Ci sono due evidenze su cui conviene investigare. Prima di tutto, AMD si è raccomandata con noi di testare con l'SMT (hyper-threading essentially) sia ON che OFF, riportando i margini prestazionali ottenuti in alcuni scenari; questo essenzialmente non fa altro che forzare Windows ad allocare il codice per i core fisici, non quelli virtuali 'hyper-threaded'. In secondo luogo, alcuni dicono che Ryzen fa girare i giochi più velocemente su Winsows 7 x64. Entrambi questi fattori possono essere testati e una volta fatto dovremmo essere in grado di capire se ci sia veramente un problema nello smistamento dei carichi su tutti i core.

C'è una chiara variazione tra le prestazioni in Windows 7 e in Windows 10, così come miglioramenti con SMT attivo o disattivato, ma ancora una volta non ci sono evidenze inequivocabili di problemi nello scheduler dei core. Far Cry Primal mostra nuovamente risultati affascinanti ad ogni modifica, mentre Crysis 3 su Windows 7 sembra girare veloce quanto su Windows 10 in overclock a 4,0GHz. Ma la teoria che Ryzen non sia veloce su Windows 10 quanto sul vecchio sistema operativo di Microsoft non trova evidenza nei nostri test: alcuni giochi sono in effetti più veloci, ma altri sono più lenti. È bene però sottolineare che Windows 7 non offre alcun supporto ufficiale a Ryzen, mentre disabilitare l'SMT può restituire degli incrementi prestazionali con Ryzen, quindi la scelta di eseguire o meno queste modifiche è un onere di cui si fa carico l'utente. Il nostro consiglio? Rimanete su Windows 10, disabilitate l'high precision event timer, attivate il profilo energetico alte prestazioni, mantenete attivo l'SMT e considerate l'acquisto di veloci memorie DDR4 certificate per Ryzen.

1080p/Titan X OC Ryzen 7 1800X/SMT On Ryzen 7 1800X/SMT Off Ryzen 7 1800X/SMT On Ryzen 7 1800X/SMT Off Ryzen 7 1800X/SMT On
Frequenza della Memoria 3200MHz DDR4 3200MHz DDR4 3200MHz DDR4 3200MHz DDR4 2133MHz DDR4
Sistema Operativo Win7 Win7 Win10 Win10 Win10
Assassin's Creed Unity, Ultra High, FXAA 118.1 123.5 119.4 123.0 112.2
Crysis 3, Very High, SMAA T2x 143.1 132.9 137.5 123.6 128.6
The Division, Ultra, SMAA 123.8 124.3 125.3 129.8 125.5
Far Cry Primal, Ultra, SMAA 100.9 107.4 91.1 105.0 79.2
The Witcher 3, Ultra, No Hairworks 109.2 111.4 118.0 115.8 98.9

Se c'è un problema nel come i carichi di lavoro dei giochi vengono distribuiti su tutti i core del processore, l'evidenza più interessante che abbiamo scoperto riguarda le prestazioni gaming risultanti quando abbiamo utilizzato il BIOS MSI per disabilitare un core in ogni CCX, dando ai giochi solo 6 core e 12 thread da sfruttare. Questa è una configurazione '3+3 che è stata impiegata nei Ryzen 5 1600/1600X, in arrivo tra poco. Il 1600X ha accesso alla stessa quantità di cache del 1800X e gira alle stesse frequenze base e boost. I risultati di questa modifica dal BIOS sono notevoli. Privati di due core e quattro thread, i giochi hanno perso solamente dal 3 al 7 percento delle performance rispetto al chip con tutti gli 8 core abilitati. Dando per buono che questa è una rappresentazione di quelle che saranno le prestazioni dell'imminente Ryzen 5 1600X (e questo può essere confermato solo con un hands-on quando il prodotto sarà disponibile), AMD potrebbe avere un paio di prodotti altamente competitivi che potenzialmente cambieranno le vostre prospettive riguardanti l'acquisto di un Core i5 o di uno stesso Ryzen 7. Ma questo argomento lo affronteremo un'altra volta.

Al momento attuale, Ryzen rimane una scelta performante nel gaming ma il fatto che sia così valido in alcuni ambiti di lavoro e che fatichi in altri rimane un mistero da spiegare, e noi abbiamo chiesto. AMD ha rilasciato un paio di comunicati su Oxide Games (Ashes of the Singularity) e Creative Assembly (Total War), dicendoci di aspettarci un'imminente ottimizzazione per Ryzen per ottenere maggiori performance dalla nuova architettura. Ovviamente è una notizia benvenuta ma i possessori dei PC si spingono in un upgrade aspettandosi grandi miglioramenti istantanei, non "affidati al domani". Titoli meno recenti difficilmente riceveranno certe ottimizzazioni. Nel lungo termine, siamo abbastanza sicuri che l'ottimizzazione di Ryzen attrarrà maggiormente i consumatori e siamo fiduciosi che l'architettura comparirà nella prossima generazione di console.

Ryzen 7 1800X - il verdetto del Digital Foundry

AMD ottiene veramente ottimi risultati con Ryzen. Il 1800X divora letteralmente i carichi di produttività e multimedia, ed i chip molto più costosi di Intel rimangono in gara solo per la possibilità di raggiungere frequenze più elevate su tutti i core tramite l'overclock. Facciamo un sacco di video editing e lavoro di encoding al Digital Foundry, e tutto ciò che abbiamo visto finora suggerisce che Ryzen 7 offra la migliore strada di upgrade dei nostri sistemi. Ci sono inoltre alcuni vantaggi chiave che non possono essere ignorati: tutti i processori Ryzen hanno il moltiplicatore sbloccato, e l'overclock di memoria e processore non è relegato alle schede madri enthusiast come invece avviene per la concorrenza.

Vita senza 'tripla-A' I giochi di fascia media sono tornati... e riescono a divertire più dei blockbuster. Vita senza 'tripla-A'

Altri aspetti meritano applausi: il TDP dello Ryzen a otto core è inferiore a quello degli Intel, il consumo di corrente sotto carico del nostro sistema basato su 1800X si attestava a 184w, mentre il consumo in idle è molto, molto inferiore rispetto ai rivali X99 (la scheda madre scelta può comunque rappresentare un fattore qui). Questo gioca molto a favore per il successo di Ryzen nel mercato enterprise ed altrove, come nei cybercafe per esempio. Il più basso potenziale di overclock di AMD sarà difficilmente un problema per quegli utenti.

Vale anche la pena sottolineare che nonostante le performance gaming siano inferiori nel complesso rispetto a quelle di Intel, non significa che Ryzen 7 sia un processore 'inadatto al gaming'. La città di Novigrad in The Witcher 3 è una delle aree più pesanti del gioco per i processori ed il 1800X ottiene 119fps di media. I nostri risultati mostrano che gli i7 con cui AMD sta cercando di competere con Ryzen 7 sono potenzialmente più longevi nell'abito gaming (un fattore cruciale nella scelta di un processore) ma al momento non c'è dubbio che Ryzen 7 svolga comunque bene il suo compito. Ovviamente i PC sono utilizzati per molti altri scopi oltre al gaming, quindi se i videogiochi rappresentano solo una parte dei carichi che il vostro processore dovrà svolgere bene, le indubbie capacità di Ryzen in altri ambiti possono rappresentare un fattore di preferenza rispetto a un i7, ed a questi prezzi la linea Ryzen 7 offre prestazioni eccellenti che non possono davvero essere ignorate.

Commenti (22)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!