Eurogamer.it

Mystery Case Files: Il Caso Malgrave

Un giallo sbiadito e prevedibile.

Il particolare sistema di controllo del Wii ha riportato in auge le classiche avventure grafiche su console, che da troppo tempo si facevano desiderare e si affacciavano sul mercato solo a sprazzi.

L'ultima che ho giocato realmente con gusto fu Discworld Noir per PSone, ma grazie all'ultima console casalinga Nintendo ho avuto il piacere di gustare ottimi titoli come Another Code: R, Broken Sword: Shadow of the Templars e, soprattutto, uno dei titoli a mio parere pi¨ sottovalutati della storia, Zack & Wiki.

Quando mi Ŕ stato affidato questo Mystery Case Files: Il Caso Malgrave, la mia innata curiositÓ si Ŕ rifatta viva e speravo davvero tanto di ritrovarmi davanti a un'altra sorpresa, ad uno di quei titoli che si possono consigliare senza riserve agli amanti del genere. Purtroppo non posso farlo, non del tutto almeno.

Quale deve essere l'ingrediente pi¨ importante di una storia a tinte gialle? Cosa non deve mai mancare in una serie, un film o un gioco a sfondo investigativo? Se avete risposto "la suspance e l'intrigo" avete fatto centro. Una trama degna di questo nome, ricca di colpi di scena, nella quale immergersi come farebbe realmente il protagonista Ŕ il minimo che si pu˛ chiedere ad un prodotto simile.

In questo caso, purtroppo, la sceneggiatura che dovrebbe sostenere gran parte del peso del gioco Ŕ piuttosto "banalotta" e ricorda per certi versi quelle della serie Syberia. Una persona scomparsa nel nulla incarica noi, detective di indubbia fama, di un compito inizialmente non ben definito.

Il trailer del gioco.

Pochi indizi ci vengono spiegati nel breve filmato iniziale, ma la veritÓ verrÓ spiegata man mano che la trama prenderÓ forma. Purtroppo (senza voler svelare troppo) tale storia non vincerÓ mai premi di spicco e purtroppo diventa ben presto abbastanza prevedibile... un peccato davvero mortale per un "giallo".

Sul gameplay non c'Ŕ molto da dire, visto che pi¨ classico davvero non si pu˛. Tutto, o quasi, ruota attorno all'esplorazione di scenari pi¨ o meno interattivi (portata avanti con una visuale in prima persona), nei quali Ŕ necessario trovare un "n" numero di oggetti da combinare tra loro o utilizzare in altri luoghi. Il Wiimote, come dicevo all'inizio, facilita questo tipo di giochi, non come un mouse ma comunque in misura nettamente maggiore rispetto ai classici pad.

Commenti

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!