UFC Undisputed 2010

THQ sale sull'ottagono in attesa di Electronic Arts.

L'anno scorso, quando THQ fece uscire UFC 2009 Undisputed, l'entusiasmo degli appassionati delle lotte nell'ottagono esplose letteralmente di fronte a un titolo complesso, profondo e apparentemente eccezionale.

Dopo la gioia iniziale, tuttavia, le lacune nascoste nel titolo Yuke's iniziarono a spuntar fuori, raffreddando gli animi e ridimensionando notevolmente il giudizio di critica e pubblico nei confronti del simulatore di lotta THQ.

Il team di sviluppo aveva lavorato molto bene e la stretta collaborazione con i vertici dell'UFC aveva contribuito alla nascita di una serie di sicuro impatto, ma la complessità delle arti marziali miste e delle dinamiche che ne regolano i combattimenti, evidentemente si rivelò essere una sfida ben più grande di quella che Yuke's aveva valutato.

Il buon lavoro di contorno e la realizzazione tecnica d'impatto erano riuscite a mascherare una serie di lacune piuttosto importanti, emerse solo dopo un elevato numero di incontri fatti da giocatori praticanti (o semplicemente appassionati) di MMA.

1

Affrontando la modalità carriera è possibile sbloccare un gran numero di vestiti e accessori griffati con i più importanti marchi del mondo della lotta.

Al di là delle animazioni zoppicanti durante gli spostamenti dei lottatori sull'ottagono, la carenza di tecniche disponibili (tanto nella lotta in piedi quanto in quella a terra), le poche differenze fra i vari stili di attacco in piedi e, soprattutto, l'impossibilità di passare fluidamente da una sottomissione all'altra, elemento chiave del gioco di ogni praticante di Judo, BJJ e via dicendo, rendevano i combattimenti fin troppo piatti a discapito della qualità dell'esperienza finale.

A questo si andava ad aggiungere lo scarso spessore della modalità carriera e, in generale, una mancanza di profondità nelle modalità messe a disposizione del giocatore. Sarà bastato ai programmatori un anno di lavoro per risolvere i problemi di cui sopra? Solo in parte, ma il risultato finale può tranquillamente essere considerato un successo da tutti gli appassionati.

UFC 2010 Undisputed si rivela infatti un'esperienza decisamente più completa e gratificante rispetto al capitolo precedente. La velocità generale di gioco ha subito un aumento piuttosto netto, tanto che ora le fasi più frenetiche degli incontri riescono a trasmettere il giusto mix di adrenalina e potenza.

2

Imparare a sfruttare la gabbia a proprio vantaggio è fondamentale per avere la meglio sugli avversari più agili e sfuggenti.

L'impatto generale di ogni singolo attacco, inoltre, ora è indubbiamente più convincente, anche se capita ancora di non sentire pienamente l'intensità di alcuni dei colpi andati a segno.

Tolta la velocità di gioco, comunque, sono molte le modifiche apportate dai programmatori al sistema di combattimento.

Per dominare l'ottagono contando sulla potenza e la precisione dei propri colpi, è ora possibile scegliere fra un numero maggiore di discipline, finalmente differenziate tra loro sia in termini di postura (la guardia del pugilato e quella del karate sono palesemente diverse) che da quello delle tecniche vere e proprie.

Non a caso il numero di attacchi presenti in UFC 2010 è incredibilmente più alto rispetto a quello del capitolo precedente, anche se vista la natura realistica degli incontri resta comunque difficile vedere i lottatori esibirsi in colpi particolarmente coreografici. Anche questa volta, come accade veramente sul ring, l'efficacia ha la priorità sullo spettacolo.

Vediamo quali sono i campioni che si sfideranno nell'ottagono di UFC 2010 Undisputed.

Commenti (11)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

  • Caricamento...