Qual è il confine che separa un tributo consapevole da una vile copia da due soldi fatta per racimolare qualche spicciolo alle spalle degli altri? Non saprei definirlo con chiarezza ma ci sono un sacco di titoli nel mondo del digital delivery che ballano pericolosamente su questo limite, tuttavia c'è una bella differenza fra un titolo "ispirato" dalle meccaniche di un gioco precedente e un brutale copia e incolla, voi che ne dite?

Twisted Pixel di recente c'è andata giù pesante con Capcom e il suo Maxplosion (https://www.eurogamer.it/articles/2011-01-12-maxplosion-un-furto), reo di essere un po' troppo simile a 'Splosion man, e in questo round-up avrete modo di vedere altri titoli che non hanno neppure la decenza di nascondere il proprio intento di copiare. Tranquilli, non sarà una puntata dedicata solo ai plagi: come vedrete, c'è ancora qualcuno là fuori in grado di proporre concetti nuovi, o anche di migliorare un bel po' i meccanismi di qualche vecchia gloria.

Per adesso dunque direi possiamo evitare di borbottare come vecchietti al parco che si lamentano dei bei tempi andati, in cui tutto era nuovo e originale, e iniziare il roundup.

Tales From Space: About A Blob

  • PSN - €12.99

Alcuni fortunati, come PacMan, possono mangiare tutto ciò che vogliono senza ingrassare di un etto. Ad altri invece basta anche solo guardare intensamente una fetta di cheesecake per iniziare ad accumulare chili di troppo.

È una triste situazione e il protagonista di questo divertente platform può sicuramente comprenderla mentre cerca di scappare dalla Terra nell'unico modo che conosce: assimilando tutto quello che vede.

1
Tales From Space: About A Blob

Il vostro alter-ego, una palla di gelatina, sembra preso di peso da LocoRoco ma agisce come se fosse dentro Katamari. Ondeggiando e rimbalzando le vostre forme gelatinose in giro per lo schermo, diventerete sempre più grossi via via che ingloberete ogni oggetto che riuscite a infilarvi in bocca (sì, a quanto pare siete l'unica massa gelatinosa dotata di bocca).

Ciò che al blob manca nella grazia dei movimenti, viene ampiamente recuperato nella versatilità. Può ad esempio passare attraverso passaggi strettissimi, rimbalzare tra due muri e saltare sopra gli oggetti per distruggerli, oppure compiere azioni meno convenzionali, come il lanciare gli oggetti inglobati quasi fossero dei missili. Quest'ultima abilità si rivelerà molto comoda quando dovrete attivare interruttori fuori dalla vostra portata o eliminare le torrette automatiche che incontrerete lungo la via.

Come altri giochi dei Drinkbox Studios, About A Blob ha un tempismo perfetto nell'introdurre nuove idee e nuovi poteri che evolvono il gameplay un attimo prima che diventi ripetitivo, e che vi porteranno a ripercorrere i livelli precedenti per esplorarli ancora meglio. Questo bisogno di tornare indietro e rivedere tutto sotto una nuova prospettiva è un fattore decisamente positivo per un gioco che risiede in una fascia di prezzo che non fa della longevità estrema il suo cavallo di battaglia.

Un po' meno convincente si è rivelata la modalità co-op. La possibilità di spararsi l'uno contro l'altro porterà i giocatori a stordirsi a vicenda senza neppure volerlo, inoltre la mancanza di pochi, per non dire nulli, vantaggi tattici nel giocare insieme vi porterà rapidamente indietro verso le sessioni in solitaria.

Con un adorabile stile grafico, un umorismo che non annoia e un gameplay familiare ma non banale, Tales From Space: About A Blob è il classico titolo che potrebbe fare un’ottima figura nella vostra teca virtuale.

8/10

Riguardo l'autore

Lorenzo Fantoni

Lorenzo Fantoni

Redattore

Dentro un rugbista di 110kg dedito agli stravizi, batte il cuore di nerd vecchio stampo con lo sguardo perennemente abbronzato da uno schermo, anche d'estate.