Enermax LiqMax II 120S - recensione

Un sistema a liquido all-in-one adatto a tutte le CPU.

Il produttore taiwanese Enermax ci ha inviato un sample del nuovo LiqMax II 120S, la versione riveduta e migliorata della serie precedente di sistemi di raffreddamento a liquido. Il sistema è un "all-in-one", quindi richiede solamente l'installazione da parte dell'utente, senza bisogno di collegare tubature o inserire liquidi.

All'interno della confezione, ben protetto, è presente il waterblock già collegato con tubature in gomma di ottima qualità al radiatore da 12 pollici. Sono inoltre presenti due ventole regolabili in intensità anche loro da 12 pollici. Troviamo infine le istruzioni e tutti i componenti necessari al collegamento sulla motherboard. Grazie alla base e a diverse tipologie di viti di fissaggio, la compatibilità è pressoché universale sia per l'universo AMD che Intel ed è allargata ai seguenti socket: Intel LGA 775/1150/1155/1156/1366/2011 e AMD AM2/AM2+/AM3/AM3+/FM1/FM2/FM2.

1
Il kit completamente assemblato: l'ingombro è veramente contenuto, adatto anche a case non particolarmente spaziosi.

L'installazione non è particolarmente complessa anche se la necessità di installare la piastra universale nella parte posteriore della scheda madre richiede di smontare la scheda madre nel caso vogliate applicarlo su un PC già assemblato, a meno di non avere un case che disponga di una finestra di accesso posteriore che consenta l'assemblaggio della placca senza il fastidio di dover disassemblare il tutto.

Il waterblock è composto prevalentemente di rame nella parte interna e utilizza una tecnologia proprietaria di Enermax denominata SCT (Shunt Channel Technology) che prevede l'installazione di microalette laterali e la presenza di un canale centrale dove il liquido può scorrere in maniera più rapida, aumentando la dissipazione fino a 50.000 ore di funzionamento.

Pur essendo un sistema tutto compreso, notiamo con piacere che sulla base del waterblock sono spariti i pad termici preinstallati, sostituiti da una siringa contenente della pasta termica a base di argento da applicare al momento dell'installazione; una soluzione sicuramente migliore soprattutto in termini di prestazioni che si può ripetere dopo qualche tempo in occasione di una pulizia.

Il radiatore è interamente in alluminio verniciato di nero e presenta quattro fori per lato, dove andranno fissate le ventole. È possibile installare il radiatore con una ventola soltanto anche se le prestazioni migliori si otterranno con l'installazione di entrambi i dissipatori, andando a discapito della silenziosità complessiva.

2
All'interno della confezione è presente tutto l'occorrente per poter eseguire l'installazione su qualsiasi CPU AMD o Intel.

Le ventole fornite all'interno del kit sono dotate di piedini gommati per assorbire le vibrazioni, mentre le pale realizzate nel formato proprietario di Enermax " double batwing" consentono di aumentare il flusso di aria movimentato a parità di rotazione del 30% rispetto a ventole dotate di pale standard.

Le ventole dei dissipatori sono APS, acronimo di adjustable peek speed: tramite un interruttore posizionato sul bordo si può regolare manualmente la velocità massima di rotazione che la ventola potrà raggiungere a pieno carico. Le tre modalità sono Silent, che prevede un range di rotazione compreso fra i 500 e i 1200 RPM, Performance, che aumenta la velocità massima a 1600 RPM e infine Overclock che consente alle ventole di raggiungere le 2000 rotazioni per minuto.

Abbiamo utilizzato per i nostri test un i7 970, provando overclock piuttosto spinti per generare temperature elevate da gestire. La frequenza di stock di questo processore è di 3.20 GHz ed abbiamo effettuato una serie di stress test con FutureMark aumentando la velocità di clock a step di 200MHz. Il nostro picco massimo di funzionamento senza problemi è stato di 900 MHz in più, portando la frequenza a 4.10 GHz. Con la ventola stock Intel la temperatura, con processore a pieno carico, è cresciuta progressivamente da 55 a 87 gradi. Aumentando ulteriormente l'overclock di altri 10 MHz il computer ha perso stabilità andando quasi subito in protezione.

Abbiamo quindi installato il LiqMax II 120S e rieffettuato tutti test: con la frequenza impostata a 4.10 GHz, la temperatura non ha mai superato i 50 gradi permettendo al processore di funzionare tranquillamente anche per due ore di fila. Un risultato di assoluto rilievo considerando un differenziale di oltre 30 gradi rispetto alla ventola stock. Vista la migliore gestione termica dei processori più recenti, non possiamo che auspicare risultati analoghi se non migliori con le nuove generazioni di CPU Intel e AMD.

3
Il waterblock è in rame: basta applicare la pasta termica sulla CPU e fissarlo correttamente alla motherboard per poterlo usare immediatamente.

Tanta performance ha tuttavia un lato negativo che è anche l'unica vera pecca di questo sistema, ovvero l'eccessiva rumorosità in modalità Overclock. Al raggiungimento di temperature elevate, le ventole aumentano notevolmente la rotazione per contenere le temperature, diventando davvero rumorose. In modalità performance questa soglia è più contenuta, mentre in modalità Silent risultano davvero silenziose e poco fastidiose, ma sicuramente non consentono di andare a modificare in maniera così spinta le frequenze delle CPU e ottenere temperature di sicurezza e di conseguenza un sistema stabile.

Il radiatore da 12 pollici è sicuramente molto comodo per chi non ha case particolarmente spaziosi, mentre chi è in possesso di un case full tower farà meglio a orientarsi sul LiqMax II 240S, che offre un radiatore da 24 pollici da installare sulla parte superiore del case. Un radiatore così voluminoso è probabilmente l'ideale per contenere ulteriormente le temperature con ventole in grado di funzionare a velocità inferiori migliorando sicuramente la silenziosità complessiva dell'impianto. Un'altra soluzione può essere quella di installare ventole differenti da quelle fornite con prodotti più silenziosi, ma significherebbe aumentare il prezzo finale facendogli magari preferire prodotti concorrenti.

E in questo senso, il prezzo risulta molto contenuto per le prestazioni che offre: parliamo di 59,99 €, che rappresentano un investimento di sicuro interesse per chi ha sempre desiderato un impianto di raffreddamento a liquido ma finora non ha mai potuto investire troppi o era privo delle competenze necessarie per assemblarne tutte le componenti. Tutte esigenze che questo LiqMax II 120S riesce a soddisfare in modo piuttosto efficace.

8 /10

Leggi la nostra guida al punteggio

Vai ai commenti (9)

Riguardo l'autore

Marco Ballabio

Marco Ballabio

Redattore

Adepto spirituale del Pastore fin dai tempi di TGM, è sempre alla ricerca dell’ultimo pezzo per completare il suo PC definitivo. Impresa, come quella di Dylan Dog e del suo galeone, infinita.

Contenuti correlati o recenti

ArticoloGli inquietanti corridoi dei videogiochi - editoriale

Perché proviamo tanta ansia nei meandri di un corridoio di un videogioco? Il motivo è più complesso di quanto vi sareste aspettati.

Untitled Goose Game - recensione

Semplicemente, un'oca che decide di rovinare le giornate di un po' di persone a caso.

Razer Viper - recensione

Razer pensa ai mancini, e non solo.

FIFA 20 Ultimate Team (FUT 20) Web App disponibile: come accedere e sbloccare il mercato

AGGIORNAMENTO DELLE 19:00: La Web App è finalmente disponibile!

Articoli correlati...

Commenti (9)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza