The Elder Scrolls Online: Thieves Guild - recensione

Il terzo DLC dell'MMO di Bethesda ci tramuta in ladri.

Bethesda si sta muovendo piuttosto bene con il suo esperimento, in buona parte riuscito, che risponde al nome di The Elder Scrolls Online. L'MMO nato da una saga che sul piano prettamente teorico non avrebbe mai potuto aprirsi in questa direzione, nonostante evidenti problematiche e difetti, accoglie e intrattiene ogni giorno una folta community che sta dando ragione al publisher statunitense. ZeniMax Online Studios, nel corso dei mesi che si sono succeduti alla pubblicazione del gioco anche su console, ha risposto a questo (inaspettato) entusiasmo dandosi da fare per ampliare l'offerta con un paio di DLC contenutisticamente adeguati e qualitativamente all'altezza delle aspettative.

Imperial City e Orsinium hanno permesso i tanti eroi di Tamriel di esplorare nuove terre e di rendersi utili alla causa, grazie a decine di quest e una quantità imbarazzante di NPC con cui dialogare e farsi arruolare per qualche missione. Thieves Guild, da questo punto di vista, si accoda ai predecessori sebbene si riveli il primo contenuto aggiuntivo che introduce sensibili innovazioni anche sul fronte del gameplay.

Acquistato il pacchetto tramite lo store in game, sarete invitati a raggiungere l'esotica città di Abah's Landing dal solito messaggero desideroso di assoldare nuovi temerari per una non meglio specificata avventura. Che qualcosa di insolito bolla in pentola, lo si intuisce non appena si posa lo sguardo sull'arabesco e ammaliante panorama che offre l'inedito scenario. Nel bel mezzo del deserto, una distesa di sabbia opportunamente intramezzata da piccole oasi verdeggianti, sorge una città degna di un racconto di Le Mille e Una Notte. Tra strade maestre ricche di mercanti, il centro abitato si sviluppa in verticale, permettendo l'esplorazione dei tetti dei palazzi, grazie ad un intricata trama di pontili e passerelle.

The_Elder_Scrolls_Thieves_Guild_screenshot_2
Le nuove meccaniche stealth non sono naturalmente limitate alla nuova regione introdotta dal DLC. Potrete divertirvi a intrufolarvi e depredare tanti altri edifici sparsi per Tamriel.

Durante il sopralluogo, noterete certamente la struttura che ospita la Gilda dei Ladri, così come la presenza di diverse aree in cui vi sarà teoricamente vietata la circolazione. L'incontro con la conturbante Quen, renderà immediatamente chiara la situazione. Il nuovo personaggio si rivelerà presto un'adepta della Gilda e vi chiederà, senza troppi giri di parole, di aiutarla a recuperare (cioè rubare) un manufatto protetto e contenuto in una villa. Sarà il primo di una lunga serie di furti, missioni fondamentalmente inedite che impongono all'utente di agire nell'ombra, stando ben attenti a non farsi individuare da eventuali civili e guardie armate.

Se sulla carta il tutto sembrerebbe funzionare, portando tra l'altro una ventata di aria fresca al gameplay della produzione, all'atto pratico ci si scontra con qualche difetto di troppo. Non che ci aspettassimo meccaniche tanto raffinate da gareggiare ad armi pari con quelle di un qualsiasi episodio di Splinter Cell, ma in certi frangenti è davvero arduo scendere a compromessi con un sistema di controllo evidentemente non concepito per dare il meglio in situazioni stealth.

La precisione richiesta per sgattaiolare alle spalle delle guardie o per nascondersi rapidamente dentro un barile manca completamente. Inoltre, ciò che è peggio, non si ha mai la completa certezza che un riparo possa effettivamente nasconderci alla vista delle sentinelle. L'I.A. di quest'ultime è infatti altalenante, per non dire arbitraria: a volte, passandogli a pochi metri di distanza, non si accorgeranno minimamente della vostra presenza, altre vi individueranno da distanza siderale, anche se nascosti nella vegetazione.

The_Elder_Scrolls_Thieves_Guild_screenshot_4
Abah's Landing ha dimensioni ben più contenute di Orsinium. Eppure, sviluppandosi su più livelli, ha moltissimo da offrire.

Ciò non toglie che qualche missione si riveli divertente e appagante, nonostante tutto, né che gli altri contenuti aggiunti da Thieves Guild siano validissimi. Tra diversi dungeon da esplorare, boss da sconfiggere in compagnia di altri utenti, il solito carico di nuove armi e abilità, c'è anche spazio per qualche scorribanda più canonica, legata al semplice sterminio di chiunque osi muoversi.

L'ultimo DLC di The Elder Scrolls Online vive di alti e bassi. Fintantoché si limita a introdurre contenuti inediti, nel pieno rispetto della formula, esattamente come fecero ai loro tempi Imperial City e Orsinium, accontenta tutti, regalando diverse ore d'intrattenimento agli eroi erranti di Tamriel. Nel battere nuovi sentieri, invece, pur donando ulteriori sfaccettature all'MMO di Bethesda, propone meccaniche ludiche non proprio riuscitissime, né affinate e curate a dovere. Possibile che basti una futura patch per risolvere le problematiche riscontrate ma allo stato attuale dei fatti Thieves Guild è il contenuto aggiuntivo meno riuscito tra quelli finora proposti.

6 /10

Leggi la nostra guida al punteggio

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Lorenzo Fazio

Lorenzo Fazio

Redattore

Lorenzo Fazio non ha mai smesso di giocare sin dai tempi del Master System. Ha così cercato di unire l’utile al dilettevole, inventandosi giornalista videoludico. Qualcuno ci è cascato: scrive per importanti testate del settore da quasi una decina di anni.

Contenuti correlati o recenti

Recensione | Into the Pit recensione - Un roguelite ispirato e graficamente unico

Un indie di fascino e carattere in arrivo sul Game Pass.

Recensione | The Caligula Effect 2 recensione - Niente è come sembra

Una serie che ha ancora tanto da dimostrare, purtroppo…

Recensione | Pathfinder: Wrath of the Righteous - recensione

Un'avventura cappa e spada che aspettavamo da tempo!

Recensione | Diablo II Resurrected - recensione

Le fiamme di Diablo incendiano una nuova generazione.

Recensione | Astria Ascending - recensione

La seconda vita di un JRPG dimenticato.

Articoli correlati...

Final Fantasy VII Remake sarebbe in arrivo su Xbox

Xbox China suggerisce il porting di Final Fantasy VII Remake.

Recensione | Diablo II Resurrected - recensione

Le fiamme di Diablo incendiano una nuova generazione.

Articolo | Perché Skyrim ha avuto tanto successo?

Storia di un videogioco immortale lanciato 15 volte su 10 sistemi diversi.

'The Elder Scrolls VI sarà un'esclusiva Xbox, niente PS5'

Jeff Grubb è sicuro che The Elder Scrolls VI approderà solo su Xbox (e PC).

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza