Sine Mora EX - recensione

Una perla degli shoot 'em up last-gen arriva arricchita e migliorata su piattaforme moderne.

Lanciato cinque anni fa da Grasshopper Manufacture e Digital Reality (prima come esclusiva XBLA) sulle maggiori piattaforme della scorsa generazione esclusivamente in edizione digitale, Sine Mora è stato uno dei migliori shoot' em up a scorrimento orizzontale degli ultimi anni. Caratterizzato da una grafica all'avanguardia per l'epoca, il titolo proponeva un gameplay molto particolare e interessante, una trama impegnata, e puntava come target a un pubblico ben più ampio di quello di nicchia del genere bullet hell.

Sine Mora EX è una versione arricchita e potenziata del titolo originale, e grazie all'editore THQ Nordic arriva adesso su PC, PS4, Xbox One e Nintendo Switch (nel corso dell'estate) anche in edizione retail. Non si tratta di una semplice versione rimasterizzata che si limita ad aumentare la risoluzione e aggiungere qualche filtro grafico, bensì di un'edizione definitiva di un titolo già eccellente che si arricchisce di nuove feature interessanti che potranno invogliare all'acquisto anche i possessori dell'originale (una su tutte la modalità co-op per la storia). In questa recensione analizzeremo tutto quello che di nuovo ha da offrire Sine Mora EX.

Gli aspetti chiave del titolo li avevamo già ampiamente trattati nella nostra recensione di Sine Mora, ma vale la pena comunque esporli a grandi linee. Si tratta di uno shooter a scorrimento orizzontale (SHUMP) con un gameplay molto particolare, tutto incentrato sul tempo. Ogni livello va completato in un tempo determinato, che potremo accelerare o decelerare a seconda del nostro rendimento a bordo del velivolo. Ad esempio, riceveremo delle penalità nella forma di preziosi secondi per ogni danno riportato alla carlinga, ed in modo inverso guadagneremo secondo bonus a ogni unità nemica neutralizzata.

Quel che contraddistingue però Sine Mora da gran parte dei suoi pari genere è la presenza di una trama parecchio profonda e impegnata che narra della ribellione di alcuni esponenti del popolo degli Enkie, un ceppo alieno tecnologicamente all'avanguardia tanto da aver scoperto il segreto per rallentare e invertire il flusso temporale e ridotto in schiavitù da un regime militare totalitarista intenzionato a sfruttare in campo bellico queste conoscenze avanzate.

Parte dunque l'insurrezione contro l'imperatore Nessa, sovrano di Layil, per mettere fine a secoli di tirannia. Nel corso dei sette stage della modalità storia ogni pilota della spedizione avrà la sua storia (la maggior parte delle volte triste e ricca di pathos) da raccontare. Per quanto la trama sia profonda e interessante, non tutti potranno gradire lunghe sezioni di narrazione e vorranno subito passare all'azione. Per venire incontro alle esigenze di costoro, lo sviluppatore ha inserito la possibilità di accelerare le cut-scene.

In Sine Mora, il tempo è l'elemento chiave del gameplay. Tramite degli speciali poteri saremo in grado di rallentarlo temporaneamente e superare così fittissime raffiche di proiettili o adrenaliniche traversate a tutta velocità all'interno di stetti cunicoli all'interno di montagne o grotte sottomarine. Ne consegue che questo potere va dosato con parsimonia per non rimanerne sprovvisti nel momento del bisogno. Nel corso del gameplay avremo accesso a diversi tipi di potenziamenti per armi principali e secondarie, scudi e bullet time, ma senza rallentare il tempo alcune sezioni saranno semplicemente impossibili da superare.

1
I nemici sono molto vari ed ispirati, sembra di trovarsi in un anime giapponese a volte.

All'interno di ogni stage troveremo degli stupendi boss e mini-boss disegnati dalla sapiente mano di Mahiro Maeda, celebre designer di anime come Neon Genesis Evangelion, Blue Submarine No. 6, The Animatrix - Il secondo Rinascimento e Kill Bill: Vol. 1, che daranno filo da torcere anche ai giocatori più esperti. Bisogna però specificare che il titolo risulta accessibile a tutti, diversamente da quanto accade per la maggior parte degli SHUMP bullet hell.

I livelli offrono infatti delle biforcazioni nei percorsi chiaramente differenziate per livello di sfida, per cui i giocatori meno esperti potranno scegliere i percorsi per principianti ed evitare di penare oltre ogni limite per superare una singola e intensa sezione. Il livello di sfida è comunque accettabile anche scegliendo i percorsi più semplici, per cui il gameplay risulta ben bilanciato. Allo stesso modo, i giocatori veterani avranno comunque qualche grattacapo a padroneggiare il sistema di combattimento, molto vario e sfaccettato, con oltre cinquanta combinazioni differenti di armi.

Sine Mora EX porta a un livello ancora superiore l'ottimo shooter che abbiamo giocato su PC e console last-gen, migliorandone la grafica e il gameplay e aggiungendo interessanti novità che estendono la longevità, offrendo al contempo nuove motivazioni di gioco a chi avesse consumato il titolo originale. Innanzitutto, la risoluzione viene aumentata, arrivando a 1080p60 su console fisse standard, ed a 4K e 60fps su PS4 Pro e PC. Oltre al maggior numero di pixel, i confronti grafici con la versione PS3 evidenziano un migliore filtraggio delle texture, risultante in immagini più nitide e pulite che consentono do scorgere in lontananza i velivoli nemici che si appropinquano dagli stupendi fondali tridimensionali. Cambia anche l'aspect ratio, ora 16:9 (ma l'originale a 16:10 è ancora impostabile opzionalmente). Novità anche dal punto di vista della trama, con il doppiaggio italiano che si aggiunge a quello inglese e ungherese.

2
I fondali sono stupendi, e grazie alla rimasterizzazione acquisiscono ancora più visibilità e profondità.

Dal punto di vista del gameplay, la novità più rilevante della versione EX è l'introduzione della co-op fino a due giocatori, disponibile solo per la modalità storia ed esclusivamente in locale. Sicuramente una novità non da poco, anche se sarebbe stato ideale estenderla anche all'online. Ma non è finita qui, visto che abbiamo anche tre nuove modalità Versus (Corsa, Carri Dodgeball) oltre a nuovi Livelli Sfida. Questi ultimi ci pongono di fronte a brevi ma intensi quadri in cui dovremo raggiungere un dato obiettivo prima dello scadere del tempo, ad esempio evitare tutte le mine rosse su schermo distruggendo solo quelle gialle per estendere il tempo.

Oltre a queste nuove introduzioni, troveremo naturalmente le modalità già presenti nella versione originale, ovvero Arcade, Attacco a Punti, Addestramento Boss e Storia. Le modalità alternative sono più adatte ai giocatori in cerca di un livello di sfida decisamente più alto di quello della campagna, e se si ha spirito competitivo si rimarrà certamente incollati al joypad per un bel po', specialmente in compagnia di un nostro amico con cui lanciarsi nelle battaglie versus.

Tirando le somme, Sine Mora EX ripropone un titolo che aveva già lasciato il segno sulle macchine di scorsa generazione, innalzandone lo standard grafico (peraltro già di rilievo) e adattandolo alle console attuali. I giocatori che hanno già spolpato l'originale su Xbox 360 o PS3/Vita troveranno nuove modalità ad invogliarli a rivisitare il titolo, una su tutte quella a due giocatori, che va a colmare una delle poche lacune del concept originale.

A un prezzo budget sia per quanto riguarda la versione retail che quella digitale, non ci sono motivazioni per non consigliare questo ottimo shoot 'em up tanto ai giocatori occasionali, ma soprattutto agli appassionati del genere che per un motivo o per l'altro se lo fossero persi sulle console di vecchia generazione.

9 /10

Contenuti correlati o recenti

Operation Tango - recensione

Una spy-story da vivere in due.

Knockout City - recensione

Schiva, piega, scansa, tuffati e schiva!

Mass Effect: Legendary Edition - recensione

“Sar leggen...non ti muovere...dario!”

Returnal - recensione

"PlayStation? Grandi esclusive ma tutte troppo simili" cit.

Articoli correlati...

Commenti (7)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza