Magic The Gathering: Arena - recensione

Finalmente la trasposizione digitale che tutti attendevano.

Sono pochi i giochi che nella storia dell'intrattenimento ludico (sia da tavolo che digitale) possono essere considerati i capostipiti di un genere. Nel 1993 la mente geniale di Richard Garfield (plurilaureato in studi matematici) partorì Magic: The Gathering, un gioco di carte collezionabili che con un art work originale e accattivante e meccaniche rivoluzionarie cambiò per sempre la faccia del competitive gaming.

Con un balzo di 26 anni, e oltre un centinaio di set pubblicati, MTG è ancora sulla cresta dell'onda, affermandosi in maniera assoluta nel mondo dei Trading Card Games, con un giro di affari milionario, tornei in tutto il mondo, hall of fame di campioni e premi in denaro molto allettanti. Per questo motivo, la creazione di una versione digitale del gioco è stata la naturale evoluzione.

Molti veterani si ricordano Shandalar del 1997, ovvero il primo vero tentativo digitale di trasporre MTG: il gioco era un mix di esplorazione e combattimenti svolti con i mazzi di carte. Un'esperienza che rimane per molti versi inarrivabile come immersione e immediatezza.

Fino ad oggi.

MTG: Arena è la migliore versione digitale del gioco. Ecco. L'ho detto. Senza troppi giri di parole.

Come ogni TCG su dispositivi elettronici, il client si può scaricare gratuitamente dal sito della Wizards of the Coast (e presto sul launcher di Epic), e segue il trend degli altri fratelli e sorelle del genere con quest giornaliere che premiano con pacchetti da 8 carte utili per ampliare la propria collezione, oro per comprarne di aggiuntivi o partecipare a eventi e punti esperienza che andranno a riempire una barra di esperienza per sbloccare altri premi e collezionabili.

Interessante notare che un giocatore fresco d'installazione, dopo una serie di match introduttivi sulle meccaniche di gioco, avrà a disposizione fino a 5 mazzi precostruiti. Un aiuto necessario per chi è alle prime armi con l'universo di Wizard of the Coasts.

Il gameplay di MTGA è il punto di forza del gioco e qui troviamo la prima grossa differenza con l'ovvio metro di paragone, Hearthstone. I mazzi da gioco di MTG si basano su un mix d'incantesimi e terre; quest'ultime forniscono il mana necessario per lanciare le magie. Una progressione non lineare pertanto che può talvolta lasciare a secco il giocatore rendendo difficile usare carte con costo di mana elevato. Il deck building quindi diventa una skill necessaria per ogni spellslinger che vuole affrontare questo nuovo mondo in maniera meno casuale; il bilanciamento del proprio mazzo con un giusto rapporto fra terre e magie è la chiave di volta per essere efficienti.

MTGA è un'esperienza reattiva e mai passiva. L'interazione con l'avversario è costante; si possono giocare magie nel proprio turno, nel turno dell'avversario o in reazione a una magia lanciata.

0001
La schermata principale, con le quest giornaliere e gli eventi settimanali.

Ogni mazzo di carte può contenere fino a 4 copie di una stessa carta, con la possibilità di scambiare le varie wild cards ottenute nei pacchetti per carte della stessa rarità, un sistema simile a quello visto in Hearthstone, ma con l'impossibilità di distruggere le carte indesiderate. Ogni extra copia aperta, infatti, andrà a riempire un indicatore che sbloccherà ulteriori wild cards.

L'interfaccia di gioco è pulita e semplice e di grande impatto visivo, con incredibili animazioni per alcune magie giocate e con la recente implementazione di carte animate, un equivalente delle foil del cartaceo, sbloccabili con quest o semplicemente acquistate nello store con gemme. Ogni fase di gioco può essere marcata dal giocatore per avere più controllo in ogni istante e per essere più reattivi nelle risposte e pianificare al meglio la propria strategia.

Le modalità di gioco sono molteplici e tutte richiedono approcci e talvolta mazzi interamente diversi.

In Ranked potremo giocare con un mazzo di 60+ carte (anche se il consiglio è di non andare oltre le 60) in partite secche 1v1. Un modo veloce e immediato che permetterà di scalare la classifica per avere accesso a premi aggiuntivi.

0002
Qui possiamo vedere il Mastery, il season pass per Arena. La prima barra è per tutti, la seconda si sblocca con l'acquisto in store.

Traditional Ranked è la modalità usata anche nel gioco di carte da tavolo. Il mazzo è composto da 60 carte con 15 aggiuntive (sideboard) che possono andare a rimpiazzare carte nel main deck, dopo il primo match. Si tratta, infatti, di partite al meglio delle tre. E' una modalità più competitiva e complessa, in quanto permette di reagire al mazzo dell'avversario usando un sideboard con carte specifiche contro ogni meta.

Play e Traditional Play sono duemodalità che ricalcano le precedenti, ma senza incidere sulla classifica. In pratica se si vuole testare un nuovo mazzo senza rovinare il proprio ranking, queste due sono le opzioni migliori.

Draft è la modalità di gioco più popolare e la più originale. Ogni giocatore riceve 3 pacchetti all'inizio del draft e apre il primo. Da questo, il giocatore sceglie una carta da tenere, presumibilmente una utile e potente, e passa il resto del pacchetto al giocatore alla sua sinistra. Gli altri giocatori fanno lo stesso fino a quando le carte del booster sono state tutte assegnate. Il procedimento si ripete per il secondo e il terzo booster (passati rispettivamente a destra e sinistra). Con le 45 carte draftate si dovrà costruire un mazzo di 40 carte minimo. Ogni draft di solito ruota attorno a una sola espansione, per non mischiare meccaniche di gioco e rendere la vita più facile per i giocatori. I draft sono un evento premium che richiede un costo in monete d'oro o gemme (la currency di MTGA, acquistabile con soldi veri).

0004
Schermata per l costruzione mazzi, in cui si possono filtrare le carte per colore, o cercare carte specifiche. Da qui si possono anche craftare carte mancanti. (deck list omaggio!)

Per quanto riguarda il modello di business, lo store offre le canoniche opzioni per comprare boosters, singoli o in bundle, con l'oro ottenuto grazie alle quest giornaliere o con gemme, la currency ottenuta usando soldi veri. In aggiunta si possono acquistare card sleeves per decorare il dorso delle carte, nuovi avatar e stili per aggiungere animazioni alle nostre nostre magie. Le gemme, che hanno un prezzo molto ragionevole, sono anche usate per entrare in eventi speciali, come i sopra citati draft o per acquistare il Season Pass, qui chiamato Mastery.

Quest'ultimo è una recente e assai gradita aggiunta al gioco. Ogni giocatore infatti dispone di una barra di esperienza che viene riempita con quest completate e vittorie. Ogni livello ha ricompense come oro, gemme, carte speciali e boosters. Il season pass aggiunge una seconda barra di esperienza (un po' come quello presente in Destiny 2) che fornisce ulteriori ricompense.

L'unica pecca del gioco, al momento della recensione, è la mancanza di una friend list per salvare gli ID dei giocatori che abbiamo sfidato in duelli privati, ed è qualcosa che i fan stanno chiedendo dal Day 1, visto che è presente in molti giochi del genere, in aggiunta alla possibilità di creare tornei privati fra amici. Ma gli sviluppatori sono sempre all'ascolto e siamo sicuri che vedremo quest'opzione presto abilitata.

MTGA è un gioco incredibilmente semplice nelle meccaniche di base, ma che nasconde una complessità e una profondità di strategia che richiede tanta pratica per comprendere appieno tutte le sfumature e le pieghe. Deck building e analisi della curva del mana sono abilità fondamentali per scalare le classifiche e diventare un vero Spellslinger.

8 /10

Leggi la nostra guida al punteggio

Vai ai commenti (3)

Riguardo l'autore

Alberto Naso

Alberto Naso

Redattore

Appassionato di videogiochi fin dall'infanzia, non sembra voler smettere da adulto. Streaming, articoli e la gestione di un negozio di giochi riempiono le sue giornate, col desiderio di giocare sempre un'altra partita. Potreste incontrarlo molto probabilmente nelle vaste terre di Azeroth.

Contenuti correlati o recenti

Sid Meier's Civilization VI - recensione

È il turno di PS4 e Xbox One.

Nowhere Prophet - recensione

Pellegrinaggi a base di mazzi di carte.

Fire Emblem: Three Houses - recensione

Intelligent System torna a scuola.

Articoli correlati...

Plague Inc. riceverà una nuova modalità in cui dovremo salvare il mondo da una pandemia

Una modalità che "ribalta" lo scopo originale del gioco, in linea con i recenti eventi che tutti noi stiamo vivendo.

ArticoloDesperados 3 - prova

Il selvaggio West, in punta di piedi.

Plants vs. Zombies 3 è realtà e si mostra nel trailer di lancio

EA ha ufficializzato il tutto con tanto di soft launch.

Commenti (3)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza