Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Asus Z170 Pro Gaming Aura - recensione

ASUS dà una rinfrescata al look di uno dei suoi prodotti di punta.

Uno dei componenti maggiormente sottovalutati in sede di assemblaggio di un nuovo PC gaming è la scheda madre, in genere scavalcata nella classifica delle necessità da scheda video e processore. A meno di non essere appassionati di overclocking, difficilmente le attenzioni del giocatore medio sono indirizzate verso le schede madri di fascia alta. Per questo vengono spesso privilegiate soluzioni di compromesso, le cosiddette motherboard "sweet-spot" che costituiscono un'importante fetta di questo mercato, grazie a funzionalità e capacità di overclocking bilanciate.

Uno dei prodotti appartenenti a quest'elenco che andiamo a recensire oggi è la ASUS Z170 Pro Gaming/Aura, che ha tutte le carte in regola per imporsi come riferimento per la casa di Taiwan. Questa motherboard è la discendente diretta della Z170 Pro Gaming che ne riprende in toto le caratteristiche, come il socket, il chipset e così via introducendo delle migliorie extra, soprattutto a livello estetico.

La Pro Gaming/Aura ricalca in maniera fedele il design del suo predecessore, con l'aggiunta di un'illuminazione LED.

Dal sample che ci ha inviato ASUS, notiamo che la soluzione adottata per l'imballo è una confezione esteticamente meno aggressiva rispetto a quelle dei prodotti Republic of Gamers ROG ma non per questo meno interessante. La scheda madre è alloggiata in un contenitore antistatico in plastica trasparente, a sua volta adagiato su un supporto in cartone nero. Il bundle del prodotto comprende quattro cavi SATA 3, una cover per le prese da applicare sul retro del cabinet, uno SLI bridge marchiato ROG, sette fascette per tenere ordinati i cavi all'interno del case, un tool per l'installazione semplificata della CPU, degli adesivi ROG utili per segnare i cavi, e i classici CD con i driver e guida per l'utilizzo.

Inoltre ASUS omaggia tutti gli acquirenti di questa scheda madre con un codice sconto per World of Warship di Wargaming.net, per ottenere quindici giorni di account Premium. Sul piano estetico la Pro Gaming/Aura ha un design classico, caratterizzato dai colori grigio scuro e bianco, con una linea rossa nella zona del circuito audio a mettere un po' di brio.

La Pro Gaming/Aura, come il suo predecessore, è un prodotto dedicato alle CPU con architettura Skylake di Intel e utilizza un socket LGA 1151, basato su un chipset Z170 che consente all'utente di controllare il moltiplicatore per l'overclocking a patto di avere un processore compatibile. L'equipaggiamento comprende quattro slot per RAM DDR4 fino a 3466 MHz, due slot PCIe 3.0 x16, uno slot PCIe 3.0 x4 e tre slot PCIe 3.0 x1, un ingresso M.2 per il supporto agli ultimi dischi a stato solido, e sei porte SATA da 6 Gbps.

Una novità interessante di questa motherboard, al momento non presente in nessun altro prodotto sul mercato, è la presenza di componenti stampati completamente in 3D. Oltre a questo, è possibile scaricare dei modelli 3D personalizzabili, da stampare e utilizzare su di una porta M.2 libera, qualora si abbia l'interesse.

Un particolare del socket LGA 1151 che equipaggia questa scheda madre.

Le posizioni di socket, chipset, slot per RAM e PCIe sono quelle classiche, fa eccezione soltanto lo slot M.2 posizionato in basso a destra. Rispetto ad altri modelli, gli ingressi PCI Express sono rinforzati in metallo e hanno più punti di saldatura sul retro, per migliorarne la resistenza in maniera sostanziale. I LED RGB sono invece installati a destra degli slot RAM, sul lato inferiore del PCB e sono completamente gestibili tramite il software Aura, che permette di modificarne in maniera autonoma il colore e gli effetti visivi fra i dodici disponibili.

La connettività comprende una porta PS/2, quattro porte USB 3.0, due porte USB 2.0, una porta USB 3.1 Type-A, una porta USB 3.1 Type-C, una porta ethernet e sei ingressi audio, di cui cinque per jack da 3,5 millimetri e uno di tipo ottico. Un'altra novità di ASUS Pro Gaming/Aura è il chip Pro Clock, un generatore di clock aggiuntivo che permette ai processori Skylake di andare oltre i 400 MHz, funzionalità utile per ridurre i tempi di boot e migliorare la stabilità del sistema in sede di overclocking.

Il sonoro è gestito per mezzo del codec Realtek ALC1150 ed è coadiuvato dalla tecnologia SupremeFX, il tutto alloggiato sul lato sinistro della scheda, tra le cui innovazioni spiccano un'ottima schermatura per le interferenze elettromagnetiche e un elevato rapporto segnale/rumore. La gestione dell'audio è permessa dal software Sonic Radar II, che offre la cosiddetta marcia in più durante le sessioni di gioco, per mezzo di un radar che aiuta il giocatore a capire la provenienza dei suoni analizzandoli e segnalandoli a schermo.

La gestione del BIOS è quanto di già visto nella gamma ROG di ASUS, con settaggi base e avanzati, per ogni genere di esigenza.

Migliorie videoludiche che troviamo anche nel networking di questa Pro/Aura Gaming, affidato ad un controller Intel I219-V che riduce tra l'altro il carico gravante sulla CPU, alla tecnologia LANGuard montata sulla porta ethernet che protegge dall'elettricità statica e dagli sbalzi di corrente e a GameFirst, l'applicazione che ottimizza il traffico di rete assegnando la banda dove ce n'è maggiormente bisogno, come le partite online o gli streaming video.

La gestione del BIOS nella serie ROG di ASUS fa capolino anche sulla Pro Gaming/Aura, con un tema dai colori grigio e rosso e la presenza di due modalità: semplice e avanzata, per venire incontro alle esigenze di ogni appassionato. Nella pagina principale sono presenti i vari menù: il primo è relativo alle opzioni preferite, una sorta di scorciatoia per l'utente, mentre il secondo permette il controllo dei settaggi base e la visualizzazione delle informazioni relative alla configurazione di sistema.

Sicuramente la sezione preferita dagli smanettoni sarà quella dedicata all'overclocking, la "AI Tweaker": da qui è possibile intervenire su un buon numero di parametri riguardanti la CPU, come la ratio e la frequenza. Il menu "Advanced" consente la gestione di ogni singolo aspetto delle periferiche e delle interfacce, come l'audio oppure le porte SATA. Abbiamo utilizzato un processore i5-6600k con dissipatore standard per il nostro test sull'overclock e i software AIDA64 e ROG Realbench. Lavorando sul moltiplicatore e lasciando inalterato il base clock al suo valore standard, siamo riusciti a mantenere il sistema stabile raggiungendo la frequenza massima di 4,6 GHz con Vcore di 1,37 volt, un risultato più che discreto.

La Z170 in azione presso un overclocking event.

ASUS ad oggi vanta un notevole numero di schede madri basate su piattaforma Skylake e il suo obiettivo, con questa Pro Gaming/Aura, era di migliorare la Z170 Pro Gaming, uno dei suoi prodotti di punta, dotandola di illuminazione led e fornendo un prodotto sicuramente più completo agli utenti che hanno deciso solo all'ultimo di aggiornare le loro macchine al nuovo socket. Ed è sicuramente ciò che ci sentiamo di consigliare anche noi, in virtù delle caratteristiche presenti su di un prodotto con un prezzo in linea con le aspettative (160 euro sugli store online), in attesa che il mercato presenti i nuovi processori Kaby Lake.

8 / 10

Scopri come lavoriamo alle recensioni leggendo la nostra review policy.

Taggato come
A proposito dell'autore

Roberto De Lucia

Contributor

Commenti