Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Faccia a faccia con Andrew House

E3, 3DS, PS Plus e molto altro ancora.

Andrew House si è davvero goduto l'E3 2010 e questo soprattutto perché non ha dovuto organizzare la conferenza Sony - cosa che ga fatto per 10 anni, prima di diventare presidente di Sony Computer Entertainment Europe.

Cosa penserà dunque di chi ha preso il suo posto? Sarà stato soddisfatto? E cosa avrà avuto da dirci riguardo al PlayStation Plus ed alle presentazioni mancate, come quella di The Last Guardian e della tanto chiacchierata nuova PSP? Continuate a leggere per scoprirlo!

EurogamerCosa ne pensi della conferenza Sony di quest’anno?
Andrew House

Credo sia stato un grande successo, visto che per il secondo anno consecutivo abbiamo mostrato una buona quantità di ottimi prodotti. Possiamo contare su un'ottima line-up di giochi PS3 per questo ed il prossimo anno. E questo senza contare il grande potenziale di Move; non avevo mai visto Sorcery con l'implementazione di Move e mi ha fatto un grande effetto. Vi confesso che ora è in cima alla lista dei titoli da avere assolutamente.

EurogamerStai cercando di dirci che, segretamente, hai sempre sognato di essere un mago?
Andrew House

Assolutamente si. Ho letto tutti i libri di Harry Potter ma… diciamo che preferisco fermarmi qui.

EurogamerIn effetti, continuando così potresti andare incontro ad una denuncia per violazione di copyright.
The Fight: Lights Out – uno dei primi titoli per Move.
Andrew House

Complessivamente credo che il livello della conferenza sia stato molto alto. E onestamente credo che un po' di ironia e qualche battuta sulla concorrenza sia stata positiva, specie perché è un qualcosa che negli ultimi anni è mancato.

EurogamerChe cosa ne pensi delle conferenze dei vostri concorrenti?
Andrew House

E' difficile da dire e non credo sia corretto parlarne visto che non ho assistito agli eventi in questione.

Eurogamer Tornando alla vostra conferenza, il 3D ha avuto un ruolo di primissimo piano, ciononostante ci sono ancora molti interrogativi riguardo alla quantità di persone che decideranno di spendere i propri soldi per questa tecnologia. In fin dei conti il costo per una TV 3D e per diverse paia di occhiali richiede un certo investimento. Credi che il mercato sia pronto per una cosa del genere?
Andrew House

Assolutamente si. Sony ha preso un'importante decisione puntando sul 3D e dimostrando di credere che questa tecnologia dominerà il mercato dell'intrattenimento nel prossimo futuro. E vista la quantità di questo genere di prodotti che stanno arrivando sul mercato, non penso che siamo gli unici a pensarlo.

Il successo di Avatar ha chiaramente dimostrato che, sebbene ci fosse un certo cinismo intorno alla tecnologia 3D, i consumatori sono in grado di percepirne il potenziale. Considerando che il pubblico è disposto a pagare un prezzo maggiorato per un biglietto per un film in 3D, non vedo perché la stessa cosa non potrebbe accadere nel caso degli impianti 3D domestici.

Eurogamer Sei però convinto che molte persone siano pronte a fare un tale investimento? Un biglietto per un film in 3D costa intorno ai 10 euro, mentre per portarsi a casa una TV 3D ne servono qualche migliaio...
Killzone 3 sarà giocabile in 3D a patto che si abbiano gli strumenti adatti.
Andrew House

Tutti si fecero la stessa domanda quando il motivo del contendere era l'alta definizione ma, proprio come in quel caso, anche alla luce della grande competizione in questo campo, i prezzi si abbasseranno molto più rapidamente di quanto pensiamo. Ne sono certo, specie perché dopo aver sperimentato la stessa situazione per quanto riguarda l'HD, le persone saranno più propense a fare investimenti di questo tipo.

SCEE ha comunque adottato una strategia a lungo termine che richiederà molto, moltissimo tempo. Al tempo stesso credo che questa tecnologia godrà di una diffusione molto più rapida rispetto a quelle passate.

Eurogamer Credi che le persone vogliano davvero giocare a Killzone in 3D per ore ed ore?
Andrew House

Killzone rappresenta semplicemente una dimostrazione di cosa può essere fatto con questa tecnologia. Non tutti i titoli saranno sviluppati allo stesso modo. Si tratta di una tecnologia relativamente giovane, ma chi l'ha provata l’ha definita un'esperienza unica.

Taggato come
A proposito dell'autore
Avatar di Davide Persiani

Davide Persiani

Contributor

Davide inizia a lavorare nel campo dell'editoria videoludica all'età di 16 anni. Dopo qualche anno di gavetta in Spaziogames e Play Media Company, subisce l'irresistibile fascino di Eurogamer.it.

Commenti