Mass Effect 3: Special Edition - review

Come se la cava il capolavoro di BioWare su Wii U?

Mass Effect 3 arriva su Wii U in ritardo ma ricco di caratteristiche disegnate specificamente per la nuova console Nintendo.

Versione provata: Wii U

Al di là delle polemiche sul finale (che tra l'altro il sottoscritto ha gradito) e sull'orientamento più “action” che GDR, Mass Effect 3 resta uno dei titoli più belli ed epici degli ultimi anni, quindi non può che essere il benvenuto sulla nuova console Nintendo, di cui rimpolpa la line-up di lancio.

Premetto che il gioco è sottotitolato “Special Edition”, ma di speciale non c'è moltissimo: il disco include infatti il DLC “From Ashes” (che contiene una missione e un personaggio aggiuntivi), un'arma pesante extra e ovviamente il tanto dibattuto finale “alternativo”, che è stato reso disponibile da BioWare come contenuto scaricabile dopo la release del gioco per placare le ire dei fan oltraggiati dalla conclusione originale, che non spoilero per ovvi motivi.

Al di là di questo, il gioco è essenzialmente Mass Effect 3 in tutto e per tutto, aggiunte le funzioni specifiche relative al Wii U e al GamePad, e fatte le dovute considerazioni tecniche sul lavoro di conversione, che non è stato svolto direttamente da BioWare ma dall'australiana Straight Right.

1

Esteticamente il gioco è identico o quasi alle versioni per altre console. Non che ci aspettassimo niente di meno da un nuovo hardware!

Buone notizie, comunque, perché dal punto di vista grafico non c'è assolutamente nulla da recriminare: sulla nuova console di Nintendo il gioco è bello esattamente come lo era sugli altri hardware, e sebbene si noti ogni tanto qualche lievissimo rallentamento (un caricamento un po' troppo lungo, un singhiozzo di frame rate, una texture che ci mette un po' troppo ad apparire) si tratta comunque di minuzie che non hanno alcun impatto sul gioco in sé per sé.

"Dal punto di vista grafico non c'è assolutamente nulla da recriminare: il lavoro di conversione è ottimo"

Prima che qualcuno sfrutti questa come leva per rivolgere una critica all'hardware di Nintendo, va ricordato che nemmeno nelle sue altre versioni il gioco era completamente esente da piccoli problemi di questo tipo, e che comunque la conversione di un titolo sviluppato per girare su altri sistemi è un'operazione delicata, il cui esito non sempre è rappresentativo della “potenza grafica” di una console (lo sa bene la PlayStation 3, brutto anatroccolo di questa generazione in quanto a conversioni).

Veniamo dunque a quello che tutti vogliamo sapere, ossia l'implementazione del GamePad. In una parola: spaziale. In realtà non c'è niente di così innovativo in quanto ad idee ma il solo fatto di poter giocare Mass Effect 3 su quella che, finché si rimane nei limiti del raggio d'azione del Wii U, è a tutti gli effetti una console portatile, è veramente straordinario. Tenendo premuto il tasto “-” per circa un secondo, in qualsiasi momento, il gioco infatti passerà senza alcuna esitazione dallo schermo del televisore a quello del GamePad, e viceversa. La giocabilità su GamePad è ottima, senza alcun tipo di lag, e l'immagine conserva ottimi valori di dettaglio e colore, caratteristiche che sempre di più si confermano come uno standard per questa nuova console Nintendo.

2

Giocare direttamente su GamePad con un Wii U in casa, difficilmente vi farà più mettere mano ad una console portatile finché siete nelle mura domestiche...

L'unico dettaglio che ancora denota qualche acerbità dell'interfaccia è che il tasto “-” è assegnato anche alla funzione di salvataggio rapido, quindi ogni volta che vorrete switchare lo schermo avrete “in omaggio” anche un salvataggio forzato: nessun fastidio, perché salvare non fa mai male, ma la cosa è un po' buffa.

"L'implementazione del GamePad? In una parola: spaziale"

Quando invece si gioca sulla TV, lo schermo del GamePad è assegnato ad una funzione semplice ma molto utile: visualizza la mappa di gioco vista dall'alto, la quale è anche interattiva, mostrandoci in tempo reale gli obiettivi della missione, la posizione dei nemici ed altro. Essa ci consentirà anche di indicare ai membri della nostra squadra i movimenti da effettuare, con un effetto tattico molto piacevole. Infine, potremo configurare i nostri poteri mappandone 8 ai lati dello schermo, cosa che ci consentirà di attivarli in tempo reale senza accedere alla “ruota” di comandi classica del gioco.

Molto piacevole anche il fatto che, inserendo un jack audio nella presa cuffie del pad, il sonoro venga istantaneamente trasferito dal televisore a quest'ultimo, consentendoci dunque di giocare “in cuffia” comodamente collegati al nostro GamePad. Si tratta di una feature da non sottovalutare tra le “nuove potenzialità” che offre la console di Nintendo: un piccolo dettaglio, certo, ma sicuramente comodo.

4

Fa un certo effetto veder girare su una console Nintendo un titolo 18+ e finalmente in HD!

Venendo alle dolenti note, l'unico difetto vero e proprio di questo Mass Effect 3 in versione Wii U è la mancata possibilità di importare i propri sudatissimi salvataggi di ME1 e ME2, con le conseguenti scelte già effettuate. Ovviamente il problema era inevitabile, e gli sviluppatori hanno fatto il possibile per aggirarlo, inserendo un lungo “fumetto interattivo” che ci racconterà a grandi linee la storia dei precedenti due capitoli e ci lascerà prendere alcune delle decisioni principali riguardo la storia.

"Se non vi interessa l'importazione dei salvataggi, allora questa Special Edition” è senz'altro un'ottima scelta"

Questo è l'unico motivo concreto per cui la versione per la nuova console Nintendo si possa considerare “inferiore” rispetto alle altre, ma se per qualsiasi motivo non vi interessasse l'importazione dei salvataggi, allora questa “special edition” è senz'altro un'ottima scelta, grazie alle sue piccole ma gradite caratteristiche extra tutte targate Wii U.

Sul gioco in sé, ovviamente, non c'è bisogno di spendersi ulteriormente: è uno dei capolavori di questa generazione (o adesso dovremmo dire “della generazione passata”?), un titolo che ogni appassionato di fantascienza, o anche semplicemente chi vuole uno storytelling maturo e entusiasmante, non dovrebbe lasciarsi sfuggire per nessun motivo al mondo.

6

Quando si gioca sul televisore, lo schermo del GamePad funge da mappa tattica per impartire comandi agli alleati. E si potranno anche selezionare direttamente i poteri.

Se avete appena comprato un Wii U e state cercando un gioco “serio” per mettere alla prova il feeling con la vostra nuova console e il suo insolito controller, non pensateci neanche un istante: lo avete trovato.

9 / 10

Leggi la nostra guida al punteggio Mass Effect 3: Special Edition - review Luca Signorini Come se la cava il capolavoro di BioWare su Wii U? 2012-12-03T11:10:00+01:00 9 10

Commenti (33)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

  • Caricamento...