LG 27GL850: ecco perché lo nominiamo miglior monitor da gaming - recensione

E in più, un approfondimento sula tecnologia Nano IPS e sul tempo di risposta GtG.

Recentemente abbiamo nominato l'LG 27GL850 il migliore monitor da gaming sul mercato dopo diverse settimane di test. Questo display 1440p a 144Hz ci ha impressionato per la sua eccellente riproduzione dei colori e la sua gestione del movimento. Mancano tuttavia una serie di feature di una certa rilevanza, la cui assenza è stata perdonata grazie a un prezzo abbordabile che sta sotto i $500.

Ad oggi, abbiamo ritenuto che fosse interessante entrare un po' più nel dettaglio riguardo ai motivi per cui ci sentiamo di consigliare questo nuovo monitor, tra cui un approfondimento sull'innovativo pannello Nano IPS, il suo tempo di risposta GtG di 1ms e altre curiosità che non avevamo messo in luce nella nostra precedente analisi.

La maggiore differenza tra l'LG 27GL850 ed il nostro precedente 'miglior monitor gaming' sta nella tipologia di pannello utilizzato. Mentre monitor come l'Acer XB271HU e l'Asus PG279Q usavano pannelli AHVA IPS del produttore taiwanese AU Optronics, questo nuovo monitor è costruito attorno alla tecnologia next-generation Nano IPS panel di LG Display, una sussidiaria di LG chaebol.

La tecnologia Nano IPS fonda le sue radici sui punti di forza dei pannelli IPS, che sono rinomati per gli ottimi angoli visivi e l'accurata riproduzione dei colori, stratificando nanoparticelle sulla retroilluminazione LED bianca dello schermo. Questo strato filtra le lunghezze d'onda di luce che risiedono al di fuori del gamut di riferimento, permettendo una maggiore fedeltà dei colori. Inoltre, le specifiche Nano IPS raggiungono il 98 percento dello spazio di colore DCI-P3, equivalente al 135 percento dello standard inferiore sRGB, e questo consente colori più accurati e supporto a input HDR.

modern

Tuttavia, il Nano IPS non risolve i più grandi punti deboli degli schermi IPS, ovvero gli scuri relativamente chiari, la luminosità non altissima, la mancanza di local dimming e perciò un contrasto sotto la media rispetto a pannelli VA o OLED. Ecco perché il 27GL850 non riesce a raggiungere il relativamente basso standard HDR 400, che richiede 400 di luminosità di picco. Il monitor LG raggiunge al massimo 350 nits. Una variante widescreen di questo monitor, il 38GL950G, rende un po' meglio, arrivando a una luminosità di picco di 450 nits, ma anche questo è ben al di sotto della soglia 1000+ per cui gli schermi HDR diventano veramente validi.

Oltre a migliorare la riproduzione dei colori, il 27GL850 surclassa la precedente generazione di monitor IPS nel tempo di risposta con un valore di 1ms Gtg verificato da testate indipendenti. Questa misura corrisponde al tempo necessario a un pixel per cambiare tra due colori: più lungo è questo tempo e più gli oggetti lasceranno una scia sullo schermo.

lg_monitors

Dato che molti monitor IPS hanno un tempo di riposta che sta tra 4 e 8ms GtG, 1ms rappresenta un upgrade significativo che dovrebbe migliorare la nitidezza degli oggetti in rapido movimento su schermo (come i nemici negli FPS). Nei nostri test del 27GL850, abbiamo trovato più facile rintracciare i giocatori rispetto ad altri monitor IPS a 144Hz come ad esempio l'Acer Predator XB271HU, che ha un tempo di risposta GtG di 4ms.

Ricordate che i tempi GtG sono dipendenti dal tipo di overdrive utilizzato, con "faster" che nel 27GL850 produce il tempo di risposta più basso introducendo però un evidente overshoot, vale a dire una scia di artefatti di fronte agli oggetti in rapido movimento. Noi consigliamo di utilizzare il secondo valore migliore, ovvero "fast", che è comunque nettamente migliore dei valori equivalenti di tutti gli altri monitor di tipo IPS (ed anche di alcuni monitor TN competitivi a 240Hz) e non causa degradazione dell'immagine evidente.

La cosa interessante è che questo monitor di LG è stato inizialmente pubblicizzato come il 27GL850G con supporto G-Sync, ma è stato poi commercializzato come 27GL850 o 27GL850-B. Tra l'annuncio iniziale ed il lancio, è stata presa la decisione di accantonare il costoso supporto al modulo fisico G-Sync in favore di una soluzione puramente software. Questo ha ridotto il prezzo all'incirca di un centinaio di dollari ed il monitor è ancora certificato come compatibile con Nvidia G-Sync, quindi funzionerà senza problemi sia con hardware Nvidia che AMD. Il rovescio della medaglia di questa decisione sta nei VRR stop che funzionano sotto 48Hz e la rimozione dell'overclock a 165Hz (cose a cui si rinuncia tranquillamente spendendo 100 dollari in meno).

Ci sono anche altri aspetti minori che vale la pena citare. Abbiamo menzionato le cornici slim nell'articolo dei migliori monitor gaming, ma il modo in cui sono fatte è diverso da gran parte dei monitor in circolazione. Invece che avere una cornice di plastica che fuoriesce dallo schermo, le cornici qua sono sotto lo schermo. Questo non ha vantaggio prestazionale, ma minimizza la discontinuità tra due schermi in un setup multischermo.

back

C'è un upgrade sostanziale nello stand, che occupa relativamente poco spazio sul tavolo e consente una rotazione di 90°, di inclinarlo e di regolarlo in altezza. Può anche essere montato senza attrezzi e questa è una cosa fantastica per i LAN party. C'è anche un stand VESA 100x100 se volete appenderlo a parete o utilizzare un braccio per monitori. Tutti gli I/O sono situati sul retro del monitor: abbiamo due porte USB 3.0, una DisplayPort 1.4 e due HDMI 2.0. Le porte sul retro sono più facilmente accessibili ma riducono la lunghezza dei vostri cavi rispetto a un setup rivolto verso il basso.

L'OSD è un altro punto di forza. Prima di tutto, il 27GL850 parte col piede giusto includendo un intuitivo joystick nella parte inferiore della cornice, molto più comodo della solita colonna di tasti. (C'è anche un'app Windows o MacOS se lo preferite). L'OSD offre varie modalità per diversi tipi di giochi, un'impostazione che schiarisce le aree scure (utile in CS:GO e nelle modalità hardcore di COD). Nessuna di queste feature è realmente essenziale, ma averle a disposizione è sempre comodo per certi utenti.

Considerando specifiche e feature del 27GL850, vi aspettereste un prezzo importante, e ad essere onesti non è certo un monitor economico con un prezzo intorno $490/€699. Si tratta di una grossa cifra per una singola periferica della vostra postazione, ma nel suo contesto questo monitor ha un prezzo ragionevole. I suoi concorrenti più stretti, come l'Acer XB271HU, ugualmente o più costosi avendo inclusi I moduli G-Sync che non sempre servono agli utenti.

Il nostro precedente monitor raccomandato, l'MSI Optix MAG271CQR, è più economico ha non ha una riproduzione perfetta dei colori e ha un tempo di risposta più alto. Quindi, questo nuovo monitor LG è la nostra nuova scelta migliore per il gaming, e se siete alla ricerca di nuovo schermo, questo modello dovrebbe essere quello su cui buttarsi se lo trovate a un prezzo ragionevole.

Leggi la nostra guida al punteggio

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Will Judd

Will Judd

Senior Staff Writer, Digital Foundry

A bizarre British-American hybrid, Will turns caffeine into technology articles through a little-known process called 'writing'. His favourite games are Counter-Strike, StarCraft and Fallout 2.

Contenuti correlati o recenti

ArticoloGoogle Stadia - prova

Connessione, risoluzione, FPS e input lag: tutto quello che c'è da sapere.

Ecco quanto costeranno i giochi su Google Stadia al momento del lancio

Scopriamo il prezzo dei titoli e gli sconti disponibili per giochi come Final Fantasy XV e Assassin's Creed Odyssey.

ArticoloBattere il bullismo - articolo

Mike Skupa, creatore di Bully, parla del genio e della follia di Rockstar, della chiusura dello studio di Sleeping Dogs, e di come il dolore che ha vissuto stia influenzando il suo nuovo gioco horror.

ArticoloThe Endless Mission - prova

Un videogioco sui videogiochi, un editor di avventure.

Articoli correlati...

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza