Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Philips entra ufficialmente nel mercato gaming con Envia

Chi ha bisogno di un nuovo setup?

Quando Philips ci ha invitato ad un evento dedicato ad un annuncio inerente al gaming, non abbiamo perso l'occasione e, mossi dalla curiosità, siamo volati a Parigi per vedere cosa l’azienda olandese avesse in serbo per noi e per il pubblico. Molte società hardware tra le più blasonate hanno profuso i propri sforzi in questi anni in una divisione dedicata ai gamer; chi più timidamente, chi invece in modo più convincente e concreto. Seppur in ritardo, anche Philips ha deciso di unirsi alla festa e lo ha fatto con diverse novità.

Durante l’evento parigino abbiamo assistito alla nascita ufficiale della linea Envia, un nome che proviene da radici greche associabile sostanzialmente allo “smart thinking”. Ambasciatrice ufficiale di questa nuova divisione è stata Sylvia Gathoni, aka QueenArrow, giocatrice competitiva di origine keniota, celebre nel panorama degli esport di Tekken.

A sorprenderci è stata la sua discesa in campo, letteralmente data la location dell’evento (ossia lo Stade de France) che ha fatto da cornice alla presentazione di tantissima componentistica come mouse e tastiere. Philips sembra fare sul serio e qui di seguito vi presenteremo i prodotti annunciati ed una nostra preliminare sensazione dopo una breve prova con questi nuovi hardware.

Sylvia Gathoni aka QueenArrow, giocatrice competitiva di origine keniota, è stata l’assoluta protagonista della presentazione della nuova linea Envia.

Philips ci ha stupito con tre linee dedicate al gaming. Partendo dalla fascia entry level si ha un monitor 27’’ LED curvo con una risoluzione di 2560 x 1440 che arriverà sul mercato a giugno 2023 ad un prezzo di 579€. Philips punta però molto più in alto con gli altri tre modelli, due varianti da 34’’ ed una, la punta di diamante della linea, da 42’’, rispettivamente equipaggiate con pannello QD OLED e OLED. Il 42’’ pollici che vedrete esposto sulla pagina dedicata alla divisione Envia è l’unico della gamma ad avere uno schermo piatto ma può vantare una risoluzione ed un refresh rate davvero superlativi.

L’unico ad uscire entro la chiusura di quest’anno, in una data non ancora specificata di dicembre, sarà il 34M2C7600MV, l’UltraWide Quad HD da 3440 x 1440 di risoluzione e uno strepitoso HDR 1400. In più tale modello può vantare mini LED retroilluminati e un refresh rate da 165hz, il tutto contornato dall’immancabile Ambiglow sulla scocca posteriore. Le caratteristiche di questo monitor sono senza dubbio convincenti seppur la nostra prova sia stata davvero di pochi minuti, ma l’effetto visivo sia del design che della luminosità ci ha davvero impressionato.

Philips con questo monitor mette subito le cose in chiaro, annunciando che la linea Envia non approda sul mercato per essere un competitor qualsiasi. Dalle funzionalità alle certificazioni equipaggiate è evidente lo studio delle esigenze dei giocatori e il 34M2C7600MV sembra essere la risposta quasi perfetta. Oltre a doverlo testare a dovere prima di pronunciarci, vi è il fattore prezzo da considerare.

Philips ha presentato anche periferiche come cuffie, tastiere e mouse.

Le innovazioni si pagano care, questo è ormai un fatto assodato, e dati i pochi modelli che possono vantare un pannello OLED e una certificazione HDR così alta, il valore del monitor è inevitabilmente superiore alla media. Per questo 34’’ infatti ci vorranno ben 2069€, un prezzo forte che potrebbe destabilizzare gli equilibri di mercato e creare un precedente nei prezzi dei concorrenti. Il valore rimane alto anche per le altre due versioni: quella da 42’’ arriverà al costo di 1959€, mentre l'altro modello da 34’’ costerà 1849€.

Prima di lanciarci in considerazioni troppo premature possiamo solo affermare che il futuro del gaming delineato da Philips richiede un portafoglio piuttosto gonfio ma, a fronte di tale spesa, si può portare a casa un monitor dalle prestazioni (sulla carta finché non potremo metterci le mani sopra) decisamente all’avanguardia.

Con tali caratteristiche non solo la compagnia olandese lancia un messaggio a colossi come Acer, Asus e Samsung, ma punta ad intaccare anche il mercato dei televisori come la serie C di LG. Il divario di prezzo rimane alto ma i monitor gaming stanno limando la distanza sui pannelli e, sempre più frequentemente, assisteremo all’esplosione di top di gamma OLED lasciando indietro i pannelli LED che resteranno a difendersi con prezzi sicuramente più invitanti.

Sebbene il 34’’ sembri il modello su cui Philips ha deciso di investire, a incuriosirci maggiormente è stato il 42’’, l’unico a equipaggiare un pannello piatto.

Purtroppo non possiamo approfondire la linea degli accessori quali tastiere e mouse, di cui non sappiamo i prezzi ma solo il periodo di lancio, fissato per la prossima estate. Entrambi i prodotti sfoggiano linee eleganti e affini a quelle dei monitor, con l’Ambiglow che ne risalta le linee. Sicuramente più interessanti le cuffie, mentre tastiere e mouse sembrano apparentemente puntare più sull’estetica che su innovazioni tangibili.

Come ribadito finora siamo stati piacevolmente stupiti da questa presentazione da parte di Philips, che sembra avere le idee molto chiare e concrete su come posizionarsi nella lotta tra hardware gaming. Rimandiamo dunque le nostre valutazioni alle prossime recensioni, quando avremo maggiori informazioni soprattutto per quanto riguarda le periferiche.

Taggato come
A proposito dell'autore

Virginia Paravani

Contributor

Commenti