Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Splatoon 3: al via il primo torneo della community italiana

Le iscrizioni sono aperte: siete nati per splattare?

Quello tra Nintendo e il mondo degli esports è un connubio molto antico e complesso. Se la Grande N ha sempre puntato sulla classica esperienza corale da divano in cui ridere e scherzare con amici e parenti, è stata inconsapevolmente in grado di creare alcuni dei videogiochi più apprezzati e seguiti dalle scene competitive, fatti di tecnicismi e rivalità capaci di lasciare un solco nella storia del settore. Per non parlare, ovviamente, dei tantissimi rapporti distrutti da un gesto banale, semplice, come lancio a tradimento di un guscio rosso all'ultimo giro su Mario Kart, indirizzato a un'innocente pilota che fino a quell'istante ci considerava suoi “amici”.

In seguito torneremo sull'argomento, ma la notizia di oggi riguarda Splatoon 3, un titolo che dal canto suo ha aperto a diversi tecnicismi ricamati sulla componente competitiva. Nelle battaglie multigiocatore esistono ora skill come l'Avvitotano, l'Impinnata, il super-salto, ovvero tecniche che nelle mani dei giocatori più esperti possono portare a “splattate” clamorose e a continui ribaltamenti di fronte. Non siamo stati sorpresi, di conseguenza, di scoprire che tra pochissimo andrà in scena il primo torneo italiano di Splatoon 3.

Già, avete capito bene: a partire dal prossimo 31 ottobre, squadre di appassionati si affronteranno in due circuiti: il primo tabellone, basato sulle Mischie Mollusche, è pensato per i nuovi giocatori che abbiano voglia di tuffarsi alla cieca nel mondo competitivo. Il secondo, invece, è dedicato ai fan duri e puri, che si daranno battaglia nella selezione delle Partite Anarchiche, ovvero Zona Splat, Bazookarp, Torre Mobile e Vongol gol. Ovviamente, oltre a rappresentare un'occasione d'oro per confrontarsi con l'ambiente dei tornei anche per coloro che non l'abbiano mai fatto, questi appuntamenti sono perfetti per stringere nuove amicizie, come già avvenuto – specialmente nel nostro paese – nella comunità di Super Smash Bros.

Siete pronti per scendere sul campo di battaglia in prima persona?

Il torneo è organizzato dalle community italiane di Nintendo, e le iscrizioni sono già aperte: per partecipare, è sufficiente compilare il form che potete trovare cliccando su questo link (fino al 30 ottobre). Siete pronti per scendere sul campo di battaglia? Il torneo durerà dal 31 ottobre fino al prossimo 20 novembre, la piattaforma informativa di riferimento per monitorare i risultati sarà challonge, mentre molti dei match saranno trasmessi in diretta su Twitch; in poche parole, se siete nati per splattare non avete più scuse. In caso foste interessati, voleste partecipare al torneo oppure semplicemente seguirlo, vi indirizziamo al server Discord italiano di Splatoon 3, dove troverete una copertura totale di questo e altri eventi, e dove ovviamente potrete cercare altri appassionati con cui unirvi alla battaglia.

Il torneo, tra le altre cose, funge da antipasto per il prossimo Splatfest di Splatoon 3 del 12 novembre (fino al 14); per chi non lo sapesse, gli Splatfest sono eventi che mirano a creare gruppi di giocatori che combattono a sostegno “di un'ideale”. L'ideale, beh, nel caso specifico sarà legato al lancio di Pokémon Scarlatto e Pokémon Violetto, e quale tematica migliore da mettere al centro del palco se non la difficilissima scelta dello starter? Il team Acqua, il team Fuoco e il team Erba si daranno infatti battaglia in nome dei Pokémon iniziali della nuova avventura, ovvero rispettivamente Quaxly, Fuecoco e Sprigatito.

Tornando all'argomento centrale, di recente abbiamo pubblicato un'analisi delle meccaniche avanzate di Splatoon 3 che potete leggere a questo link, che è sì utile in caso vogliate partecipare al torneo, ma soprattutto per spiegare il concetto di profondità che orbita attorno alle produzioni targate Nintendo. È infatti per certi versi stupefacente constatare come la casa giapponese sia stata in grado di creare videogiochi facilissimi da prendere in mano, semplici da imparare, eppure estremamente complessi da padroneggiare ai massimi livelli.

Non dimenticatevi di consultare le nostre guide per rendere al meglio.

Lo stesso Splatoon 3 in questo senso è emblematico: vi sarà capitato almeno una volta, nelle scorse settimane, di fare qualche Mischia Mollusca in tranquillità per poi imbattervi in un team di professionisti talmente esperto da far sembrare invisibili i propri membri. Beh, a noi è capitato, e c'è qualcosa di magico nella cooperazione e nella tecnica che servono per brillare sui colorati fondali di un'opera apparentemente caotica e folle.

Non è una sorpresa: la stessa dinamica si era già verificata fin dall'alba dei tempi della serie Super Smash Bros, che mise in scena un party-game capace di trasformarsi in uno degli esport più seguiti al mondo, al punto da conquistare un posto in pianta stabile nei templi dell'esport dedicati al genere del fighting-game. Quest'anno, la stessa Nintendo ha avviato una partnership con l'organizzazione Panda Global per mettere in scena un grande torneo su scala mondiale di Super Smash Bros Ultimate.

In passato abbiamo visto anche ARMS fare capolino sulle scene, ma di recente è proprio Splatoon 3 il candidato principale alla generazione di un nuovo ritorno di fiamma. Il torneo italiano è solo una delle tante competizioni nate in seno alla community che stanno segnando il periodo di post-lancio dell'opera, e non è assolutamente da escludere il fatto che prima o poi assisteremo all'esordio di un grande circuito. Cosa che, peraltro, sarebbe interessantissima anche sulle sponde di Mario Kart, al netto di qualche misura per limitarne l'intrinseca imprevedibilità.

Il prossimo Splatfest sarà a tema Pokémon Scarlatto e Violetto. Quale starter sceglierete?

Il rapporto tra accessibilità e profondità rappresenta probabilmente il più grande punto di forza della Grande N, quella caratteristica che le ha permesso, e ancora oggi le concede, di radunare sotto le sue bandiere un pubblico estremamente ricco e variegato; un po' come succede ad esempio nel calcio, dove nei centri sportivi cittadini capita di assistere in contemporanea a un match tra liceali e alla partitella tra colleghi appena usciti dall'ufficio.

Il nostro suggerimento, di conseguenza, è quello di mettere da parte la timidezza e scoprire quanto sia effettivamente profonda la tana del Bianconiglio: se siete giocatori di Splatoon 3, vale la pena di radunare un gruppo di amici e muovere i primi passi in questo lato nascosto dei videogiochi, una natura segreta che è capace di cementificare storiche amicizie e di crearne di nuove. Cosa aspettate? Avete tempo solo fino al prossimo 30 ottobre. È ora di scendere in campo!

A proposito dell'autore
Avatar di Lorenzo Mancosu

Lorenzo Mancosu

Editor-in-Chief

Cresciuto a pane, cultura nerd e videogiochi, i suoi primi ricordi d'infanzia sono tutti legati al Super Nintendo. Dopo aver lavorato dentro e fuori dall'industry, è finalmente riuscito ad allontanarsi dalle scartoffie legali e mettere la sua penna al servizio di Eurogamer.it.

Commenti