Eurogamer.it

Final Fantasy 15 su Xbox One X: migliorato rispetto a PS4 Pro, ma i problemi persistono - analisi comparativa

La migliore versione console, ma occorrono ulteriori rifiniture.

Dal suo lancio avvenuto lo scorso anno Final Fantasy 15 è cambiato tantissimo e Square-Enix ha continuato a supportare il gioco con patch e modifiche atte a migliorare l'esperienza dell'utente ed introducendo anche nuove feature, ma questo processo non è sempre andato liscio. La PS4 Pro è stata supportata sin dalla release del gioco e la sua implementazione è sempre stata inconsistente, volendo andarci leggeri. Le feature andavano e venivano ma in fin dei conti il gioco non è mai girato bene come avremmo sperato. L'upgrade di Xbox One X potrà finalmente fornire l'esperienza di Final Fantasy 15 che stavamo aspettando?

Eravamo ansiosi di vedere come si comportava in particolare questo titolo perché la versione Xbox One (per quanto sfocata possa essere) ha un netto vantaggio rispetto a tutte le versioni PlayStation: il frame-pacing corretto a 30fps, con ogni fotogramma che persiste su schermo per 33ms, veicolando un'esperienza di gameplay uniforme. Le prestazioni sono variabili a seconda della modalità di rendering scelta su PS4 Pro, ma per certi versi tutte quante forniscono fotogrammi non equiparati, e la modalità qualità è quella che presenta problemi peggiori. In effetti, il cattivo frame-pacing causa un effetto di stuttering in quella che è effettivamente un'esperienza bloccata a 30fps.

Ebbene, i risultati sono qui, e nonostante l'upgrade soddisfi le aspettative per molti versi, ci sono diversi problemi che dobbiamo elencare. Come preventivato, la versione Xbox One X offre le stesse tre modalità di PS4 Pro. High basa tutto sul fornire la migliore qualità dell'immagine possibile con un frame-rate di 30fps, mentre Steady riduce la risoluzione a 1080p e punta al set di feature grafiche delle console base. A completare la linea c'è la modalità 'Lite', che sblocca il frame-rate. Dal punto di vista dell'aspetto grafico, sia la modalità Steady che quella Lite sono grosso modo in linea con quelle PS4 Pro, ma è la modalità High che si piazza davvero su un altro livello.

Steady mode era la nostra preferita su Pro: ci costringeva a sacrificare la grafica, ma riduceva il cattivo frame-pacing al minimo. Su Xbox One X, la modalità High quality è quella da scegliere. In un'intervista precedente a questo update, il game director Hajime Tabata ci ha detto che questa modalità avrebbe offerto la stessa risoluzione rispetto a PS4 Pro, utilizzando il rendering checherboarding. Tabata ha quindi lasciato intendere si trattasse di una risoluzione 3072x1728, ma stando ai nostri esaustivi test non sembrano stare così le cose.

Ecco la nostra completa analisi di Final Fantasy 15 su Xbox One X, con un confronto con la versione PS4 Pro. Per coloro i quali possiedono dispositivi compatibili, il video è registrato in pieno HDR.

Per dirne una, basandoci sulla nostra conta dei pixel, Final Fantasy 15 non sembra operare a una risoluzione stabile: a seconda della scena, i risultati possono variare. In uno scatto, mentre guardiamo il cielo, abbiamo contato 3360x1890 un incremento rispetto alla dichiarazione dichiarata. Se abbassiamo la telecamera, scende a 3072x1728 (un valore pari a quello indicato da Tabata), ma altrove abbiamo misurato valori variabili tra 1584p, 1440p o persino 1360p. Abbiamo lanciato gli stessi test su PlayStation 4 Pro e abbiamo trovato valori molto simili. Nella realtà dei fatti, in via occasionale, la risoluzione risulta essere anche un pelo più alta su PlayStation 4 Pro.

La differenza principale qui è che la PlayStation 4 potenziata utilizza il checkerboarding, mentre, in contraddizione con quanto dichiarato da Tabata, Xbox One X utilizza la risoluzione nativa. L'immagine che ne viene fuori è di gran lunga più pulita su Xbox One X, priva di alcun tipo di artefatto causato dall'interpolazione, o di sfocatura dovuta al temporal anti-aliasing.

Quindi, in pratica, mentre la conta dei pixel risulta essenzialmente la stessa, il gioco su Xbox One X appare più pulito. Questa situazione si estende ad altri aspetti come il filtraggio delle texture che è leggermente potenziato su Xbox One X, consentendo una maggiore ricchezza dei dettagli in tutto il mondo di gioco. Anche la qualità delle ombre riceve un leggero ritocco, visto che queste sono più definite e visibili a una maggiore distanza. Si tratta di un bel balzo avanti.

Questo non significa che la qualità dell'immagine sia fantastica. Una volta che iniziate a muovervi, il temporal anti-aliasing di qualità inferiore ed il motion blur lavorano in tandem per creare un grande effetto pixellato. Ma nel complesso, dal nostro punto di vista Xbox One X offre una migliore esperienza: la modalità High quality è esente da problemi di frame-pacing, la grafica è potenziata e non ci sono gli effetti collaterali del checkerboarding. Un'area che non impressiona è l'UI, che è renderizzata a 1080p e fa una magra figura upscalata in 4K.

Passando alle prestazioni, Final Fantasy 15 con la modalità High su Xbox One X si comporta egregiamente. Dopo un paio d'ore di gioco siamo rimasti piacevolmente sorpresi. La qualità dell'immagine è eccellente in confronto alla versione PS4 Pro, il frame-rate molto stabile ed inoltre il frame-pacing è perfettamente equo, che è forse la cosa più importante di tutte. Ma dopo cinque-sei ore di gioco, abbiamo iniziato a incontrare due tipi di problemi prestazionali che hanno compromesso l'esperienza in modo variabile.

Xbox One X High ModePlayStation 4 Pro High ModeXbox One X Lite ModePlayStation 4 Pro Lite Mode

La versione Xbox One X offre una qualità dell'immagine migliore rispetto a PS4 Pro in High mode, offrendo bordi più puliti e superfici più nitide e dettagliate. In confronto, le modalità Lite e Stable operano a 1080p su entrambe le console.

Xbox One XPlayStation 4 ProXbox One X Lite ModePlayStation 4 Pro Lite Mode

Uno dei benefici primari di utilizzare la High mode è il filtraggio texture migliorato, e questo vantaggio è doppio su Xbox One X. Le modalità di qualità inferiore riducono la qualità del filtraggio a un livello molto basso.

Xbox One XPlayStation 4 Pro

Appena ci si inizia a muovere, entrambe le versioni perdono nitidezza per via dell'aggressiva soluzione di temporal anti-aliasing implementata. L'insegna a distanza al centro dello schermo offre più dettagli su Xbox One X, comunque.

Xbox One XPlayStation 4 Pro

Ambienti ricchi di dettagli come questi sono notevolmente più nitidi su Xbox One X. Su PS4 Pro, la High mode trae vantaggio dal checkerboarding rendering, ma sfrutta male la tecnica. Xbox One X non ne fa uso completamente.

Il primo problema è la perdita di performance nelle aree chiave, e la prima grande città che visiterete ne è un chiaro esempio. Questa offre ambientazioni fantastiche e su Xbox One X il frame-rate non si mantiene stabile mentre si cammina nella sua zona centrale, e su PS4 Pro non c'è lo stesso problema. È una situazione che si nota, ma che non causa enormi fastidi.

Ma questi cali possono verificarsi anche durante il gameplay normale come aree intense in cui ci sono ambienti dettagliati e un sacco di nemici: abbiamo misurato punti in cui il frame-rate scende a 20fps o persino a valori inferiori. E questo non sembra affatto accettabile. Quando le battaglie si concludono, la situazione torna alla normalità. Ma queste stesse situazioni vengono riprodotte senza gli stessi intoppi su PlayStation 4 Pro. Questi problemi tuttavia non si verificano abbastanza spesso da compromettere il gioco, ma non è quello che ci si aspetta da un hardware estremamente potente come quello di Xbox One X. Sembra che ci sia ancora molto lavoro da fare da parte dei programmatori.

Il secondo problema di prestazioni si manifesta quando si gioca per molto tempo, e potrebbe essere relazionato all'utilizzo della modalità sleep della console. Abbiamo notato cali di frame-rate fino alla soglia dei 20fps anche in aree relativamente leggere, che non recuperavano mai al frame-rate target di 30fps. Si è trattato di un problema talmente grave da costringerci a interrompere, salvare il gioco e ricominciare, cosa che ha risolto completamente il problema. Non c'è neanche bisogno di dire che è una situazione molto strana e speriamo che Square Enix spenda del tempo per risolvere entrambi i problemi, visto che venirne a capo cancellerebbe un alone di nebbia da quello che altrimenti sarebbe un porting superbo.

Dovremmo anche citare la Lite mode, che sblocca il frame-rate e arriva a un massimo di 60fps. Funziona in maniera simile alla versione Pro, passando gran parte del tempo nell'are atra 30-40fps con una risoluzione bloccata a 1080p. La verità è che per via di un effetto di judder causato dall'inconsistenza dei frame, l'esperienza di gioco risulta più laggosa di quella offerta dalle opzioni a 30fps. In più, su Xbox One X questa modalità aggiunge pure spiacevoli effetti di tearing che compromettono l'integrità dell'immagine. È certamente bene che ci sia questa modalità tra le opzioni (a qualcuno potrebbe piacere) e forse potrebbe dimostrarsi utile per una Xbox next-gen in modalità retrocompatibilità, ma per il momento non ci sentiamo di consigliarne l'utilizzo.

Il nostro report sul lancio di Final Fantasy 15 nella sua release originale, e parliamo anche di quello che lo rende così speciale.

Considerando quanto fluida sia la High mode per la maggior parte del tempo di gioco, la Steady mode, che gira a 1080p30, sembra un po' superflua. Certamente, blocca a 30fps il gameplay eliminando quei rari e vistosi cali di fps riscontrati in modalità high, ma anche in questa modalità possono verificarsi delle leggere incertezze nelle prestazioni, e questo non va affatto bene. La PS4 Pro non fatica allo stesso modo in situazioni simili, cosa che ci porta a escludere si tratti di un problema di CPU-bound. Sembra piuttosto che la patch X non sia ottimizzata a dovere.

Tutto sommato la High mode su Xbox One X rappresenta il miglior modo per giocare a Final Fantasy 15 su console: otterrete una versione più rifinita rispetto a quella PS4 pro, senza il judder causato dal cattivo frame-pacing. Ma c'è ancora la sensazione che Square Enix possa fare di più per far sfruttare meglio le potenzialità dell'hardware di Xbox. Per esempio, il gioco assegna automaticamente il lock del bersaglio al bumper di destra o di sinistra. Questi funzionano bene come semplici pulsanti da premere, ma il gioco vi chiede di tenerli premuti durante il combattimento praticamente per tutto il tempo, e non è affatto confortevole.

La morte dei tripla A single-player è alle porte? Vivere di single-player può essere impossibile per publisher e sviluppatori? La morte dei tripla A single-player è alle porte?

E quindi che potete fare? Sfortunatamente, il pad Xbox One Standard non permette di rimappare i grilletti: invertire i bumper destro e sinistro avrebbe risolto il problema, visto che la funzione assegnata al grilletto di destra è molto meno utilizzata. Se possedete un controller Xbox One Elite, comunque è possibile invertirli. Ma aggiungere la possibilità di rimappare i pulsanti certamente non sarebbe chiedere molto, giusto?

La sensazione è che Final Fantasy 15 abbia le sue inconsistenze e causi frustrazioni su tutte le piattaforme, ognuna con i suoi problemi che si mischiano tra loro col risultato di distrarre dal gameplay. Ma in definitiva, ci sentiamo di eleggere la versione Xbox One X come il miglior modo di godersi il gioco: nonostante i problemi di performance ed i potenziali bug legati alla sleep mode possano infastidire quando si presentano, siamo di fronte alla versione più bella su console con le performance migliori a tutto tondo... sempre che iniziate a giocare avviando da zero il titolo. FF15 sta a solo un paio di passi dal fornire un'esperienza eccezionale, ha solamente bisogno di un'ulteriore rifinitura.

Commenti (6)

Crea un account

O