Wii U Experience - reportage

Eurogamer va a Francoforte per assistere all'evento di Nintendo.

Dopo averci svelato la data d'uscita, i giochi che ne accompagneranno il lancio e che le tasse ci impediscono di avere un prezzo unificato in quella che dovrebbe essere l'Europa unita, Nintendo ci ha invitato nella sua sede di Francoforte per l'evento Wii U Experience, così da farci toccare con mano il catalogo della sua prossima console.

L'evento era articolato in varie sale: una era dedicata ai titoli sviluppati internamente quali Nintendo Land, Mario e Baloon Trip Breeze; un'altra mostrava invece i titoli delle terze parti, con ZombieU, Rayman Legends e Assassin's Creed 3 su tutti; l'ultima invece era per i titoli scaricabili, in cui spiccava la pulizia visiva e l'ispirata visione artistica di Trine 2.

Nintendo Land

A NintendoLand spetterà l'onore di guidare la carica del Wii U, venendo distribuito in bundle con la versione Pro. A prima vista potrebbe essere scambiato per il solito party game a cui la Grande N ci ha ormai ampiamente abituato, ma questa affermazione è vera solo a metà.

Perché, sì, Nintendo Land è un party game, visto che permette ad almeno 5 persone (4 col Nunchuk e uno con il GamePad) di giocare insieme o contro, ma le somiglianze coi classici titoli di questo segmento si fermano qui. Il livello di sfida offerto e la complessità di alcune attrazioni, Metroid Blast e Baloon Trip Breeze su tutti, non sono certo roba per famiglie, a meno che non si sia disposti a passare un certo periodo di rodaggio per spiegarli alla nonna.

Certo, ci sono anche titoli più "semplici" come Pikmin Adventures e Chase Mii, ma rispetto a quanto ci si aspetterebbe, l'offerta è più varia e adatta anche a giocatori di una certa esperienza, che troveranno pane per i loro denti in The Legend of Zelda: Battle Quest.

Con questa mossa Nintendo sembra voler riconquistare il segmento hardcore, senza perdere di vista gli utenti che ne hanno decretato il successo nella generazione corrente. Riuscirà Satoru Iwata a tenere il piede in due staffe? Staremo a vedere…

New Super Mario Bros. U

Bidimensionale, fedele alle origini più di un religioso ortodosso, eppure aperto alle novità introdotte dal gameplay asimmetrico, identico ma sempre diverso. Che si può dire di Mario che non sia già stato detto? Niente, se non che un gioco di Mario al lancio ha tutte le carte in regola per diventare la vera killer application della console, con buona pace di tutti gli altri titoli.

Inoltre, grazie alle possibilità offerte dal Wii U, anche i meno esperti di platform potranno sentirsi coinvolti dalla modalità multiplayer, in cui toccando col pennino lo schermo touch, si potranno piazzare piattaforme strategiche utilissime per raggiungere i bonus o salvare un compagno all'ultimo minuto, e perfino stordire i nemici.

Sonic & All-Stars Racing Transformed

Questo titolo di SEGA avrà il difficile compito di scontrarsi con uno dei monoliti del catalogo Nintendo, ovvero Mario Kart, e a quanto pare i due giochi si assomiglieranno anche in alcuni aspetti di gameplay.

Chi deciderà di dargli una chance si troverà di fronte a un titolo di corse in cui il design dei circuiti è senza dubbio il punto di forza. Ma anche dove l'imprevedibilità farà sì che se in un certo momento siete in derapata su una curva parabolica in mezzo alla lava, l'istante dopo starete cercando di prendere l'onda giusta con un motoscafo. Merita senza dubbio un'occhiata.

Rayman Legends

Non di solo Mario vivono i platform, anzi, fuori dal mondo di Nintendo, Rayman è rimasto uno dei pochi a tenere alta la bandiera di uno dei generi più vecchi del settore, con un look che definire "visionario" sarebbe riduttivo.

Anche qui ci troveremo di fronte al gameplay asimmetrico che è ormai il marchio di fabbrica del Wii U, grazie al quale dovremo aiutare un amico che guiderà la melenzana più famosa del mondo liberando gli ostacoli sul suo cammino, e facendo il solletico ai suoi nemici per renderli vulnerabili (giuro!). Dovremo anche permettergli di raggiungere i bonus più importanti, per non parlare dei livelli musicali, vero e proprio must di questo titolo, ancora più divertenti se giocati in due.

Skylanders Giants

Chi avrebbe scommesso che un gioco con le statuine e un dock dedicato sarebbe diventato uno dei titoli più venduti della stagione? Probabilmente neppure Activision si aspettava un successo di questa portata, eppure ora siamo a parlare del suo seguito.

Il titolo riprende là dove era finito il primo capitolo, solo che adesso, come si capisce dal titolo, alle creature "normali" se ne sono aggiunte alcune più grandi, che permettono nuove interazioni con l'ambiente, agevolate dal nuovo GamePad con cui potremo spostare elementi e creature in giro per l'ambiente grazie al 'drag & drop'.

Skylander Giants è un prodotto che nasce con ottime prospettive e che promette di fare i numeri del primo capitolo, anche se non è certo un capolavoro di originalità e non si sa ancora quanto costeranno i nuovi "giganti".

ZombiU

Se NintendoLand vuole essere la 'killer app' per le famiglie, a ZombiU spetta il duro compito di riportare gli hardcore gamer sul Wii U, tant'è che avrà anch'esso un suo bundle dedicato al lancio.

Violento, cupo e graficamente ispirato (se chiudiamo un occhio sui modelli poligonali degli zombie, non particolarmente dettagliati), ZombiU s'inserisce col giusto tempismo in quel filone "zombie/simulativo" inaugurato da Day Z, apportando al genere tutte le possibilità offerte dalla sua periferica, come l'uso del fucile da cecchino, lo scanner e la gestione dell'inventario.

Senza dubbio si tratta di uno dei titoli più interessanti dell'offerta Wii U e forse anche di quello maggiormente in grado, al momento di rubare utenti alla concorrenza.

Assassin's Creed III

Durante la Wii U Experience abbiamo potuto provare le battaglie navali, una delle più grandi novità di questo capitolo, in cui lo schermo del controller viene utilizzato come mappa per mezzo della quale controllare la nostra posizione in tempo reale.

Nel gioco completo sarà possibile utilizzarlo il GamePad anche per gestire l'inventario più velocemente rispetto alle altre versioni, così da passare rapidamente tra le varie armi e rendere i combattimenti ancora più spettacolari.

Mass Effect 3

Mass Effect 3 è stato ampiamente trattato su queste pagine e nella versione Wii U l'unica aggiunta sarà quella più classica per questa nuova console, ossia la gestione del proprio inventario, senza dover passare dai menu, che consentirà di cambiare arma e di lanciare poteri senza interrompere il combattimento.

Da una parte è senza dubbio una variazione interessante al gameplay, dall'altra alcuni giocatori forse preferivano la buona vecchia "ruota delle abilità", che è anche un'ottima occasione per fermare il gioco e decidere la propria strategia. Sarà un'aggiunta gradita? Ce lo diranno i fatti.

Darksiders 2

Anche Darksiders 2, essendo già uscito per Xbox 360 e PS3, si propone insieme a Mass Effect 3 come un adattamento basato essenzialmente sull'integrazione nel controller dei classici menu di scelta delle abilità, rimanendo per il resto un prodotto sostanzialmente identico a quello disponbile al momento nei negozi. Un gran bel prodotto, se mi permettete l'aggiunta…

Tekken Tag Tournament: Wii U Edition

Che ne pensate dell'idea di vestire Nina Williams da Zelda o Heiachi da Super Mario e di farli combattere l'uno contro l'altro, magari in un'arena piena di power-up in perfetto Nintendo Style, come funghi e stelline?

Se l'idea vi solletica allora dovreste considerare l'idea di comprare Tekken Tag Tournament 2 nell'edizione per Wii U, che oltre a permettervi di vedere tutte le mosse sullo schermo secondario, avrà anche questi contenuti esclusivi, che non finiranno sulle altre console nemmeno se l'inferno congelasse.

Ninja Gaiden: Razor's Edge

Non un semplice porting ma il gioco che Team Ninja avrebbe voluto fare fin dall'inizio. Più difficile, più violento, più ricco di armi, senza contare l'aggiunta di Ayane, che apporta una certa varietà dal punto di vista del gameplay ma soprattutto nello sviluppo della storia.

Ayane sarà un'esclusiva di Razor's Edge, e le sue spade corte sono in grado di affettare i terroristi, tanto quanto la katana di Ruy Hayabusa, per non parlare dei suoi coltelli da lancio esplosivi, perfetti per gestire i gruppi più numerosi. Senza dimenticare che le sue curve magari addolciranno l'amaro della sconfitta. Perché tanto già lo sapete, in Ninja Gaiden si muore, e tanto.

NBA 2K13

Poteva mancare un titolo sportivo? Ovviamente no, e questo onore è spettato a NBA 2K13, che ci dà un'idea di come i titoli sportivi possono sfruttare il controller del Wii U.

Invece di dover andare in pausa o affidarsi a qualche combinazione di tasti, le sostituzioni, i time out e gli schemi saranno visibili direttamente sullo schermo, e basterà toccarli per prendere le decisioni, proprio come se foste a bordo campo.

Ad essere onesti, la risposta dello schermo touch non ci è sembrata prontissima, caso raro nella nostra giornata di test, quindi non è stato facilissimo utilizzare il controller nel modo pensato dagli sviluppatori, tuttavia è da apprezzare il modo in cui potrete controllare quanta energia è rimasta ai giocatori.

Se inclinerete il GamePad in verticale, sul suo schermo vedrete il campo come se fosse fatto in wireframe, senza grafica, con ogni giocatore colorato di un arancione vivo. Via via che il giocatore si stanca, l'arancione cala di livello, così potrete controllare in un instante il rendimento della vostra squadra e agire di conseguenza.

Trine 2: Director's Cut

Trine 2 era già bellissimo, un gioco in cui ogni schermata sembrava una piccola opera d'arte, ma questo Director's Cut per Wii U rende possibile l'impossibile, rendendo il bellissimo ancora più bello.

Trine 2 sfrutta ampiamente le possibilità di controllo offerte dal Wii U, anzi, probabilmente è uno dei giochi della line-up iniziale che le sfrutta meglio. Non solo potrete giocare direttamente sul controller avvalendovi dei comandi tradizionali e di quelli touch, ma potrete anche usare le dita per creare gli oggetti del mago, lanciare le frecce, trascinare gli oggetti, e così via.

Ad essere onesti i comandi potevano essere mappati un po' meglio perché è difficile muovere il personaggio e utilizzare i controlli touch contemporaneamente, e alla fine si rischia di tornare al setup "classico".

Nonostante queste incertezze, Trine 2 rimane comunque un titolo da tenere d'occhio, visto che questa versione prevede un'espansione del gioco e nuovi elementi di gameplay, come uno scudo magnetico che fa planare il barbaro o una freccia del ladro che crea una bolla temporale in cui gli oggetti rallentano.

Toki Tori 2

Toki Tori 2, un po' come tutti i titoli in digital delivery, rischia di finire schiacciato e snobbato dal confronto con i giochi di un certo spessore che compongono la line-up del Wii U.

Tuttavia, come spesso accade, proprio dai più piccoli arrivano le idee più interessanti, e quella di Toki Tori 2 è senza dubbio notevole. Oltre all'integrazione dei controlli touch, lo schermo viene utilizzato soprattutto nell'editor di livelli, che possono essere disegnati utilizzando il pennino, rendendo il tutto estremamente semplice e dandoci un'idea di come potrebbero essere gli editor di titoli anche più importanti.

Nano Assault Neo

Mancava giusto uno sparatutto vecchio stile in questa collezione di titoli e Nano Assault Neo è qui per riempire il vuoto.

Come nel suo predecessore per 3DS, anche stavolta salirete a bordo di una minuscola navicella con l'obiettivo di eliminare dei virus mortali in maniera molto diretta, un po' come succedeva in Salto nel Buio (i più vecchi capiranno).

Nonostante il gameplay tradizionale basato su i due stick analogici, grazie allo schermo touch potrete utilizzare i poteri speciali, modificare l'orientamento dei cannoncini e altre caratteristiche della navicella.

Vai ai commenti (11)

Riguardo l'autore

Lorenzo Fantoni

Lorenzo Fantoni

Redattore

Dentro un rugbista di 110kg dedito agli stravizi, batte il cuore di nerd vecchio stampo con lo sguardo perennemente abbronzato da uno schermo, anche d'estate.

Contenuti correlati o recenti

Contra Anniversary Collection - recensione

La collezione di un franchise che ha segnato la storia dei videogiochi.

ArticoloWorld of Warcraft: Classic - intervista

“E se Ragnaros arrivasse a Roccavento e Orgrimmar?”

ArticoloGamescom 2019: cosa aspettarsi? - articolo

In vista dell'Opening Night Live, ecco rumour, giochi più attesi e annunci in vista!

Articoli correlati...

Commenti (11)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza