Indiegamer #93 - articolo

A spasso con un cane, un panda magico e una dea in analisi.

Eccoci qui per un nuovo appuntamento con alcuni dei titoli più interessanti della scena indie! Nel numero 93 di Indiegamer viaggeremo in un mondo post-apocalittico in compagnia di un cane con Ashen Rift ed esploreremo il bizzarro mondo a metà tra il jRPG e il platform di Y2K, per poi concludere con Red Goddess, avventura di una dea alla scoperta del proprio subconscio.

Ashen Rift (Pyroclastic Games)

In un mondo post-apocalittico la devastazione arriva da un portale, il Rift, creato da misteriosi esperimenti scientifici in campo militare, attraverso il quale giungono entità mostruose che hanno decimato la popolazione.

Il portale in sé non è solo un varco ma un'entità viva che si nutre dell'energia della Terra, riducendola in un luogo desolato, corrompendo buona parte degli esseri viventi rimasti e trasformandoli in mostri chiamati Feeders, che vagano alla ricerca di qualcosa da divorare.

Tra i pochi sopravvissuti c'è il nostro eroe, un uomo senza nome con un'aria compassata e una folta barba, accompagnato dal suo fido cane, il pitbull Bounder, che in più di un'occasione dimostrerà una profonda fedeltà verso il suo padrone.

1
In alcuni casi sarà meglio tenere a bada il cane e rimanere in silenzio: i Feeders, ciechi, potrebbero non notarci.

In un contesto simile appare scontato che Ashen Rift si proponga come survival horror; meno ovvie, però, sono le sue ispirazioni. L'azione è quella di un FPS, con un gameplay che si rifà classici come il primo Quake e Hexen, ma a differenza dei titoli citati preferisce un andamento più lento e ragionato, ispirato da titoli quali Journey, Shadow of the Colossus e ICO.

Il cane accompagnerà il protagonista per la maggior parte del tempo, proteggendolo e attaccando i nemici, scovando oggetti e rifornimenti, ma anche aiutandolo a percepire il pericolo prima che si presenti. La sua stazza gli permette di poter lottare alla pari con i Feeders e in determinate circostanze potrà rivelarsi utile per distrarre i nemici, magari mentre si cerca di sistemare una trappola.

Come in ogni buon suvrival, le munizioni andranno usate con attenzione per non sprecarle, per questo sarà fondamentale osservare con attenzione l'ambiente e sfruttarlo a proprio vantaggio, facendo crollare un elemento instabile sopra i nemici o usandolo per bloccarne l'avanzata. Nel corso dell'avventura si avrà a che fare con altri sopravvissuti ma non è detto che si rivelino sempre amichevoli e bisognerà sempre fare attenzione con i nuovi incontri.

Ashen Rift è su Kickstarter, dove sono richiesti $85.000 per completare lo sviluppo del gioco e averlo pronto per la fine del prossimo anno su PC, Mac e Linux, con la possibilità che arrivi anche su PlayStation 4.

Y2K (Ackk Studios)

Macchine assassine, panda magici, jRPG e lo scrittore Haruki Murakami sono alcuni degli elementi che gli sviluppatori Ackk Studios hanno messo assieme per dar vita a Y2K. Il gioco ha dalla sua una buona dose di originalità con cui cerca di distinguersi da altri prodotti simili, a partire dalla trama: tutto inizia con la morte di una donna a causa di un ascensore mal funzionante, un evento che spinge il giovane Alex Eggleston a fare qualche indagine e a scoprire che dietro potrebbe esserci un misterioso veicolo soprannominato Death Cab.

Un veicolo che sembra collegato a più di una morte ma a quanto pare nessuno sembra considerarlo una minaccia. Da qui parte il viaggio che porterà Alex in un mondo popolato di curiosi personaggi, mistero, dramma ed emozioni, in un gioco che trae ispirazione dalla serie Mother e dai romanzi del già menzionato Haruki Murakami, ma sviluppato da un gruppo di americani.

Oltre a elementi di gioco di ruolo, il gameplay di Y2K avrà anche azione, sezioni platform, puzzle, e dungeon focalizzati su una storia. In aggiunta, saranno presenti anche dungeon generati casualmente e chiamati "mind-dungeon", con ulteriori dettagli della trama, puzzle e la possibilità di migliorare il proprio livello d'esperienza.

Durante le battaglie, organizzate secondo un sistema a turni tipico di molti RPG orientali, la magia avrà una grande importanza: oltre ad incantesimi dai vari effetti in attacco e in difesa, questi potranno anche essere combinati tra di loro per ampliarne le potenzialità, una caratteristica che secondo gli sviluppatori sarà molto importante dal punto di vista strategico, soprattutto quando si avrà a che fare con nemici molto più forti del nostro eroe.

Alcune combinazioni di magie potranno ad esempio costringere gli avversari ad utilizzare solo incantesimi di tipo elementale, oppure evocare un panda magico capace di assorbire alcuni attacchi nemici, o ancora attivare trappole in occasioni specifiche.

L'uscita è prevista tra la fine del 2015 e l'inizio dell'anno successivo su PlayStation 4 e PS Vita, ma non è chiaro se si tratterà di un'esclusiva per le console Sony. Gli sviluppatori, inoltre, saranno presenti all'evento PlayStation Experience, durante il quale presenteranno una versione demo del gioco.

Red Goddess (Yanim Studio)

Di base Red Goddess è un metroidvania in 2.5D ma gli spagnoli Yanim Studio hanno declinato il sottogenere secondo la loro sensibilità per non limitarsi al semplice clone. La storia racconta di una dea, Divine, tormentata da un passato confuso che non riesce a mettere a fuoco, per questo decide di affrontare la situazione entrando nella propria mente per esplorarne il subconscio.

Il principale antagonista in quest'avventura sarà il Narratore, un personaggio invisibile e infido che nasconde il passato di Divine e farà di tutto per ostacolarla. La dea dovrà muoversi con attenzione, nascondendo la sua presenza al Narratore, evitando le trappole che possono allertarlo. Se dovesse accorgersi di lei, infatti, verrebbe attivata una zona di quarantena in cui i nemici diventano più aggressivi, numerosi e, in generale, aumentare la difficoltà della sezione.

Nel proprio viaggio Divine potrà contare su diverse abilità, alcune subito disponibili e altre da sbloccare lungo il cammino, insieme a due personalità alternative che riflettono la Paura e la Rabbia di Divine stessa.

Come dea, la protagonista sarà un personaggio agile, capace di salto e doppio salto, di un colpo speciale per difendersi e di poteri psichici coi quali prendere possesso delle menti dei nemici e muovere oggetti con la telecinesi, due capacità essenziali per risolvere i puzzle disseminati nei livelli. Paura è una combattente agile, dotata di artigli di ghiaccio e molto efficace contro i nemici blu, mentre Rabbia al contrario è molto muscolosa, potente, l'ideale per sbarazzarsi degli avversari rossi.

L'uscita di Red Goddess è prevista per febbraio su PC, Mac e Linux, mentre ad aprile arriveranno anche le versioni PS4, Wii U, PS Vita e Xbox One.

Vai ai commenti (4)

Riguardo l'autore

Elio Cossu

Elio Cossu

Redattore

Morso da un C64 radioattivo in tenera età, si trasforma lentamente in un videogiocatore accanito e nerd di un certo livello. Lo si trova spesso a frugare tra i giochi indie alla ricerca di qualche perla nascosta.

Contenuti correlati o recenti

ArticoloLa silenziosa e straripante forza dei videogiochi - editoriale

Alcune avventure diventano possibili unicamente grazie ai videogames.

ArticoloIl dopo-Xbox è già ampiamente segnato - editoriale

Game Pass e xCloud: i due volti del futuro di Microsoft per andare oltre a Xbox.

ArticoloEurogamer Top 5: gaming laptop

Cinque laptop gaming per tutte le tasche in previsione del Black Friday e stagione natalizia.

Articoli correlati...

Commenti (4)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza