Gotham City Impostors - preview

Una generosa e divertente dose di follia.

Gotham City Impostors è un gioco pensato e creato per i fan più particolari di Batman. Per coloro che possiedono al tempo stesso una scintilla di follia ma anche una generosa dose di ironia.

Creare uno sparatutto multiplayer a squadre ambientato nei luoghi tanto cari ai seguacvi del Cavaliere Oscuro può sembrare un azzardo, soprattutto per chi sa bene che nell'universo di Batman non si spara poi molto. Più che altro ci si picchia, si tendono agguati e trappole, ma di fuoco non se ne vede moltissimo se non da parte di qualche scagnozzo un po' troppo avventato.

1
Le voci del gioco ricordano più la serie-trash degli anni '60 con Adam West che il più recente Cavaliere Oscuro di Christian Bale.

Gli sviluppatori della Monolith questo lo sanno, ma proprio questa idea di base ha dato loro l'opportunità di dare libero (anzi, liberissimo) sfogo alla propria creatività. Si farà parte di uno dei due team protagonisti del gioco, tutti composti da tipi piuttosto improbabili vestiti con costumi da quattro soldi e in possesso di un armamentario costruito con il manuale del "fai da te".

Naturalmente l'ispirazione per tutto quello che compone il gioco è venuta dalle vere location del fumetto e dai veri protagonisti delle storie a fumetti griffate DC Comics, ma questa nuova interpretazione è a dir poco bizzarra.

Le due "gang" in questione si fanno chiamare Bats e Jokerz, e amano spendere il loro tempo libero (specialmente i fine settimana) facendosi letteralmente a pezzi a vicenda. Sì, perché non avrete mica pensato che i suddetti paladini fossero davvero intenzionati a difendere la città, vero? Siamo in Gotham City Impostors, non in Arkham City.

Che scegliate i "buoni" o i "cattivi" non importa, alla fine assomiglierete comunque a un pazzoide vestito come un giocatore di Dodgeball sull'orlo della pensione. Il mondo costruito da Monolith poggia le sue fondamenta sull'idiozia totale... altamente personalizzabile, fra l'altro. Tranquilli, non c'è alcun pericolo che anche per un solo minuto abbiate l'impressione di essere in un gioco con protagonisti dei veri supereroi.

Anche le modalità non sono da meno in quanto a follia, ma in questo caso il team di sviluppo ha voluto snellire il più possibile il tutto, strutturando l'intero prodotto su tre eventi principali, preceduti da alcuni livelli-sfida che ci consentiranno di apprendere le basi del gameplay.

Il primo di questi non poteva che essere il classico Deathmatch, che non ha certo bisogno di spiegazioni. Qualche dettaglio in più, invece, serve per le modalità Psyche Warfare e Fumigation, che per quanto simili a cose già viste presentano alcune differenze. La prima è una sorta di Capture the Flag, mentre la seconda si avvicina di più alle modalità Conquista e Difendi.

Entrambe sono caratterizzate da un elemento chiave che inizialmente può sfuggire alla logica, ma che una volta immerso nella totale pazzia di Gotham City Impostors acquista addirittura un senso. Nel Psyche Warfare le due squadre dovranno combattere per conquistare una batteria, utile ad alimentare un congegno per il controllo mentale. In caso di successo, tale congegno abbasserà il morale della squadra avversaria costringendola ad abbandonare le armi e a utilizzare solo gli attacchi corpo a corpo per alcuni minuti. Ve l'avevamo detto che era folle, ma dite la verità... vorreste provarlo subito, vero?

Nella modalità Fumigation, invece, si deve prendere il controllo di alcuni generatori di gas letali, per pompare neuro-tossine contro la squadra avversaria. Anche in questo caso il successo corrisponde ad effetti collaterali a dir poco esilaranti.

2
Nella Psyche Warfare, la batteria perde acido, dando la possibilità ai rivali di individuarla più facilmente.

Le mappe svelate finora sono piuttosto piccole per quanto riguarda l'estensione orizzontale ma la loro morfologia è alquanto complessa, il che fa ben sperare per la varietà di situazioni proposta. Tutte misceleranno ambienti chiusi con altri a cielo aperto e uno sviluppo verticale piuttosto marcato.

Dal punto di vista del gameplay vero e proprio, il gioco ha dimostrato subito di poter essere dannatamente divertente ma c'è ancora qualche problemino da sistemare. Il sistema di mira, ad esempio, soffre un po' nelle situazioni più caotiche e gli "spot" dei bersagli sono ancora un po' troppo generosi, nel senso che consentono di colpire con eccessiva precisione anche quando non si possiede il cosiddetto "occhio di falco".

La natura arcade del titolo in realtà sembra fatta apposta per caratteristiche come queste, ma una leggera aggiustatina in tal senso non farebbe male. Le possibilità di personalizzazione, tramite gli XP guadagnati in battaglia, sono fin da ora eccellenti e nel prodotto finale saliranno a un livello ancora superiore.

Inizialmente si sceglie un prototipo di personaggio, bilanciato in maniera decisamente classica, della serie "più si è grandi e più si è resistenti... ma anche molto più lenti" e viceversa, ovviamente.

La scelta dei gadget e degli oggetti di supporto può fare una grande differenza sul campo di battaglia. Scegliendo un rampino si possono raggiungere facilmente posizioni elevate, mentre degli stivali a molla consentono di effettuare doppi salti. Allo stesso modo dei roller-skate incrementano la velocità e così via per decine e decine di varianti.

Decine di key vi aspettano per accedere alla beta del gioco grazie all'iniziativa congiunta tra Eurogamer e Warner Bros.!

Lo stesso discorso vale ovviamente anche per le armi secondarie, che vanno dalle granate ai boomerang, alle bombe fumogene. Se poi iniziamo a parlare di armi primarie, allora arriviamo su livelli di follia davvero assurdi. Che ne dite, ad esempio, di un RPG che spara fuochi d'artificio? O magari un lanciagranate che assomiglia ad una catapulta... e tenete presente che ognuno di questi può essere poi personalizzato aggiungendo mirini telescopici, silenziatori, puntatori laser e molto altro ancora. Proprio questa grande varietà e originalità di accessori rappresenta uno dei maggiori punti di forza di Gotham City Impostors, uno dei fulcri primari del suo gameplay.

Meno utili ai fini dell'obiettivo finali saranno le modifiche estetiche che potremo apportare ai nostri personaggi. Entrambi i team potranno indossare vari tipi di abbigliamento, ma ognuno di essi sarà caratterizzato da uno stile ben preciso. I Bats potranno indossare cappucci e maschere proprio come il personaggio che li ispira. Allo stesso modo i Jokerz avranno la possibilità di tagliarsi i capelli in modi assurdi, di colorarsi la faccia e... insomma, di fare i pagliacci!

A questo punto avrete capito perché Gotham City Impostors è al tempo stesso uno degli oggetti più misteriosi in arrivo nel panorama videoludico, ma anche uno dei più promettenti e potenzialmente divertenti.

È come se si trattasse di una scatola a sorpresa, dentro la quale potremmo trovare davvero di tutto, e noi... non vediamo l'ora di scartarla!

Grazie alla collaborazione con Warner Bros., i nostri utenti più veloci potranno accedere alla beta a numero chiuso di Gotham City Impostors per Xbox 360 e PlayStation 3. Cliccate qui per scoprire come!.

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Daniele Cucchiarelli

Daniele Cucchiarelli

Redattore

Lavora nel giornalismo videoludico da oltre 11 anni. Anche se tutti quelli che lo conoscono gli hanno consigliato di "trovarsi un lavoro serio", resta sempre fedele al suo primo amore.

Contenuti correlati o recenti

Horizon Forbidden West ha un nuovo spettacolare trailer dedicato alla storia

L'epopea di Aloy continua nell'attesissimo Horizon Forbidden West.

Microsoft Ŕ entrata nel mondo dei videogiochi praticamente ieri per Repubblica

Microsoft che compra Activision Blizzard raccontato da Repubblica ha scatenato ovviamente i social.

Articoli correlati...

Microsoft Ŕ entrata nel mondo dei videogiochi praticamente ieri per Repubblica

Microsoft che compra Activision Blizzard raccontato da Repubblica ha scatenato ovviamente i social.

Xbox ha acquisito Activision Blizzard anche per il mobile e il metaverso

Le parole del CEO Microsoft Nadella fanno luce sul futuro della compagnia.

Guitar Hero e Skylanders potrebbero tornare in vita sotto la proprietÓ di Xbox

Finiti nel dimenticatoio, Guitar Hero e Skylanders potrebbero tornare grazie a Microsoft.

Microsoft ha comprato Activision Blizzard ma prima Bobby Kotick aveva pensato a una fusione con EA

Una fusione con EA per Activision Blizzard sarebbe stata un'altra soluzione per Kotick.

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza