ASUS ROG Phone II - prova

Siamo volati all'IFA 2019 di Berlino per provare in anteprima assoluta il ROG Phone II.

Berlino - In occasione di IFA 2019, ASUS ha organizzato un evento stampa a porte chiuse per presentare tutta la sua nuova line-up di prodotti elettronici. Una parte dell'evento è stato dedicato proprio alla presentazione del ROG Phone II, la nuova versione dello smartphone gaming targato Republic of Gamers. All'evento, dopo una breve presentazione in cui venivano illustrate specifiche tecniche, features e upgrade rispetto al precedente modello, ci è stata data l'opportunità di effettuare un lungo hands-on su quello che appare indubbiamente lo smartphone gaming più potente sul mercato, come potete vedere dalla scheda tecnica nel box dedicato.

L'aspetto, il form-factor ed il design richiamano in tutto e per tutto il modello dell'anno scorso. Una scelta che denota continuità, ma anche la volontà di migliorare quegli aspetti dove il prodotto di ROG non aveva convinto particolarmente. Le specifiche hardware sono di primissimo livello, così come le feature ampliabili con i vari add-on, alcuni inclusi nel pacchetto e altri acquistabili a parte. Innanzitutto, c'è un'importante novità: il ROG Phone II si sdoppia essendo disponibile in due varianti: Elite Edition e Ultimate Edition, con il modello Ultimate che integra una connessione LTE più veloce ed espande la memoria di storage a un incredibile quantitativo di 1Tb.

1
In questa foto vediamo la versione Matte Black con l'AeroActive Cooler montato tramite la porta laterale.

Il processore utilizzato è il Qualcomm Snapdragon 855 Plus, che viene montato per la prima volta su uno smartphone. Il boost offerto rispetto all'845 dello scorso modello è notevole, soprattutto per quanto riguarda la GPU. Il SoC 855+ offre infatti un overclock di fabbrica dei core della CPU a 2.96GHz, con un vantaggio di performance pari al 7 percento, ed una versione potenziata della GPU Adreno 640 che offre fino al 15 percento di performance in più, cosa molto importante per raggiungere gli alti frame-rate di cui il dispositivo è capace.

Per raffreddare una macchina così potente, ASUS ROG ha ingegnerizzato un sistema di dissipazione del calore a tre livelli. Il primo è costituito da una camera di vapore (ed è stata scelta la più generosa sul mercato), il secondo dalle heatpipe in rame per la dissipazione attiva, ed il terzo costituito dal raffreddamento attivo del cooler (incluso nella confezione) che, montato in via opzionale, riesce a raffreddare di cinque gradi la temperatura della scocca.

Il ROG Phone II fa dello schermo uno dei suoi principali elementi di forza. Si tratta di un display AMOLED da 120Hz e tempo di risposta di 1ms, che supporta anche l'HDR a 10-bit e vanta un Delta-E <1. Un pannello mai visto prima d'ora su uno smartphone. Inoltre, è caratterizzato da un sampling rate di 240Hz per gli input touch e una latenza al tocco di 49ms.

Rispetto al primo ROG Phone, viene potenziata anche la batteria. Si passa da 4000mah a 6000mah. La ricarica è velocissima grazie alle nuovissime tecnologie QuickCharge 4.0 di Qualcomm e HyperCharge di ASUS, che con una potenza di 30W riescono a ricaricare ben 4000Mah in appena un'ora. Per evitare l'inevitabile surriscaldamento del terminale durante la ricarica contemporanea alle sessioni gaming, ASUS ROG ha spostato lo switch deputato alla ricarica nel trasformatore, in modo tale da eliminare dal telefono il calore generato dalla ricarica. Ciò permette inoltre di utilizzare cavi USB type-c standard.

2
Con il TwinView II, il ROG Phone II raddoppia gli schermi, e con il Kunai controller diventa una sorta di ibrido tra 3DS e Switch.

Pur essendo uno smartphone pensato per il gaming, il ROG Phone è sempre uno smartphone e inevitabilmente gli utenti lo useranno, chi più chi meno, per fare foto e video. Questo comparto era uno dei più criticati del primo modello, e il produttore ha quindi deciso di dotare il ROG Phone II di una configurazione Quad-Bayer. Per quanto riguarda il setup posteriore abbiamo una doppia fotocamera, la principale con sensore IMX586 Sony da 48MP ed apertura focale 1.79, e la secondaria con sensore da 13MP grandangolare da 125°. La camera frontale è invece affidata a un sensore da 24MP/4C, pensata appositamente per gli streamer.

I gamer, si sa, vogliono anche eccellenti prestazioni nello scambio di dati, nei download e nello streaming. Il ROG Phone II eccelle anche da questo punto di vista, grazie al modulo LTE Cat20 da 2Gbs (Cat18 da 1.2Gbs sul modello Elite) del chip Qualcomm, al supporto del WiFI 6Gb+, e ad un redesign dell'antenna che dovrebbe consentire prestazioni migliori in download ed upload. Lo storage (512Gb/1Tb a seconda della versione) è di standard UFS 3.0, uno step avanti rispetto al 2.1 del ROG Phone.

Il comparto audio non è da meno, grazie a un design a doppi altoparlanti disposti orizzontalmente e frontalmente con certificazione DTS-X. Durante le nostre prove di utilizzo, il volume è sempre stato eccellente nonostante il rumore di fondo dell'affollata sala in cui abbiamo eseguito l'hands-on. In fase di input, inoltre, i quattro microfoni con cancellazione del rumore dovrebbero garantire una trasmissione in chat vocale senza intoppi anche quando si gioca in spazi aperti e rumorosi. Non mancano lo slot da 3.5mm per le cuffie e le ultimissime tecnologie Bluetooth Qualcomm aptX, aptX HD e aptX Adaptive per audio di alta qualità a bassa latenza e in stereo.

3
I Kunai Bumpers si possono attaccare al Kunai Holder per formare il Kunai Controller. Potete giocare con la configurazione che più preferite.

Quel che rende il ROG Phone II così speciale, però, non sono solo le sue specifiche di altissimo livello, ma anche feature, accessori e periferiche per aumentare il senso di coinvolgimento. Innanzitutto, il doppio sistema di vibrazione permette di posizionare meglio i feedback tattili in base a ciò che accade su schermo. L'Air Trigger II fornisce controlli touch aggiuntivi e ultrasonici con latenza di vibrazione di soli 20 ms e sono supportati feedack sia di tocco che di scorrimento.

Ritorna anche il rivoluzionario TwinView Dock, che nella sua versione II trasforma lo smartphone in un dispositivo a doppio schermo grazie al display AMOLED FHD+ integrato (2340x1080) da 6,59 pollici e anch'esso a 120Hz. Questo dock è stato alleggerito, e grazie alla batteria aggiuntiva da 5000Mah e un nuovo sistema di raffreddamento, permette lunghe sessioni di gaming ed è perfetto come secondo schermo per lo streaming. Sappiamo bene però che i controlli touch non piacciono a tutti, e così ci viene incontro tutta una serie di accessori fisici denominati Kunai, che vanno a ricreare perfettamente il gameplay tramite gamepad, e sono anche modulari, così da ricreare un'impugnatura simile a quella del Nintendo Switch. Sono accessori interessanti che migliorano sicuramente l'esperienza, trasformandola e rendendola simile a quella di console tradizionali, ma molti di essi sono venduti a parte. Nella scatola troviamo infatti solo l'Air Cooler, gli auricolari e l'Armor Case, una sorta di protezione che agevola l'impugnatura, ma ha anche una funzione estetica, lasciando in bellavista il logo RGB.

Grande importanza è stata data anche al software. ASUS ROG ha lavorato insieme a tantissimi publisher come Blazing Games Inc., Capcom, Gameloft, MADFINGER Games e Pixelbite per ottimizzare i giochi, sfruttare appieno le caratteristiche uniche del dispositivo, e supportare prestazioni eccellenti e prive di lag. Allo stato attuale, ci sono infatti più di un centinaio di titoli in grado di girare a più di 60Hz tra 243 testati, la maggior parte di essi con supporto a 120Hz. Il Game Genie è la centrale operativa dei giochi: offre tante feature e permette di personalizzare ogni titolo in maniera differente. Grande enfasi è stata posta anche sulla personalizzazione dell'interfaccia utente, ora più aperta alle modifiche e alle preferenze personali.

4
Ecco tutti gli accessori disponibili (molti dei quali non inclusi).

Per quanto riguarda il provato, abbiamo avuto occasione di testare entrambe le versioni dello ROG Phone II, anche con gli accessori venduti separatamente come la dock ed il gamepad Kunoi. L'aspetto è molto stiloso e le due versioni si differenziano nell'estetica solo per la superficie lucida/opaca (io ho preferito quella opaca dell'Ultimate). Grazie al potente processore, ai 12GB di RAM e al veloce storage UFS 3.0, navigare tra i menu e tra le app è davvero fulmineo. E quando si montano tutte le periferiche, il ROG Phone II diventa veramente mostruoso, un dispositivo che non ha nulla da invidiare a un mini notebook gaming.

Il nostro primo contatto con questo piccolo gioiello ci ha davvero impressionato: è potentissimo, bello e offre tantissime possibilità di personalizzazione. Tuttavia abbiamo ancora tanti aspetti da testare, come ad esempio il comparto fotografico che ci incuriosisce dalle specifiche, e le prove di stress e durata della batteria. Inoltre, c'è una valanga di titoli da provare, cose che richiedono fisiologicamente un altro po' di tempo. Faremo tutto ciò in fase di recensione, e per avere tutti i dettagli basterà aspettare qualche settimana.

ASUS ROG Phone è già prenotabile. Il prezzo di lancio del modello standard è di 899€, lo stesso del modello dell'anno scorso, ed arriverà a fine settembre, mentre per la versione Ultimate si dovranno sborsare 1.199€, ma bisognerà aspettare il Q4.

Vai ai commenti (17)

Riguardo l'autore

Marco Procida

Marco Procida

Redattore

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (17)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza