Star Wars Battlefront beta su PS4 - analisi delle prestazioni

Il Digital Foundry presenta dati e impressioni iniziali.  

Insieme a pochi altri, abbiamo ottenuto accesso anticipato alla beta PS4 di Star Wars: Battlefront PS4 prima del suo lancio dell'8 ottobre. Dopo aver acquisito varie sessioni di gameplay, possiamo ora confrontare prestazioni e grafica della versione console con quelle della build PC che abbiamo provato un paio di settimane fa a Stoccolma. Andiamo dritti al dunque: su PS4 il gioco gira a risoluzione nativa di 1600x900, restando in linea con i precedenti lavori di DICE su console. Ciò significa che l'immagine è upscalata, ma l'anti-aliasing post-process fa quasi sempre un buon lavoro nel mantenerla pulita.

Quanto a prestazioni, il gioco punta a 60fps e riesce spesso a mantenerli. Una corsa per la tundra del livello Assault Walker si svolge in maniera fluidissima, senza rallentamenti percepibili. La beta PS4 comincia però a faticare quando si entra nel terzo finale dello scontro, dopo che gli AT-AT costringono i ribelli a ripiegare nell'interno della base. Gli effetti alpha aumentano durante questa parte dello scontro, e quando granate e missili esplodono si verificano dei ripetuti cali a 50fps.

Questa sezione presentava gli stessi problemi nella build pre-alpha mostrata all'E3, ma la buona notizia è che mentre in quel caso il frame-rate scendeva sotto a 40fps, il valore più basso registrato in questa beta è di 50fps. Anche nel controllo dei giganteschi AT-AT con lo scontro che infuria tutto intorno, il gameplay si mantiene tra 50 e 60fps in questa recente build.

L'analisi del frame rate di Star Wars Battlefront su PS4. Nonostante si verifichino ancora dei rallentamenti fino a 50fps, le cose sono cambiate in meglio dalla build pre-alpha dell'E3.

Queste fluttuazioni si avvertono e distraggono quando la battaglia raggiunge il suo apice. A parte questi momenti, il gioco regge però bene su PS4. Prima del lancio dovrebbero essere apportate ulteriori ottimizzazioni, per cui speriamo che le cose migliorino. Inoltre, la mappa di Hoth è lo scenario più impegnativo dei tre inclusi nella beta PS4.

Negli scontri più contenuti tra 16 giocatori su Sullust, o nella missione di sopravvivenza su Tatooine, le prestazioni sono molto più stabili. In questi livelli l'aggiornamento è stabile sui 60fps, grazie al numero minore di giocatori e veicoli coinvolti rispetto alle battaglie a 40 utenti di Hoth. Con l'eccezione di un attacco missilistico sulla mappa di Sullust, che ancora una volta fa calare il frame-rate fino a 50fps, il design più contenuto aiuta a mantenere l'azione fluida.

Ma come risulta la presentazione della versione PS4 in confronto a quella PC? L'abbiamo confrontata con le quattro impostazioni predefinite, da low a ultra, e i risultati sono alquanto sorprendenti. Come regola generale, la versione PS4 gira all'equivalente dei valori high su PC.

LowMediumPlayStation 4HighUltra
Star Wars Battlefront a confronto su PS4 e PC. Notate l'uso del Parallax Occlusion Mapping sul terreno e il filtering delle texture, che eguaglia quello delle impostazioni high su PC.
LowMediumPlayStation 4HighUltra
Anche la qualità delle texture è uguale a quella offerta dal valore high su PC, con meno dettaglio sulle rocce in confronto alle impostazioni ultra.
LowMediumPlayStation 4HighUltra
Stesso discorso per profondità di campo e lens flare, anch'essi corrispondenti ai valori high.
LowMediumPlayStation 4HighUltra
L'occlusione ambientale su PS4 è superiore a quella offerta dalle impostazioni medium su PC. Curiosamente, l'implementazione delle ombre è unica su console, con bordi leggermente più sfocati che su PC.
LowMediumPlayStation 4HighUltra
Il motion blur durante gli intermezzi è presente su PS4, ma non su PC, perlomeno nella build da noi provata. L'effetto è comunque utilizzato in entrambe le versioni durante il gameplay.

La beta PS4 mantiene il Parallax Occlusion Mapping sul terreno di Sallust, a differenza di quanto accade nella versione PC a impostazioni low o medium. Purtroppo la distanza di visualizzazione dei detriti è inferiore a quella offerta dal valore ultra, ma resta in linea con quello high. Anche il filtering delle texture può essere collocato in questa fascia, con il terreno che resta nitido su PS4 anche in lontananza.

Tutto sommato, l'unico elemento che penalizza PS4 è l'evidente pop-in degli oggetti secondari sparsi al suolo. Il livello di dettaglio cambia in maniera evidente nell'introduzione del livello di Hothm con urne e altri oggetti che compaiono all'improvviso. Per fortuna, le geometrie cruciali (versanti montuosi e costruzioni) compaiono prima, in maniera simile a quanto accade nella versione PC a impostazioni massime.

In generale, le prime impressioni suggeriscono un risultato solido per la beta PS4. A parte i problemi di matchmaking durante l'utilizzo del sistema di partner (con un blocco da noi riscontrato su una schermata di caricamento), grafica e frame-rate sono promettenti. Sarà interessante anche il confronto con la versione Xbox One, che abbiamo intenzione di effettuare dopo l'apertura della beta pubblica.

Vai ai commenti (28)

Riguardo l'autore

Thomas Morgan

Thomas Morgan

Senior Staff Writer, Digital Foundry

32-bit era nostalgic and gadget enthusiast Tom has been writing for Eurogamer and Digital Foundry since 2011. His favourite games include Gitaroo Man, F-Zero GX and StarCraft 2.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (28)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza