Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Theatrhythm: Final Fantasy - prova

25 anni a ritmo di musica.

Per festeggiare il venticinquennale della sua serie principe, Square-Enix ha trovato un modo che in molti potrebbero trovare bizzarro.

Al posto di assemblare raccolte con all'interno gli episodi più amati e rappresentativi della saga o realizzare una delle riedizioni in alta definizione tanto in voga ultimamente, ha pensato di sviluppare un divertente rhythm game dal nome impronunciabile, in arrivo il prossimo sei luglio su Nintendo 3DS.

Potrete comporre il party scegliendo liberamente tra tutti i protagonisti della serie.

In tutto questo, oltretutto, la scelta della console è legata più alla presenza del touch screen piuttosto che alla capacità di mostrare elementi in tre dimensioni. Sullo sfondo del nostro schermo saranno mostrati spezzoni presi di peso anche dai vecchi Final Fantasy, i primi dei quali risalenti alla pixellosa epoca 8 bit. Nulla quindi in grado di adattarsi o di beneficiare delle futuristiche tre dimensioni, o della potenza tecnica della piccola di casa Nintendo.

Nonostante le strambe premesse, Theatrhythm: Final Fantasy potrebbe essere un regalo più gradito del previsto per tutti i fanatici di Final Fantasy. Attraverso una semplice struttura, il titolo cerca di essere una sorta di enciclopedia, portando a schermo, sotto forma di gioco musicale, tutti i principali avvenimenti, ma soprattutto le principali musiche che ci hanno accompagnato in questi 25 anni.

Nessuno crediamo, infatti, non riconosca parte del successo e del fascino di questi giochi di ruolo alla calzante colonna sonora scritta da Nobuo Uematsu, in grado di trasformare molti momenti toccanti, in scene che ci avremmo ricordato per il resto della vita.

Nella modalità Storia ogni capitolo della serie è suddiviso in tre momenti principali, ognuno corrispondente a una tipologia di gioco differente. La prima, chiamata Battle Music Stage o più semplicemente BMS, si svolge come se fossimo in un classico combattimento di Final Fantasy.

I Battle Music Stage scimmiotteranno i classici combattimenti della serie Final Fantasy.

Sulla destra avremo i nostri quattro eroi, scelti liberamente tra i protagonisti di tutti i giochi, mentre sulla sinistra il mostro di turno. Di fronte ad ogni personaggio ci sarà una linea lungo la quale scorreranno le note, in pieno stile Guitar Hero/Rock Band. Il nostro compito sarà ovviamente quello di colpire col miglior tempismo possibile ogni singola nota.

"Theatrhythm: Final Fantasy potrebbe essere un regalo gradito per tutti i fanatici di Final Fantasy"

Queste saranno rosse se si dovrà colpirle una sola volta, verdi nel caso in cui dovremo mantenere la pressione per qualche secondo e gialle con una freccia nel caso in cui dovremo "graffiare" lo schermo, disegnando una linea nella direzione indicata dalla nota. A dare un po' di pepe a questo gameplay apparentemente classico ci penseranno gli elementi ruolistici inseriti.

Ogni personaggio potrà equipaggiare un massimo di tre abilità e un oggetto, grazie ai quali migliorare le proprie statistiche o essere più efficaci in combattimento. Inanellando una combo di note, infatti, si potranno attivare effetti speciali in grado di semplificare lo stage, tutti ovviamente ispirati all'immaginario di Final Fantasy.

Per esempio, si potrà evocare una Summon in grado di causare ingenti danni, o saltare in groppa a un Chocobo che unificherà per qualche secondo le quattro linee nelle quali scendono le note. Altre caratteristiche aumentano per esempio i punti vita, in altre parole l'indicatore che stabilisce il quantitativo di errori in cui potrete incorrere prima di vedere la scritta game over. Le statistiche dei personaggi invece saranno utili per percorrere più facilmente i vari minigiochi, influenzando l'efficacia e la velocità dell'interfaccia.

Theatrhythm Final Fantasy è una sorta di mini enciclopedia della serie Square Enix.

Gli altri due minigiochi vedranno due diversi modi per seguire il ritmo delle varie colonne sonore. In Field Music Stage (FMS) le note saranno sovrapposte a una linea ondulata che scorrerà da sinistra verso destra. In questo caso dovremo essere non solo bravi a indovinare in tempismo, ma anche a inseguire i movimenti della linea.

Gli Event Music Stage (EMS) sono piuttosto simili ai FMS, solo che questa volta il cursore si muoverà automaticamente lungo il percorso non lineare. La difficoltà è data dallo scarso preavviso che si ha nel vedere le note apparire, elemento che con i ritmi più indiavolati potrebbe creare più di un problema.

"Uno dei possibili problemi del gioco potrebbe essere quello di non avere una curva di difficoltà ben modulata"

Uno dei possibili problemi di Theatrhythm: Final Fantasy potrebbe essere quello di non avere una curva di difficoltà ben modulata, per esigenze strutturali. È, infatti, impensabile che Final Fantasy I abbia necessariamente delle musiche più lente e semplici rispetto al XII: questo vuol dire che seguendo cronologicamente l'evolversi della serie avremo un alternarsi di brani complessi, con altri più lenti in base alle esigenze di narrazione.

Passando però alla modalità Challenge potremo non solo costruirci la playlist preferita, ma anche scegliere fra tre diversi livelli di difficoltà, capaci di rendere le sfide davvero impegnative, anche grazie ai 60 frame per secondo, che rende l'alternarsi di note fluido e frenetico.

Inoltre vi è la possibilità di giocare in wireless con un altro giocatore. Questa modalità è fondamentale per sbloccare nuovi oggetti e nuove canzoni, che sarà poi possibile rivedere nella sezione museo. Giocare con altre persone non porta reali vantaggi se non che sarete legati alle loro performance e, nel caso in cui gli altri muoiano, il game over varrà anche per voi.

In sede di recensione andrà dunque valutata la capacità di Theatrhythm: Final Fantasy di mantenere incollati allo schermo più a lungo di qualche ora. Durante la nostra breve prova, infatti, il titolo Square Enix ci ha intrattenuto e divertito, ma c'è il rischio che solo tre modalità di gioco e la tipologia di canzoni, meno varia degli altri rhythm game, possano scoraggiare tutti coloro che non sono fan sfegatati della serie.

Per questi ultimi, però, Theatrhythm: Final Fantasy potrebbe rappresentare un piccolo gioiello, capace di riportare alla mente alcuni dei momenti più intensi e toccanti degli ultimi venticinque anni dell'industria videoludica.

Theatrhythm: Final Fantasy uscirà per Nintendo 3DS il 6 luglio 2012.

A proposito dell'autore
Avatar di Luca Forte

Luca Forte

Contributor

Luca si divide tra la gestione del ruspante VG247.it e l'infestare Eurogamer con i suoi giudizi sui giochi sportivi, Civilization, Fire Emblem, Persona e Football Manager. Inviato d'assalto, si diverte a rovinare le anteprime video dei concorrenti di tutto il mondo in modo da fare sembrare le sue più belle.

Commenti