Se clicchi sul link ed completi l'acquisto potremmo ricevere una commissione. Leggi la nostra policy editoriale.

Monster Hunter 3

Cacciatori e prede si scontrano su Wii.

Ai Giapponesi piace andare a caccia di mostri, c'è poco da fare. Se i più piccini vanno matti per quelli tascabili (qualcuno ha detto Pokémon, lo so) l'utenza più adulta non può che gettarsi a capofitto su Monster Hunter, un brand che su PSP è riuscito a muovere qualcosa come cinque milioni di copie. La serie approda ora su Nintendo Wii col terzo capitolo. L'attesa cresce di giorno in giorno e le premesse per l'ennesimo "million seller" ci sono tutte.

Monster Hunter si fonda da sempre su meccaniche di gioco altamente peculiari. Un sistema di controllo non proprio agevole e una difficoltà alquanto ostica (soprattutto nelle fasi iniziali) non gli hanno permesso qui in Europa di conseguire il successo che probabilmente avrebbe meritato se avesse avuto qualche limatura in più. I titoli della serie richiedono pertanto una grande dedizione, che viene ripagata solo a costo di numerosi sacrifici da parte del giocatore. La domanda che ci poniamo è: riuscirà a superare tali problemi con l'utilizzo di Wii Remote e Nunchuck?

Il producer Ryozo Tsujimoto sostiene che una delle ragioni di fondo del mancato successo in Occidente sia attribuibile all'assenza di una attiva community di giocatori. "In Giappone" dice, "i giocatori istruiscono altri giocatori, e parte di ciò è dovuto a fattori ambientali". In terrà nipponica non è infatti raro vedere gruppi interi di persone nei mezzi pubblici con una PSP tra le mani, intenti a scambiarsi commenti o a giocare insieme tramite connesione wireless.

Monster Hunter 3 sembra già mostrare un comparto grafico decisamente apprezzabile.

Lo sviluppo sulla console Nintendo comporterà una maggiore accessibilità, il che ci fa ben sperare per una eventuale release occidentale. Monster Hunter 3 uscirà in Giappone il prossimo anno, rivela Tsujimoto. La sua speranza è quella di poter presto portare il gioco al di fuori dei confini nazionali. I lavori nel processo di sviluppo, aggiunge, procedono alacremente.

Il gioco approderà su Nintendo Wii con tutta una seria di nuove armi, nuovi controlli adattati alle particolari periferiche della console e un motore grafico che promette di spremere al massimo le potenzialità della macchina. Le meccaniche basilari rimangono immutate: dovrete quindi impegnarvi a cacciare mostri di ogni tipo in uno scenario squisitamente fantasy. Come al solito dovrete prendere prima dimestichezza con i comandi, ma in questo caso il tutto dovrebbe avvenire con molta meno frustrazione rispetto al passato.

Ebbene sì, avremo modo di avventurarci persino in oscuri abissi come questo.

Anche stavolta avremo la possibilità di esplorare scenari vastissimi in piena libertà. Il gioco è infatti ambientato in un'isola paradisiaca, ricca di grotte, spiagge e altre location parecchio evocative. Da un punto di vista prettamente estetico, MH3 mostra una maturità alquanto insolita, soprattutto considerando le recenti produzioni destinate alla console Nintendo. Gli aspetti tattici del gioco sono stati ulteriormente approfonditi, senza complicare un gameplay comunque collaudato. Andare in cerca di mostri e ingaggiare subito battaglia non sarà sicuramente il modo migliore per guadagnare la propria preda. Spesso dovrete sondare il terreno circostante, studiare il comportamento delle bestie e cominciare a pianificare un attacco che possa portarvi alla vittoria senza eccessive complicazioni. Anche dopo aver compreso il giusto approccio, il testa a testa contro i mostri potrà richiedere pazienza e abilità. Alcuni scontri risulteranno senza dubbio molto lunghi e faticosi.

Commenti

More Anteprime

Ultimi Articoli