Scoperto un hack per acquisti in-app gratuiti

Apple indaga come su ogni "attività fraudolenta".

Apple ha scoperto un exploit sui dispositivi iOS che consente di effettuare acquisti in-app gratuitamente.

L'hack "inganna" le applicazioni rimandandole a una versione fraudolenta dell'App Store, che i malintenzionati hanno ricreato su un server personalizzato.

Tale server è stato creato dal programmatore russo Alexey V. Borodin ed è in grado di falsificare i codici usati da Apple per convalidare gli acquisti in-app.

"Ogni ricevuta in-app è generica", ha spiegato Borodin a Macworld. "È stato facile aggirare il sistema. È il mio hobby ed è una sfida per finanziare CSR Racing (un titolo freemium dell'hacker per iOS, ndR)".

"La sicurezza dell'App Store è incredibilmente importante per noi e per la community degli sviluppatori", ha replicato la portavoce di Apple, Natalie Harrison. "Prendiamo molto sul serio i report sulle attività fraudolente, e stiamo indagando".

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Paolo Sirio

Paolo Sirio

Redattore

Boxaro ma non troppo, sonaro a tratti con un occhio di riguardo per Nintendo, comprende ben presto che il mestiere del giornalista, filtrato per la passione dei videogiochi, ha tutto un altro sapore.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza