Candidata al Senato USA criticata perché gioca a WoW

"Il Maine ha bisogno di un senatore che viva nel mondo reale".

Un gruppo di Repubblicani americani ha dato il via a una campagna diffamatoria contro Colleen Lachowicz, candidata al Senato accusata di giocare a World of Warcraft.

Stando al sito appositamente creato, Lachowicz non sarebbe pertanto adatta alla carica di senatrice.

"Questo certamente pone dei dubbi sulla sua maturità e sulla sua capacità di prendere serie decisioni per le persone del Senate District 25", ha rincarato la dose il portavoce del partito del Maine.

Lachowicz "ha vissuto una doppia vita che richiede molto tempo come membro della community di World of Warcraft. Oggi, Colleen sta giocando al livello 85, il più alto che si possa raggiungere. Secondo alcuni studi, la media dei giocatori di World of Warcraft ha 28 anni e passa sul gioco 22.7 ore a settimana".

La candidata al Senato ha naturalmente replicato a queste accuse:

"Penso sia strano che io sia stata messa sotto accusa per giocare a titoli online. Apparentemente sono in buona compagnia dal momento che ci sono altri 183 milioni di americani che giocano online (stando al Christian Science Monitor). Cosa faranno dopo? Mi ostracizzeranno per aver giocato Angry Birds o Words with Friends? In quel caso, sarò colpevole!".

E pensare che i nostri politici preferiscono ben altri tipi di giochi...

2
Una delle immagini usate per mettere in cattiva luce Lachowicz

Vai ai commenti (16)

Riguardo l'autore

Paolo Sirio

Paolo Sirio

Redattore

Boxaro ma non troppo, sonaro a tratti con un occhio di riguardo per Nintendo, comprende ben presto che il mestiere del giornalista, filtrato per la passione dei videogiochi, ha tutto un altro sapore.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (16)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza