The Elder Scrolls Online: il canone è stato "una scelta consensuale"

Bethesda e Zenimax in sintonia sul sistema di monetizzazione.

La scelta di far pagare agli utenti un canone mensile per giocare a The Elder Scrolls Online ha trovato d'accordo sia Bethesda che Zenimax in fase di progettazione.

A spiegarlo è stato Pete Hines, global VP della sezione marketing e pubbliche relazioni di Bethesda, in un'intervista con GamesOnNet.

"È corretto dire che è stata una decisione presa di comune accordo. Non l'hanno deciso solo loro e noi non l'abbiamo imposto. C'è stato molto dibattito a riguardo. È una decisione per cui mi sono preoccupato, ma io mi preoccupo di tutto. È il mio lavoro, preoccuparmi. Ma credo che sia la decisione giusta e per le giuste ragioni".

"Ciò che determinerà se (il modello, ndR) avrà successo o meno non sarà quello che hanno già fatto gli altri", ha continuato Hines, spiegando che il team dovrà continuare a porsi la domanda "ci sono ragioni sufficientemente valide per giustificare i quindici dollari del gioco?".

"Se forniremo il tipo di contenuti che la gente vuole vedere allora i giocatori diranno "È fantastico, mi sto divertendo tantissimo, questi nuovi contenuti valgono davvero la pena" e l'abbonamento avrà funzionato. Se al contrario rilasceremo materiale che non incontrerà le aspettative allora avremo un problema per le mani".

Vai ai commenti (5)

Riguardo l'autore

Matteo Tabai

Matteo Tabai

Redattore

È un ragazzo abbastanza alto, appassionato di videogiochi, musica, montagna e buon cibo. Onnivoro sia a tavola che con un controller in mano, ha l'assurda pretesa di fare dei videogames la sua professione. Chi vivrà, vedrà.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Xbox Series X/S: Project Cobalt potrebbe essere il nuovo RPG di InXile, primi dettagli

Nuovi dettagli sul misterioso Project Cobalt esclusiva Xbox.

Raccomandato | Tales of Arise - recensione

Un gioco di ruolo che riesce a fare contenti tutti.

Articolo | Perché Skyrim ha avuto tanto successo?

Storia di un videogioco immortale lanciato 15 volte su 10 sistemi diversi.

'The Elder Scrolls VI sarà un'esclusiva Xbox, niente PS5'

Jeff Grubb è sicuro che The Elder Scrolls VI approderà solo su Xbox (e PC).

'Dragon's Dogma 2 esiste ed è sviluppato con il RE Engine'

Una nuova generazione di Arisen per il rumor di un noto insider.

Commenti (5)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza