I creatori di contenuti per Steam Workshop hanno guadagnato più di $57 milioni

L'annuncio arriva direttamente da Valve.

1

Valve ha snocciolato alcuni dati per quanto riguarda Steam Workshop e l'ammontare di denaro guadagnato complessivamente da coloro che hanno creato oggetti per Team Fortress 2, Dota 2 e Counter Strike: Global Offensive a partire dal 2011.

Attraverso Steam Workshop gli utenti possono condividere e mettere in vendita oggetti, armi e mappe di qualsiasi genere. Più di 100.000 elementi sono stati condivisi da 1500 utenti provenienti da 75 nazioni diverse per un guadagno complessivo di ben $57 milioni.

Valve ha recentemente deciso che Steam Workshop verrà utilizzato anche per titoli non pubblicati direttamente aprendo, quindi, ad ulteriori possibilità di guadagno per gli utenti che appartengono alla community di Steam.

Fonte: Steam

Vai ai commenti (1)

Giochi trattati in questo articolo

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

AESVI lancia la Guida agli eSports

Tutto ciò che c'è da sapere sul mondo dei videogiochi competitivi.

A seguito del caso Blitzchung, Riot ed ESL chiedono ai giocatori professionisti di non parlare di "temi sensibili" pubblicamente

Epic Games invece "supporta il diritto di esprimere la propria opinione su questioni politiche e diritti umani".

FIFA 20: il sito ufficiale di EA svela per errore dettagli personali dei giocatori

I giocatori hanno notato il problema mentre si iscrivevano alle Global Series di FIFA 20.

Articoli correlati...

ArticoloInvestire negli esport: stabilire resilienza in un ambiente volubile - articolo

il CEO di New Wave Esports, Daniel Mitre, sul fascino delle squadre in contrapposizione alla sostenibilità delle piattaforme.

In appena 2 anni Fortnite è diventato il secondo titolo con i più alti premi in denaro

Superando un mostro sacro come Counter Strike: Global Offensive.

La FIGC conferma lo sbarco negli eSport e vara la eNazionale in vista del Campionato Europeo UEFA 2020

Al via la seconda tappa di selezione della Nazionale di eFoot Azzurro che rappresenterà l'Italia nel campionato calcistico virtuale di PES 2020.

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza