Guild Wars 2: Heart of Thorns - prova

Un'occhiata alla closed beta.

Come sapranno gli appassionati della serie, da diverse settimane ormai vengono organizzati degli eventi per partecipare alla beta della nuova espansione di Guild Wars 2. Anche noi vi abbiamo avuto accesso potendo così vedere quanto è stato fatto finora, sebbene il tempo a nostra disposizione non sia stato molto.

Ovviamente non potevamo esimerci dal provare la nuova professione disponibile, il Revenant, un possente guerriero in armatura pesante capace di manipolare le energie del Mists, così da sfruttare il potere di figure leggendarie del passato di Guild Wars, come il re nanico Jalis Ironhammer o il demone Mallyx the Unyielding. A nostro piacimento potremo passare tra le due forme per sfruttare il potenziale di ognuna, avendo così a disposizione, almeno per il momento, dieci nuove abilità per seminare il terrore tra i nostri nemici.

In questa fase dello sviluppo le uniche armi utilizzabili sono un martello a due mani e la combinazione mazza e ascia; ovviamente ognuna di queste avrà le proprie peculiarità, come succede già per le altre presenti nel gioco, e all'inizio prendere confidenza con le nuove meccaniche non è stato facile, forse complice il fatto che era un po' di tempo che non mettevamo piede a Tyria.

1
Il Revenant, la nuova professione, in tutto il suo splendore.

Ci siamo perciò presi un attimo di tempo per scoprire cosa facesse ogni singola abilità a disposizione, per esempio durante l'utilizzo dell'enorme martello, scoprendo che non sarà assolutamente necessario restare vicini al nemico in quanto i poteri del Revenant lo trasformano in un'arma a distanza dall'alto potenziale distruttivo. Sicuramente molte cose sono ancora da affinare ma, per il momento, siamo rimasti piacevolmente soddisfatti da questa nuova classe che sembra avere un senso in mezzo a tutte le altre già disponibili.

Dopo aver perso qualche minuto nella creazione del personaggio e ad analizzarne le abilità, ci siamo lanciati nella nuova avventura. Un breve filmato introduttivo ci rinfresca la memoria sugli ultimi avvenimenti che hanno portato i nostri prodi ad avventurarsi ulteriormente nel cuore della giungla di Maguuma e, una volta terminata la visione, possiamo prendere parte alla prima missione in questa nuova zona. Qui non vi è nulla di realmente nuovo: ci troviamo a difendere un avamposto e, una volta terminata la difesa, possiamo parlare coi nostri compagni d'avventura, scoprendo però che per il momento ogni opzione di scelta ci è stata preclusa, se non quella che ci porta a a Verdant Brink.

La nuova area, facente parte dell'Heart of Maguuma, è tanto vasta quanto spettacolare, oltre ad essere una vera gioia per gli esploratori. Immersi nel verde partiamo alla scoperta di ogni meraviglia e pericolo, ci perdiamo in buie caverne alla ricerca di qualche tempio nascosto e ci affanniamo per raggiungere la vetta dei picchi più alti, ammirando il panorama per qualche istante salvo poi "planare" nuovamente nella mischia.

6
La qualità della grafica è quella consueta cui ci ha ormai abituato NCsoft.

Abbiamo usato il termine planare non a caso, in quanto in questa demo ci è stato possibile sbloccare anche il Glider, una sorta di aliante, grazie al quale gettarci da qualsiasi punto della mappa e raggiungere terra sani e salvi.

Questa abilità fa parte del sistema di Mastery, anch'esso una novità dell'espansione: una volta raggiunto il cap col nostro personaggio, che resta bloccato all'ottantesimo livello, esplorando le mappe, affrontando e completando sfide sbloccheremo dei punti che potremo spendere (un po' come quelli degli skill point) per acquistare le abilità del Mastery System. Questi diverranno disponibili una volta guadagnati abbastanza punti esperienza da riempire la relativa barra, che andrà a sostituirsi a quella del livello del personaggio.

Il nuovo sistema sarà condiviso con ogni personaggio del nostro account e comprende cinque diverse categorie: con Master Lore potremo decifrare le lingue delle civiltà della giungla andando così a scoprire i loro segreti; Master Legends ci darà la possibilità di sbloccare il ramo di collezione utile per ottenere i tanto agognati Precursor, ovvero la base per le armi leggendarie.

Con Master Exploration potremo imparare come utilizzare il glider e preparare speciali funghi che aumenteranno l'altezza dei nostri salti, il tutto per raggiungere zone inaccessibili; Master Combats, come suggerisce il nome stesso, ci sarà utile per scoprire nuove tecniche per affrontare le creature della giungla mentre, infine, con Master Fractal potremo sbloccare abilità per affrontare con maggior sicurezza le sfide in Fractal of the Mists.

Questo è quanto siamo riusciti a vedere nel tempo a nostra disposizione, ma con la nuova espansione arriveranno molte altre novità, come il già annunciato sistema di Stronghold ispirato ai MOBA, che porterà nuove sfide nel PvP, nuove zone per il World vs World e le tanto attese Guild Hall, dove ogni gilda potrà costruire il proprio punto di ritrovo per organizzare attività come Guild Mission, PvP e così via.

Inoltre non dimentichiamoci delle Elite Specialization per le professioni già esistenti, quattro delle quali sono già state svelate ma che non abbiamo avuto però il tempo materiale di provare. Detto ciò, l'esperienza di questa sessione è stata davvero appagante: i contenuti provati, i cambiamenti effettuati e quelli in divenire ci sono sembrati davvero molto interessanti. Purtroppo non si conosce ancora la data d'uscita ma di sicuro, dopo quanto visto finora, restiamo in trepidante attesa.

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Thomas Guidetti

Thomas Guidetti

Redattore

Borgomanerese di nascita, Gattinarese nel cuore. Uno zio malvagio ha rubato due braccia all'agricoltura regalandogli un Master System tanti anni fa.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza