Il prossimo progetto di Remedy continuerà a essere legato alle serie TV

Lo stile di Alan Wake e Quantum Break non verrà abbandonato.

Gli ultimi due progetti di Remedy Entertainment sono stati legati in maniera più o meno netta con delle vere e proprie serie televisive e a quanto pare questo modo di lavorare continuerà ad essere al centro dei prossimi giochi dello studio.

L'art director di Quantum Break, Saku Lahtinen, crede che questo modo di lavorare faccia ormai parte delle conoscenze dello studio.

"Abbiamo sempre voluto migliorare lo storytelling nei giochi. I videogiochi sono creati per divertire ma sono anche un medium tremendamente potente e capace di raccontare grandi storie e far vivere delle esperienze importanti.

"Alan Wake ci ha insegnato a ispirarci agli show TV. Quantum Break si basa su quelle fondamenta e abbiamo fatto molti passi in avanti dal punto di vista della creazione dei personaggi e della tecnologia dei visi in modo da proporre una storia ancora migliore. Abbiamo imparato a lavorare con star internazionali, creando storyline e inserendo un vero e proprio elemento live-action.

"La mia impressione è che il nostro prossimo gioco sarà un'evoluzione di tutte queste lezioni che abbiamo imparato, piuttosto che cercare di conquistare nuovi ambiti."

Cosa pensate delle dichiarazioni di Lahtinen e del modo di lavorare di Remedy? Sapete che la software house potrebbe essere al lavoro su Alan Wake 2?

Fonte: Xbox Achievements

Vai ai commenti (3)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Red Dead Redemption 2 PC - recensione

Il capolavoro di Rockstar arriva su PC, ed è la terra promessa che tutti aspettavamo.

La data di lancio di GTA 6 rivelata dal gruppo hip hop City Morgue?

Un presunto leak che avrebbe dell'incredibile.

ArticoloIl multiplayer di Death Stranding ha cambiato le regole del gioco - editoriale

Storia di un comparto multigiocatore incredibile e di un milione e mezzo di mi piace.

RaccomandatoDeath Stranding - recensione

Give me your hand in Life, give me your hand in Death.

Commenti (3)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza