Gli sviluppatori di Orion: Prelude ammettono di aver sfruttato gli asset di Call of Duty

Il boss di Trek Industries: "mi sento un idiota".

Questa settimana è stata caratterizzata da un caso molto particolare che ha messo l'uno contro l'altro Orion: Prelude e Call of Duty, Trek Industries e Activision.

Activision ha, infatti chiesto l'eliminazione da Steam del gioco a causa di asset di armi rubati da Call of Duty e utilizzati senza alcun permesso. Ai tempi delle prime accuse il CEO di Trek Industries, David Prassel aveva dichiarato che si trattava di dichiarazioni completamente infondate ma a quanto pare la situazione si è velocemente capovolta.

"La scorsa notte ho ricevuto delle prove direttamente da Activision riguardo asset che non erano mai stati mostrati in pubblico," spiega Prassel su Steam. "Dopo aver ricevuto queste prove è chiaro che degli asset sono stati sfruttati. L'artista responsabile si è offerto di ricrearli a costo zero ma è stato immediatamente licenziato.

1

"Il team è estremamente arrabbiato, mi sento un idiota dopo ciò che mi è stato presentato. Questo è il modo in cui ci si comporta però, tratti gli sviluppatori come dei bambini e li proteggi fino a quando non viene dimostrato che hanno torto. Viene dall'altra parte del mondo in Vietnam e quindi ci possono essere problemi di comunicazione. Ha deluso tutti e ora dobbiamo solo concentrarci sul gioco e lavorare duramente.

"La situazione è imbrazzante e fa letteralmente schifo ma è meglio che sia andata così."

Il caso si è quindi chiuso e i tanti proclami di Prassel sulle multinazionali che attaccano i più deboli suonano ora come estremamente ridicoli. Cosa pensate della vicenda?

Fonte: Eurogamer.net

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

Ratchet & Clank: Rift Apart per PS5 gira bene anche con il peggiore degli SSD compatibili

Digital Foundry analizza le opzioni SSD disponibili per PS5 usando Ratchet & Clank: Rift Apart

Death Stranding Director's Cut per PS5: in UK l'upgrade next-gen costa solo £5

Il passaggio alla versione PS5 next-gen di Death Stranding avrà un costo minore nel Regno Unito.

Articoli correlati...

Raccomandato | Kena: Bridge of Spirits - recensione

Un viaggio che tocca il cuore e lo spirito.

Articolo | BioShock, Rapture, Columbia e...? La rivoluzione narrativa di Ken Levine e Ghost Story Games

“Sono stufo di lavorare 5 anni a un videogioco lineare che viene finito in un weekend”.

Lost in Random - recensione

Un mondo a sei facce con molto stile.

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza