Dino Patti rivela perché ha lasciato il team di Inside e Limbo e qualche dettaglio di Somerville

Le parole dell'ex CEO di Playdead.

Vi abbiamo recentemente parlato di Somerville, il nuovo progetto di Dino Patti e di Jumpship, la software house fondata in collaborazione con l'animatore Chris Olsen. Per chi non lo sapesse Patti arriva da un'esperienza davvero molto importante come fondatore e CEO di Playdead, la software house che ci ha donato due produzioni di un certo rilievo come Limbo e Inside.

Cosa sappiamo di Somerville e perché Patti ha deciso di lasciare Playdead? Eurogamer.net lo ha incontrato per scoprire qualche informazione al riguardo. Partiamo dall'addio a Playdead e dalla decisione di vendere le azioni della compagnia al partner, Arnt Jensen.

"C'è stato una sorta di litigio. È qualcosa di delicato, è anche legato con altre ragioni personali. Playdead mi piace davvero molto, è qualcosa che rimane nel mio cuore. Amo le persone che ci lavorano, sono ancora mie amiche. Conosco piuttosto bene e parlo con il 98% delle persone che si trovano al suo interno. Per me era semplicemente arrivato il momento di fare qualcosa di diverso. Ho trovato un modo per poter fare ciò che desidero".

Patti e Olsen iniziarono a collaborare a Somerville nell'estate del 2016, intorno al periodo lancio di Inside. Patti inizialmente ha dato dei consigli a Olsen perché pensava che il suo gioco, Somerville, fosse interessante. Poi l'ormai ex Playdead si rese conto che avrebbe voluto partecipare molto più attivamente.

Somverville è un action adventure sci-fi che si rifà a classici come Another World e Flashback. "Ciò che lo renderà unico è il modo in cui sviluppiamo la meccanica centrale del gioco", spiega Olsen. "Prende qualcosa di molto semplice, ovvero il colore, come linguaggio e set di regole e gioca sul modo in cui quelle variabili funzionano nel mondo".

Il progetto è nella mente di Olsen da ormai tre anni in cui ha imparato i rudimenti dello sviluppo. Patti porta con sé investimenti, esperienza e visibilità, oltre che un occhio esterno molto utile per un progetto che è stato gestito sempre in solitaria.

Per quanto riguarda una possibile finestra di lancio, la fine dello sviluppo non sarebbe particolarmente lontana e i due pensano di annunciare la data d'uscita di Somerville circa tre mesi prima dell'arrivo sul mercato. Cosa pensate di questo progetto?

Vai ai commenti (0)

Giochi trattati in questo articolo

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza