All'interno del mondo dei videogiochi non mancano di certo diversi casi di appassionati che sono riusciti ad andare oltre svariati handicap per riuscire a continuare a vivere a pieno la propria passione. Spesso è la community stessa a dare una mano o comunque a spingere alcune personalità a dare vita a progetti estremamente interessanti.

Il caso dell'ingegnere di Mechatronics, Julio Vazquez è decisamente molto personale. Tutto è iniziato quando il suo amico, Rami Wehbe, ha perso l'uso della mano destra. Wehbe è un grande fan di Zelda e per questo motivo Vazquez ha accettato la richiesta dell'amico e si è messo al lavoro al fine di realizzare una periferica che permettesse di giocare con Nintendo Switch utilizzando una sola mano.

Il progetto si è suddiviso in due varianti. Tutti possono scaricare i file per realizzare le periferiche attraverso una stampante 3D, è sufficiente dirigersi sulla pagina dedicata di Thingiverse.

Ecco i due modelli segnalati da AbleGamers

Il primo modello è una sorta di case che unisce i due Joy-Con. In questo modo i giocatori che possono utilizzare una sola mano potranno raggiungere tutti i vari pulsanti.

1

La seconda variante è sicuramente più curiosa: i due Joy-Con vengono posizionati a 90°.

2

"L'attuale design è il risultato di quasi una settimana di ricerche e di molti prototipi fallimentari dato che dovevo assicurarmi che fossero semplici da stampare, leggeri e pratici. Dopo diversi test per assicurarmi che funzionassero al meglio abbiamo deciso di condividerli in modo che possano dare una mano ad altri giocatori che si trovano nella stessa situazione".

Un progetto indubbiamente degno di nota, che potrebbe aprire diverse possibilità a tutti i giocatori che per vari motivi possono utilizzare solo una mano. Cosa ne pensate?

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.